La transizione del LIBOR

Oltre il LIBOR Il mondo dei benchmark dei tassi di interesse sta cambiando. Ecco quello che dovete sapere.

Panoramica

Il London Interbank Offered Rate (LIBOR), uno dei dati più importanti nei mercati finanziari, dovrebbe essere gradualmente eliminato entro la fine del 2021. Questa nota, mentre mira a fornire una panoramica sulle diverse alternative e impegni per la transizione, intende anche rispondere alle più importanti domande sull'argomento. In sostituzione al LIBOR sono stati individuati tassi di riferimento alternativi (alternative reference rate, ARR), noti anche come tassi privi di rischio (risk-free rate, RFR), anche se creare alternative al LIBOR non è un compito facile. Il LIBOR è collegato a contratti del valore di bilioni di dollari statunitensi, per cui, nella transizione, siamo attivamente coinvolti con le autorità di regolamentazione, le banche centrali e gli organismi del settore. Desideriamo garantire un’agevole transizione per i nostri clienti nonché per la resilienza dei mercati finanziari.

Gli ARR, già in uso in alcune giurisdizioni, sono collegati a mercati sottostanti attivi e sono considerati più solidi del LIBOR. Noi sosteniamo la transizione agli ARR e ci impegniamo ad aiutare i nostri clienti a muoversi in una realtà che va oltre il LIBOR.

Perché il LIBOR viene sostituito

Il LIBOR è stato introdotto nel 1969, quando uno dei primi prestiti sindacati del valore di USD 80 milioni è stato ancorato al LIBOR (Fonte: Reuters, agosto 2012). Nel corso dei decenni, il LIBOR e gli altri Interbank Offered Rate (IBOR) hanno costituito un insieme efficiente ed efficace di tassi di interesse benchmark, che riflette il tasso di interesse sui prestiti interbancari non garantiti delle banche partecipanti al panel. A livello globale, più di USD 400 bilioni nozionali in derivati, prestiti e altri prodotti finanziari si basano sugli IBOR (Fonte: BIS Quarterly Review, marzo 2019). Gli IBOR sono inoltre integrati in molti processi finanziari, comprese le valutazioni e la gestione del rischio.

A seguito della crisi finanziaria, il numero di transazioni sul mercato interbancario è notevolmente diminuito, il che ha sollevato interrogativi sulla sostenibilità del quadro di riferimento del LIBOR.

Di conseguenza, nel 2017, la Financial Conduct Authority del Regno Unito ha annunciato che non avrebbe più obbligato le banche partecipanti al panel a continuare a fornire comunicazioni per il LIBOR dopo la fine del 2021. Dopo questo annuncio, le discussioni sull'abbandono del LIBOR sono progredite rapidamente e gli operatori del mercato hanno iniziato a prepararsi per la transizione a metodi alternativi, che mirano a sostenere un mercato finanziario solido e resiliente.

Cosa significa questo per i nostri clienti

La dismissione del LIBOR e di altri IBOR dovrebbe avere un impatto sulle transazioni presenti e future tra le diverse tipologie contrattuali e segmenti di clientela, tra cui mutui a famiglie, prestiti a imprese e negoziazione di derivati.

Stiamo valutando l'impatto che la transizione può avere sulle transazioni e sui prodotti legati agli IBOR, preparandoci al contempo a migliorare la nostra offerta di prodotti. Inoltre, stiamo monitorando da vicino gli sviluppi del mercato e considerando quali opzioni possiamo mettere a vostra disposizione.

Vi terremo informati sui continui sviluppi della transizione dal LIBOR. Nel frattempo, vi consigliamo di tenervi aggiornati sulla transizione e di considerare il potenziale impatto sui vostri prodotti.

Avete domande? Contattate il vostro consulente addetto alla clientela o rappresentante di vendita.

