La previdenza per ogni fase della vita Quando bisogna iniziare a pensarci?

Per un pensionamento senza preoccupazioni finanziarie, occorre chiarirsi le idee il prima possibile, a cominciare dal 3˚ pilastro.

di UBS Sapere 25 ott 2018

Illustrazione: Pia Bublies

20-30

Prima è, meglio è

Da giovani si pensa a girare il mondo, fare carriera e godersi la vita. Di solito la previdenza è un tema al di là da venire. Ma è sbagliato. Perché prima si comincia a risparmiare, meglio è. Anche se esigui, conviene versare regolarmente degli importi nel 3° pilastro. Così l’avere di previdenza crescerà gradualmente, grazie ai tassi d’interesse preferenziali, all’effetto degli interessi composti e, caso mai, ai rendimenti degli investimenti in fondi previdenziali.

Inoltre, diminuirà il conteggio fiscale, perché entro certi limiti gli importi versati nel pilastro 3a sono deducibili dall’imponibile. Si tratta comunque di denaro che non va «perso»: infatti può essere utilizzato anche prima della pensione qualora dovesse configurarsi l’ipotesi dell’acquisto di una casa o della costituzione di un’impresa.

Conviene dunque occuparsi della previdenza per la vecchiaia sin da giovani, anche perché – per percepire la rendita AVS massima – è bene evitare le cosiddette lacune contributive, possibili ad esempio in caso di mancati versamenti durante gli studi. Una questione, quella della previdenza, di cui tener conto anche in caso di lunghi soggiorni all’estero o interruzioni lavorative prolungate.

30-40

Tutelare la famiglia

La carriera procede e magari si inizia a pensare di metter su famiglia. Potrebbe quindi essere giunto il momento di stipulare un’assicurazione sulla vita nell’ambito della previdenza privata, così da tutelare la famiglia contro eventuali ristrettezze econo miche in seguito a decesso o incapacità di guadagno.

A considerare una copertura finan ziaria dovrebbe essere soprattutto chi convive senza essere sposato. L’AVS non prevede infatti alcuna rendita vedovile per i concubini, che però, in alcuni casi, possono essere favoriti nel 2° e 3° pilastro. È richiesta comunque iniziativa personale poiché questa fattispecie non è disciplinata dalla legge.

Chi effettua versamenti regolari nel pilastro 3a, dovrebbe valutare l’apertura di un secondo conto. In generale, è consigliabile farlo una volta superati i 50 000 franchi sul primo conto. Con diversi conti, infatti, il denaro risparmiato può essere prelevato in maniera graduale durante la vecchiaia, riducendo così l’onere fiscale.

40-50

Casa e previdenza

A un certo punto nasce il desiderio di acquistare una casa o un appartamento. Per realizzarlo, si può ricorrere ai soldi del 2° e 3° pilastro. Nel caso del pilastro 3a, si può utilizzare l’intera somma risparmiata per finanziare un immobile a uso proprio. Dai 50 anni, l’importo per il prelievo anticipato dalla cassa pensioni (2° pilastro) è soggetto a limitazioni. Si tenga presente che in caso di prelievo anticipato diminuiscono le prestazioni di vecchiaia e che potrebbe ridursi anche la copertura assicurativa per morte o invalidità. In alternativa, l’avere della cassa pensioni può essere costituito in pegno. Così non cambierà nulla a livello di prestazioni. Il rovescio della medaglia è un’ipoteca più alta e quindi un maggiore onere da interessi.

La previdenza per la vecchiaia può essere usata anche per un ammortamento indiretto dell’ipoteca: i debiti rimangono, però i proprietari dell’immobile versano l’importo corrispondente in un conto del pilastro 3a. Questi risparmi dovranno poi essere usati per ripagare l’ipoteca durante la pensione.

Non sempre nella vita tutto va come si spera: un divorzio, per esempio, si ripercuote anche sulla previdenza per la vecchiaia. Per avere in tempo utile una visione globale si consiglia una consulenza professionale.

50-60

I desideri sono finanziabili?

È tempo di fare il punto della situazione in vista della pensione, considerando innanzitutto i desideri personali. Che tenore di vita vorrei mantenere durante la pensione? Voglio lavorare a tempo pieno fino al raggiungimento dell’età ordinaria di pensionamento oppure è ipotizzabile un tempo parziale? L’obiettivo è il pensionamento anticipato?

Sono tutti desideri che vanno ponderati in funzione della futura disponibilità finanziaria. Se risultano delle lacune si può ancora correggere il tiro, ridimensionando i desideri o, se possibile, aumentando i cuscinetti finanziari per la vecchiaia.

Uno dei metodi più utilizzati a questo scopo sono i riscatti volontari nella cassa pensioni. Si possono effettuare in caso di lacune previdenziali derivanti ad esempio da incrementi salariali, soggiorni all’estero o interruzioni dell’attività lavorativa (p. es. per occuparsi della famiglia). Solitamente il certificato di previdenza permette di comprendere se sussiste questa possibilità. Un vantaggio di tali riscatti è la loro deducibilità dal reddito imponibile.

Altre soluzioni per incrementare i cuscinetti finanziari sono i versamenti nel pilastro 3a e altre formule di risparmio senza agevolazioni fiscali (pilastro 3b).

60+

Rimane una domanda importante

Al raggiungimento della pensione si inizia a godere dei propri risparmi. Ma prima occorre chiarire una questione centrale: rendita, capitale o formula mista? In pratica, dovete decidere se recepire l’avere della cassa pensioni in un’unica soluzione o sotto forma di rendita mensile.

Una risposta univoca non esiste. La scelta dipende dalla situazione di vita, dalla propensione al rischio, dalle competenze finanziarie nonché dal proprio reddito e patrimonio.

Una rendita dà più sicurezza. Il pensionato percepisce vita natural durante un import mensile fisso. In caso di morte, il coniuge riceve una rendita per superstiti garantita per tutto il resto della sua vita, solitamente però inferiore alla rendita del defunto. Una liqui dazione in capitale offre invece maggiore flessibilità. E, in caso di decesso, il capitale non goduto passa interamente agli eredi.

Comunque sia, prima del pensionamento è necessario organizzare i prelievi dal 2° e 3° pilastro. Una riscossione scaglionata presenta alcuni vantaggi fiscali.

Pianificazione previdenziale

Tutte le informazioni e i tool sulla previdenza in sintesi.