Dossier: "Previdenza razionale" Anche ciò che si possiede può perdere valore

Chi pianifica la previdenza vuole sicurezza e talvolta punta sul cavallo sbagliato. Spesso la ragione è l'illusione del contante.

diJackie Bauer e James Mazeau 09 apr 2021
Immagine: Pia Bublies

Molti lavoratori che utilizzano il pilastro 3a hanno scelto un conto di previdenza. Una decisione logica, poiché un conto significa sicurezza e magari, almeno in passato, anche un incremento del capitale. Tuttavia, dall'introduzione dei tassi d'interesse negativi a fine 2014 da parte della Banca nazionale svizzera, anche i conti di previdenza non rendono quasi più interessi e, nel caso di un rialzo dell'inflazione, possono persino comportare una perdita di valore reale nel corso degli anni. Ciononostante, la maggioranza degli occupati rimane fedele al conto di previdenza scelto. Leggete in questo contributo del dossier: "Previdenza razionale" perché è importante considerare anche le alternative.

1: come le tendenze comportamentali ci influenzano

Le decisioni possono essere basate sulla ragione o su tendenze comportamentali. È importante conoscere questi meccanismi.

2: ignorare l'invecchiamento è umano

La pensione, si sa, richiede una pianificazione finanziaria a lungo termine. Tuttavia, ciò non viene sempre messo in pratica.

3: anche ciò che si possiede può perdere valore

Chi pianifica la previdenza vuole sicurezza e talvolta punta sul cavallo sbagliato. Spesso la ragione è l'illusione del contante.

4: nel lungo periodo solo una buona strategia è di aiuto

Chi sceglie i titoli nel pilastro 3a deve conoscere le tendenze comportamentali che riducono il successo della propria strategia.

5: le buone decisioni richiedono pazienza

Chi sa tenere a freno le emozioni è nella posizione migliore per raggiungere una previdenza di successo nel lungo periodo.

Il comportamento descritto prima è legato a una tendenza che gli economisti comportamentali definiscono avversione alla perdita (loss aversion bias). Essa afferma che il dolore causato da una determinata perdita viene percepito in modo più acuto della gioia per un guadagno equivalente. In ambito previdenziale ciò vuol dire che si tende a scegliere il conto di previdenza, che non genera interessi, ma in apparenza non comporta neanche perdite. Puntare sulle azioni, più soggette a oscillazioni, ma che in passato hanno fornito rendimenti più elevati, appare invece troppo rischioso.

In un anno quali sono le vostre spese di sostentamento effettive? Cosa rimane per la previdenza?

A ciò si aggiunge l'illusione dei contanti (cash illusion bias), che fa credere che il denaro non perda valore, dato che 1 franco resta sempre 1 franco in termini nominali. Tuttavia, questa è una sensazione illusoria, poiché l'inflazione riduce il potere d'acquisto. Anche se da qualche tempo l'inflazione in Svizzera è bassa e si prevede che resterà contenuta nei prossimi anni, nel lungo periodo essa mina i risparmi pensionistici.

L'orizzonte d'investimento è decisivo

Chi desidera una previdenza a lungo termine deve tenere a mente che nel caso dei risparmi previdenziali privati l'orizzonte d’investimento rappresenta il fattore decisivo per determinare il livello di rischio. I modelli di UBS mostrano che, con un orizzonte d’investimento superiore a 15 anni, la maggior parte del capitale di previdenza può essere investito in un portafoglio di azioni diversificate, in modo da massimizzare il rendimento. È molto probabile che si riesca a evitare una perdita nominale entro il termine dell'orizzonte d'investimento, anche qualora in tale periodo i mercati finanziari dovessero subire battute d'arresto. In un orizzonte temporale più breve il rischio va tenuto a un livello più basso e pertanto l'investimento in azioni dovrebbe essere limitato a una parte del capitale.

Fondi d’investimento sostenibili UBS Vitainvest in breve

Desiderate potenziare la vostra previdenza privata e allo stesso tempo fare qualcosa di buono per l’ambiente e la società? Vi mostriamo come.

Spostando lo sguardo al periodo del pensionamento, l'orizzonte d’investimento si allunga e ciò consente una maggiore flessibilità e una massimizzazione delle opportunità d'investimento. In genere all'inizio della pensione c'è bisogno solo di una piccola parte dell'avere di vecchiaia accumulato. Il grosso dei risparmi privati dovrebbe essere tenuto per gli anni successivi, quando il capitale della previdenza professionale avrà perso valore e le spese sanitarie potrebbero aumentare.

Buono a sapersi: i conti 3a vanno chiusi al massimo all'inizio del pensionamento, ma i fondi d'investimento possono essere mantenuti e trasferiti in un deposito titoli.

Dossier "Previdenza razionale"

Nella quarta parte del dossier "Previdenza razionale" affrontiamo la questione degli investimenti da mantenere durante l'intera vita professionale e dei controlli regolari che ciò richiede.