Prevediamo che i panel del LIBOR diminuiscano o scompaiano dopo la fine del 2021; le società dovranno essere in grado di gestire le loro attività senza il LIBOR a partire da tale data, e ridurre lo stock di contratti LIBOR 'legacy'.

Andrew Bailey, Chief Executive della Financial Conduct Authority, discorso tenuto alla Securities Industry and Financial Markets Association nel luglio del 2019


I tassi privi di rischio differiscono economicamente dal LIBOR e differiscono anche per valuta, il che aggiunge complessità a una transizione già molto impegnativa per i mercati finanziari globali.

Angus Graham, UBS LIBOR Migration Lead

Dimensione del mercato degli IBOR nelle cinque principali valute

FAQ

Sappiamo che ci sono varie domande sulla transizione dal LIBOR. Vi terremo aggiornati man mano che saranno disponibili ulteriori informazioni.

Cos'è il LIBOR?

  • Il London Interbank Offered Rate (LIBOR) è ampiamente utilizzato come benchmark che riflette il tasso di interesse sui prestiti interbancari non garantiti di banche partecipanti al panel.
  • Come funziona: Ogni giorno, un panel di banche contribuenti comunica i tassi all'amministratore del LIBOR, ICE Benchmark Administration (IBA). Queste lo fanno per cinque valute (USD, EUR, GBP, CHF e JPY) e sette tenor (ON, 1W, 1M, 2M, 3M, 6M e 12M). L'IBA calcola il LIBOR come media dei tassi di interesse comunicati dalle banche partecipanti al panel, sulla base di quanto verrebbe loro addebitato se dovessero contrarre prestiti da altre banche.
  • Negli ultimi decenni, il LIBOR e gli altri Interbank Offered Rate (IBOR) hanno costituito un insieme efficiente ed efficace di tassi di interesse benchmark, ampiamente utilizzato come tasso di riferimento nei contratti e per scopi di copertura. A livello globale, più di USD 400 bilioni nozionali in derivati, prestiti e altri prodotti bancari si basano sugli IBOR (Fonte: BIS Quarterly Review, marzo 2019).

Perché viene preso in considerazione l'abbandono del LIBOR?

  • Dalla crisi finanziaria del 2007/2008, il volume giornaliero delle transazioni interbancarie alla base del fixing del LIBOR è crollato.
  • L'IBA e le banche partecipanti al panel hanno apportato miglioramenti significativi al LIBOR. Tuttavia, tali miglioramenti non hanno potuto ovviare all'assenza di un mercato sottostante attivo.
  • Le banche partecipanti al panel sono diventate sempre più riluttanti a continuare a effettuare comunicazioni per il LIBOR a causa del livello ridotto di transazioni sottostanti.
  • La Financial Conduct Authority (FCA) del Regno Unito ha concluso che il LIBOR è potenzialmente insostenibile e nel luglio 2017 ha annunciato che non costringerà più le banche partecipanti al panel a effettuare comunicazioni per il LIBOR dopo la fine del 2021.
  • Nel giugno 2019, la FCA ha ribadito che le società non dovranno più fare affidamento sul LIBOR entro la fine del 2021, per tutte le valute e i tenor, e ha consigliato loro di prepararsi adeguatamente. Il benchmark del LIBOR potrebbe quindi non essere più utilizzato dopo tale data.

Quando avverrà la transizione del LIBOR?

  • La FCA ha stabilito che dopo il 2021 non obbligherà più le banche del panel a comunicare i tassi utilizzati per il calcolo del LIBOR. Le imprese dovranno considerare che la transizione del LIBOR si verificherà e dovranno preparasi a ciò di conseguenza.
  • Le autorità di regolamentazione si aspettano che la transizione venga dettata dal mercato, quindi non hanno stabilito una data fissa. Noi ci aspettiamo che il mercato delle diverse valute del LIBOR possa passere a nuovi tassi di riferimento alternativi in diversi momenti.

Quale sarà l'impatto della transizione sui prodotti che si basano sugli IBOR?

