Sistemare tutto per il futuro

Come imprenditori, siete responsabili personalmente di molte cose – compresa la pianificazione della previdenza e la copertura dei rischi. E non solo per voi stessi e i vostri collaboratori, ma anche per il vostro partner o la vostra famiglia. Perciò, informatevi per tempo per assicurarvi di avere pensato in misura sufficiente alla previdenza e di essere coperti contro i rischi.

Le nostre guide gratuite vi aiuteranno a rispondere alle vostre domande su cassa pensioni, previdenza e dividendi.

Scaricare la guida

Le nostre guide gratuite vi mostrano in dettaglio come ottenere il meglio dalla previdenza e dalla copertura dai rischi.

Per saperne di più

Sì, potete attingere al patrimonio del 2° pilastro e al credito del pilastro 3a come capitale iniziale se fondate un’impresa individuale, una società in nome collettivo o in accomandita. Tuttavia, questo non si applica a una SA o a una Sagl.

Vi raccomandiamo di non usare tutto il patrimonio previdenziale per fondare un’impresa. Questo perché, se la vostra azienda non ottiene il successo desiderato, viene a crearsi una lacuna previdenziale.

Poiché, in qualità di imprenditori, siete soggetti all’AVS, AI e IPG, continuerete a essere coperti nel 1° pilastro. Potete inoltre versare contributi volontari nel 2° pilastro e decidere se stipulare o meno un’assicurazione contro gli infortuni.

Buono a sapersi: per i lavoratori autonomi non esiste un’assicurazione statale contro la disoccupazione nella professione principale. Dovreste quindi assicurarvi di conoscere i vostri diritti e doveri in relazione all’assicurazione sociale.

È impossibile prevedere tutti i rischi. Tuttavia, ci sono scenari che molte aziende attraversano, quali un’ulteriore esigenza di finanziamento o la rinuncia inaspettata di un socio in affari.

Prima si considerano tali ostacoli, prima ci si può proteggere contrattualmente o tutelare finanziariamente in modo che l’impresa possa continuare ad esistere senza problemi.

Diciamo le cose come stanno: nessuno di noi sa per quanto tempo saremo attivi nella nostra vita. Un’assicurazione sulla vita e/o sui rischi aiuta voi e i vostri superstiti a ridurre il trauma finanziario in caso di decesso o disabilità.

Con un mandato precauzionale, potete stabilire quale persona o quali persone di vostra fiducia deve o devono occuparsi dei vostri affari in caso di incapacità di discernimento.

Definendo chiaramente le aree di responsabilità e le persone, non solo semplificate la continuità della vostra impresa, ma anche le vostre condizioni di vita.

L’ottimizzazione fiscale è una questione molto complessa, quindi non possiamo dare una risposta generale a questa domanda. A seconda dell’importo, può essere più vantaggioso dal punto di vista fiscale per i titolari di una Sagl o di una SA ricevere un salario più elevato e meno dividendi, perché così facendo si ottengono più contributi nella cassa pensioni.

Maggiori informazioni sono disponibili nelle nostre guide e presso il vostro consulente fiscale.

Sì. È tuttavia necessario separare nettamente i due patrimoni. Nella fase iniziale può avere senso percepire un salario contenuto e impiegare il proprio utile per investimenti nell’azienda. In genere le aziende sono sottoposte a tassazione minore rispetto alle persone private.

Ma attenzione: se mantenete una grossa parte del patrimonio aziendale nella vostra azienda per molti anni e alla fine volete venderla o liquidarla, questo trasferimento una tantum del vostro patrimonio aziendale a quello privato può costarvi caro.

Previdenza professionale (LPP) per le aziende

Come partner indipendente, possiamo aiutarvi a trovare la soluzione di cassa pensioni perfetta per la vostra azienda:

  • vi assistiamo nella ricerca della soluzione più adatta alle vostre esigenze; 
  • esaminiamo regolarmente il mercato per trovare i migliori fornitori;
  • vi sosteniamo dal primo passo fino alla vostra decisione finale.