La pianificazione della pensione «Quanto costa il mio pensionamento?»

Il passaggio al pensionamento è un grande cambiamento. Un'analisi del budget vi dà sicurezza finanziaria.

di Jackie Bauer e Veronica Weisser 29 giu 2020

Immagine: UBS

Nonostante la nuova libertà dia a molti pensionati e pensionate una sensazione di rinnovamento, ci sono anche alcuni aspetti che fanno la differenza. Il reddito diminuisce, in quanto il 1° e il 2° pilastro (obbligatori) costituiscono solo poco più del 60% dell'ultimo stipendio. Ci si chiede quindi se sarà possibile mantenere il tenore di vita abituale durante il pensionamento. La risposta dipende dall'ammontare delle spese correnti e da come queste cambieranno: vale la pena prepararsi bene e fare una stima accurata del bilancio necessario. Infatti, l'aspettativa di vita rimanente per i neopensionati sfiora i 25 anni, ed è in costante aumento.

Non tutto cambia dall'oggi al domani

La struttura delle spese tende a variare nel corso della vita e di norma segue un determinato andamento. Lo dimostrano i dati dell'Indagine sul budget delle economie domestiche (HABE) condotta in Svizzera dall'Ufficio federale di statistica, che illustra a titolo di esempio una coppia senza figli che percepisce il reddito medio svizzero.

All'inizio della vita lavorativa le spese sono ancora contenute, ma in genere aumentano velocemente. Raggiungono il picco nella fascia di età dai 40 ai 65 anni e la categoria di spesa più sostanziosa è generalmente quella legata all'abitazione. Anche le imposte e i contributi sociali sono spese considerevoli, ma rimangono quasi invariate. Ogni situazione fiscale è diversa dall'altra; una considerazione che vale per tutte, però, è che durante la pensione le imposte diminuiscono meno di quanto si pensi.

In corrispondenza con la fine dell’attività lavorativa e l’inizio della pensione, le spese in genere si riducono leggermente. Gli ultimi anni di vita spesso sono caratterizzati da un brusco aumento dei costi legati alla sanità e all’assistenza.

Come cambiano le voci di spesa

Vale la pena riflettere sulle principali voci del budget e su un loro probabile cambiamento durante il pensionamento. A questo proposito, consultate il grafico "Spese di sostentamento mensili". In questo modo è possibile prendere decisioni consapevoli e mirate sulle varie voci di spesa.

  • Il consumo di generi alimentari e di conforto diminuisce: questa voce rappresenta solo una parte marginale della somma delle spese totali. All'inizio della vita lavorativa, si cerca di ridurre le spese proprio in questa voce. Con il passare del tempo le spese aumentano lievemente, per poi calare di nuovo con il pensionamento.
  • Le spese abitative rappresentano la voce maggiore in tutte le fasi della vita: per coloro che vivono in affitto la spesa è relativamente stabile e ammonta al 30% del totale. Tuttavia, una volta in pensione, molti riescono a vivere in modo più frugale. Nella scelta tra vivere in affitto o acquistare un immobile entrano in gioco molti fattori. In particolare, per appartamenti paragonabili al momento i bassi interessi rendono l'abitazione di proprietà circa il 15% più economica di un affitto.
  • Le spese sanitarie aumentano negli ultimi anni di vita: durante il pensionamento le spese sanitarie complessive raddoppiano rispetto al periodo di attività lavorativa. Inoltre, per gli ultimi anni di vita si deve mettere in conto un aumento esponenziale delle spese sanitarie, ad esempio a causa della necessità di assistenza. Nel calcolare un budget per la pensione dovreste, se possibile, mettere da parte un importo di risparmio separato per le spese assistenziali.
  • I costi di trasporto diminuiscono: una volta in pensione si spende in media solo la metà per i trasporti, non dovendo più andare al lavoro, e spesso invece dell'auto ci si sposta con mezzi pubblici; l'automobile è la spesa più consistente tra tutte le spese di trasporto per lo svizzero medio.
  • Tempo libero e relax devono essere considerati separatamente: nei primi anni di pensione si spende di più per viaggiare. Ciononostante, in media non aumentano le spese per il tempo libero e il relax. L'importo maggiore, che costituisce circa la metà di questa categoria, è dedicato a bar e ristoranti, mentre circa un quarto a sport e cultura. È soprattutto verso gli ultimi anni di vita che queste voci subiscono una forte diminuzione.

Redigere un budget chiarisce le idee

Innanzitutto, stilate una lista delle entrate e delle uscite previste. Nel fissare un budget queste devono poi essere conciliate: nella maggior parte dei casi, ciò si traduce nell'eliminazione di alcune spese. Se siete una coppia, vivete in una comunità abitativa o fate uso della "sharing economy", potete trarre beneficio dalle economie di scala. Sono in particolare le spese maggiori come l'automobile o l'abitazione ad avere un certo prezzo di base, che è possibile ripartire condividendone l'uso. Nel complesso, per il budget di una persona singola (ed è spesso il caso delle donne per via dell’aspettativa di vita più alta rispetto agli uomini) si deve mettere in conto in media il 60-70% delle spese di una coppia.

Noi siamo lieti di assistervi

Per essere ben preparati al pensionamento, dovreste preparare per tempo un solido piano finanziario. Contattate il vostro consulente alla clientela, sarà lieto di assistervi con il suo know-how.