  • La transizione dal LIBOR e da altri IBOR dovrebbe avere un impatto sia sulle transazioni presenti che su quelle future, in particolare su derivati, obbligazioni, prodotti strutturati, prodotti cartolarizzati, prestiti e mutui, ma anche su altri prodotti e tipologie contrattuali che fanno riferimento agli IBOR.
  • Abbiamo inoltre intenzione di migliorare la nostra offerta di prodotti lanciando nuovi prodotti che fanno riferimento ai nuovi tassi di riferimento alternativi.

Qual è l'alternativa al LIBOR?

  • Ciascuna delle principali giurisdizioni (Stati Uniti, Regno Unito, Svizzera, Giappone ed Eurozona) ha individuato tassi di riferimento alternativi, noti anche come tassi privi di rischio. Molte altre giurisdizioni stanno valutando delle alternative. Potete trovare informazioni sulle alternative al LIBOR nella scheda "Tassi alternativi"

Qual è la posizione di UBS del LIBOR e come siamo coinvolti?

  • Per garantire l'efficienza del mercato finanziario è necessario un benchmark sostenibile e riconosciuto a livello internazionale, pertanto sosteniamo la transizione dal LIBOR e da altri IBOR e siamo attivamente coinvolti nelle discussioni dell'industria bancaria.
  • Stiamo contribuendo al dialogo dell'industria con le autorità di regolamentazione, le banche centrali e gli organismi del settore, con l'obiettivo di garantire continuità per i prodotti basati su benchmark e, di conseguenza, la resilienza del mercato finanziario.
  • Abbiamo messo a punto un programma di cambiamento interdivisionale e interfunzionale per valutare e affrontare l'impatto della transizione del LIBOR su processi, sistemi, documentazione e offerta di prodotti, e altre ancora.

In che modo la transizione del LIBOR influenzerà il vostro portafoglio?

  • Stiamo valutando l'impatto che la transizione può avere sulle transazioni e sui prodotti legati agli IBOR, al tempo stesso monitorando attentamente gli sviluppi del mercato. Al momento non è ancora possibile valutare con precisione l'impatto preciso della transizione del LIBOR, tuttavia continueremo a informarvi sui prossimi cambiamenti.
  • Nel frattempo, vi consigliamo di mantenervi aggiornati sulla transizione e di considerare il potenziale impatto sui vostri prodotti.

Tassi alternativi

 

Gli operatori del mercato hanno raggiunto un consenso sui tassi di riferimento alternativi overnight (overnight alternative reference rate, ARR), noti anche come tassi privi di rischio (risk-free rate, RFR). Sono stati istituiti gruppi di lavoro nazionali per tutte le principali valute per indirizzare la transizione verso i nuovi tassi.

Punti chiave:

  • Gli ARR sono strutturalmente diversi dal LIBOR e non sono equivalenti economici del LIBOR nelle rispettive valute.
  • Nei nuovi ARR si sta sviluppando liquidità, anche se c'è ancora strada da fare.
  • Sono in corso diverse iniziative per fornire strutture di termini per gli ARR. I metodi considerati includono il compounding dei tassi overnight su un periodo, o la derivazione di una struttura a termini basata su indici overnight swap e futures.

Tassi di riferimento alternativi per giurisdizione

Giurisdizione

Giurisdizione

Gruppo di lavoro

Gruppo di lavoro

Tasso alternativo

Tasso alternativo

Garantito vs non garantito

Garantito vs non garantito

Overnight vs a termine

Overnight vs a termine

 Amministrazione del tasso

 Amministrazione del tasso

Disponibile a partire dal

Disponibile a partire dal

Giurisdizione

usflag Stati Uniti

Gruppo di lavoro

Alternative Reference Rates Committee

Tasso alternativo

Secured Overnight Financing Rate (SOFR)

