Nobel Perspectives: il mondo dopo il COVID-19

In questo webinar, il Premio Nobel Michael Spence analizza le implicazioni del COVID-19 su argomenti che includono la globalizzazione, la tecnologia e le disuguaglianze.

03 nov 2020

Nell’ambito del progetto UBS Nobel Perspectives, siamo lieti di presentarvi una serie di webinar grazie ai quali potrete porre le vostre domande direttamente ai Premi Nobel per l’Economia che hanno aderito alla nostra iniziativa.

UBS Nobel Perspectives affronta le questioni che definiscono la nostra realtà evitando ogni rumore di fondo e propone la più grande raccolta di contenuti tratti da interviste a Premi Nobel.

Insignito del Premio Nobel nel 2001 per i suoi studi nel campo dell’economia dell’informazione, il professor Michael Spence è Philip H. Knight Professor Emeritus of Management presso la Graduate School of Business della Stanford University, Senior Fellow della Hoover Institution di Stanford e Distinguished Visiting Fellow del Council on Foreign Relations, nonché Professore aggiunto presso l’Università Bocconi di Milano e Honorary Fellow del Magdalen College all’Università di Oxford. Insieme a Donna Kwok, Head of Asia Pacific Strategy di UBS Asset Management, ha delineato in questo webinar le conseguenze della pandemia di COVID-19 su temi quali la globalizzazione, la tecnologia e le disuguaglianze.


Messaggi chiave del webinar

  • La pandemia rappresenta un forte shock globale per la distribuzione del reddito
  • La povertà è aumentata ovunque. Le economie ricche e potenti dovrebbero fornire assistenza medica e finanziaria a quelle più vulnerabili
  • Pur rappresentando una minaccia per determinati ruoli e settori, l’intelligenza artificiale offre anche una serie di efficaci strumenti di inclusione per le popolazioni con un limitato accesso alle risorse
  • È essenziale trovare il giusto equilibrio tra inclusività modulabile e perdita della privacy, o controllo sui propri dati personali, per ottimizzare la crescita e ridurre le disuguaglianze
  • Il COVID-19 ha accelerato il ritmo della trasformazione tecnologica e della digital adoption, creando una serie di vincitori nell’ambito dei prodotti e servizi intangibili (digitali).
  • La diversificazione conta: gli eventi eccezionali altamente dirompenti, i cosiddetti “cigni neri”, sono destinati a diventare sempre più frequenti. Gli asset prevalentemente intangibili e digitali sembrano offrire la migliore copertura contro eventi futuri imprevedibili
  • Il mondo dovrà ricostruire una versione più complessa della globalizzazione, viste le enormi aree di cooperazione reciprocamente proficua
  • L’impatto della scoperta, produzione e distribuzione di un vaccino efficace sarà differenziato a livello mondiale
  • In futuro gli investitori dovranno prestare maggiore attenzione all’adozione di politiche molto aggressive

Il mondo nella morsa del COVID-19

I temi chiave del secolo

Potrebbe interessarti anche

Vuoi saperne di più su UBS Nobel Perspectives?