10 risposte sull'azionario cinese

In questo Q&A, il team che si occupa dei titoli azionari cinesi risponde ad alcune domande chiave da parte degli investitori

29 ott 2018

D: Qual è il vostro outlook per il segmento azionario della Cina e di Hong Kong?

R: Negli ultimi mesi, i mercati hanno dato segnali di debolezza, causati dalle politiche di riduzione della leva e dalle nuove normative imposte all’industria della gestione patrimoniale nel 1° semestre 2018, nonché dall’escalation delle frizioni commerciali fra la Cina e gli Stati Uniti.
Il mercato attraversa in questo momento due fasi di reset: in primo luogo, gli investitori stanno rivedendo le attese eccessive sulle prospettive del mercato e, in secondo luogo, anche le valorizzazioni sono interessate da un processo di revisione. Dall’inizio dell’anno ad oggi, alcune società hanno subito delle correzioni dovute a fattori non correlati alla crescita fondamentale. A nostro avviso siamo più vicini alla fine che all’inizio di questi processi.

D: Qual è la vostra view sulla guerra commerciale USA/Cina?

R: Stiamo prestando grande attenzione all’argomento ma è difficile prevederne gli sviluppi.
Un lungo periodo d’incertezza potrebbe avere ripercussioni negative sul sentiment per gli investimenti e la produzione.
Riteniamo tuttavia possibile che si raggiunga un compromesso ed è già positivo che le due parti in causa abbiano intavolato dei negoziati.
Alla fine, ambo le parti risulterebbero danneggiate da una guerra commerciale. Pensiamo quindi sia interesse di entrambi cercare una soluzione.
A livello aziendale, saranno coinvolte le società del settore export con un’esposizione elevata agli Stati Uniti.
Tuttavia, osservando le nostre strategie sugli investimenti, riteniamo che i nostri portafogli siano meno sensibili allo shock commerciale poiché siamo incentrati soprattutto sulla crescita nazionale cinese e abbiamo orientato il nostro portafoglio verso i titoli nazionali correlati ai consumi.

D: Temete una decelerazione della crescita dell’attività economica in Cina?

R: Gli investitori devono ricordare che, nonostante il rallentamento della crescita, l’economia cinese sta attraversando cambiamenti radicali, incluso il passaggio verso un modello economico basato sui consumi e i servizi, che deve ancora percorrere parecchia strada.

UBS Asset Management Italia

Disclaimer

Si prega di leggere i termini e le condizioni riportate di seguito, e confermare di averle lette, comprese e accettate cliccando sul bottone in basso.