Garantito vs non garantito

Garantito

Overnight vs a termine

Overnight

 Amministrazione del tasso

Federal Reserve Bank of New York

Disponibile a partire dal

3 aprile 2018

Giurisdizione

ukflag Regno Unito 

Gruppo di lavoro

Working group on Sterling Risk-Free Reference Rates

Tasso alternativo

Reformed Sterling Overnight Index Average (SONIA)

Garantito vs non garantito

Non garantito

Overnight vs a termine

Overnight

 Amministrazione del tasso

Bank of England

Disponibile a partire dal

23 aprile 2018

Giurisdizione

switzerlandflag Svizzera

Gruppo di lavoro

The National Working Group on Swiss Franc Reference Rates

Tasso alternativo

Swiss Average Rate Overnight (SARON)

Garantito vs non garantito

Garantito

Overnight vs a termine

Overnight

 Amministrazione del tasso

SIX Swiss Exchange

Disponibile a partire dal

25 agosto 2009

Giurisdizione

japanflag Giappone

Gruppo di lavoro

Cross-Industry Committee on Japanese Yen Interest Rate Benchmarks

Tasso alternativo

Tokyo Overnight Average Rate (TONA)

Garantito vs non garantito

Non garantito

Overnight vs a termine

Overnight

 Amministrazione del tasso

Bank of Japan

Disponibile a partire dal

1° novembre 1997

Giurisdizione

europeanflag Eurozona

Gruppo di lavoro

Working Group on Euro Risk-Free Rates

Tasso alternativo

Euro Short-Term Rate (€STR)

Garantito vs non garantito

Non garantito

Overnight vs a termine

Overnight

 Amministrazione del tasso

Banca Centrale Europea

Disponibile a partire dal

2 ottobre 2019

Sfide poste dalla transizione

L'International Swaps and Derivatives Association (ISDA) ha individuato una serie di sfide poste dalla transizione1 che sono delineate di seguito. Tali sfide vengono affrontate attraverso gruppi di lavoro nazionali e forum del settore bancario, in cui UBS è attivamente impegnata. Questo elenco non è esaustivo.

Adozione del mercato di RFR (risk-free rate)

Adozione diffusa e simultanea da parte del mercato per consentire una transizione ordinata e controllata

Ambito legale

La transizione dovrebbe essere considerata nel contesto della documentazione giuridica sottostante per qualsiasi transazione.

Liquidità

Disponibilità di sufficiente liquidità necessaria per facilitare la transizione verso nuovi RFR, nonchè lo sviluppo di strutture a termini lungimiranti.

Regolamentazione

Le disposizioni normative esistenti potrebbero presentare complicazioni e/o ostacoli alla transizione.

Infrastruttura

Sono necessari importanti aggiornamenti operativi e infrastrutturali, dall'individuazione delle negoziazioni fino al regolamento, compresa la tecnologia per la conformità, la modellazione del rischio e il monitoraggio del portafoglio per incorporare nuovi RFR.

Governance e controlli

Miglioramenti delle governance, dei controlli e della conduzione di procedure di rischio per consentire la transizione e garantire la conformità.

Valutazione e gestione del rischio

La transizione dei contratti legacy potrebbe comportare coperture meno efficaci e/o problemi di valutazione del mercato.

Contabilità e tasse

I cambiamenti del valore equo (fair value) possono avere un impatto sulle aziende. Potrebbero essere influenzate anche le strutture di contabilità di copertura e loro affiliate.

Esposizioni di mercato

La portata della sfida

I tassi IBOR sono alla base di circa USD 400 bilioni in esposizioni in tutto il mondo. I tassi IBOR sono ampiamente utilizzati nel pricing di una serie di prodotti di credito e derivati e sono incorporati in processi finanziari, quali le valutazioni e la contabilità.

USD 400 bilioni

di esposizioni del mercato agli IBOR

5 valute

e tenor multipli

Fate clic sulla mappa interattiva per maggiori dettagli sull'esposizione del mercato agli IBOR per prodotto.

map
EURIBOR
>$150-180 bln
EURO-LIBOR
>$2 bln
Prestiti sindacati
Prestiti alle imprese
Prestiti retail
Titoli a tasso variabile
Cartolarizzazioni
Derivati OTC
Derivati negoziati
Depositi
Bassa ( < USD100 mld)
Media (USD 100 mld < x < USD 1 bln)
Alta ( > USD 1 bln)
JPY-LIBOR
>$30 bln
TIBOR
>$5 bln
Prestiti sindacati
Prestiti alle imprese
Prestiti retail
Titoli a tasso variabile
Cartolarizzazioni
Derivati OTC
Derivati negoziati
Depositi
Bassa ( < USD100 mld)
Media (USD 100 mld < x < USD 1 bln)
Alta ( > USD 1 bln)
USD-LIBOR
>$150-160 bln
Prestiti sindacati
Prestiti alle imprese
Prestiti retail
Titoli a tasso variabile
Cartolarizzazioni
Derivati OTC
Derivati negoziati
Depositi
Bassa ( < USD100 mld)
Media (USD 100 mld < x < USD 1 bln)
Alta ( > USD 1 bln)
GBP-LIBOR
>$30 bln
Prestiti sindacati
Prestiti alle imprese
Prestiti retail
Titoli a tasso variabile
Cartolarizzazioni
Derivati OTC
Derivati negoziati
Depositi
Bassa ( < USD100 mld)
Media (USD 100 mld < x < USD 1 bln)
Alta ( > USD 1 bln)
CHF-LIBOR
>$6.5 bln
Prestiti sindacati
Prestiti alle imprese
Prestiti retail
Titoli a tasso variabile
Cartolarizzazioni
Derivati OTC
Derivati negoziati
Depositi
Bassa ( < USD100 mld)
Media (USD 100 mld < x < USD 1 bln)
Alta ( > USD 1 bln)

Il percorso verso il 2021

Dal 2017 al 2021: Tappe fondamentali normative e di mercato

  1. Aprile 2017

    SONIA selezionato come tasso privo di rischio preferenziale in GBP

    Luglio 2017

    Relazione di A. Bailey (FCA) sulle banche partecipanti al panel non obbligate a comunicare al LIBOR dopo il 2021

    Ottobre 2017

    SARON raccomandato come l'alternativa al LIBOR in franchi svizzeri

    Aprile 2018

    Pubblicazione di SOFR

    Giugno 2018

    Prima floating rate note basata su SONIA, emessa dalla Banca Europea per gli investimenti

    Luglio 2018

    Prima floating rate note basata su SOFR, emessa da Fannie Mae

    Settembre 2018

    €STR raccomandato come RFR alternativo in EUR e in sostituzione di EONIA

  2. Luglio 2019

    EURIBOR autorizzato ai sensi del Regolamento EU sui Benchmark

    Ottobre 2019

    Pubblicazione di €STR. EONIA diventa €STR+Spread

    Dicembre 2019

    Prevista transizione a EURIBOR ibrido

  3. 1º trim. 2020

    Disponibile tasso a termine SONIA

    Ottobre 2020

    London Clearing House (LCH) e Chicago Mercantile Exchange Group (Gruppo CME) passano a SOFR Price Alignment Interest (PAI) e attualizzazione

  4. 4º trim. 2021

    Previsto tasso forward a termine SOFR

    Fine dicembre 2021

    La FCA non costringerà le banche partecipanti al panel a effettuare comunicazioni per il LIBOR e l'EONIA cessa di esistere

Informazioni aggiuntive

Gruppi di lavoro nazionali e organismi industriali

Informazioni specifiche relative alla transizione del LIBOR sono pubblicate sui siti dei gruppi di lavoro nazionali e delle organizzazioni del commercio. Di seguito vengono presentati i link ad alcuni siti.

Avvertenze legali