Bruno Bertocci

Responsabile Global Sustainable Equities Team

Con la revisione del quadro normativo e il diffondersi di una maggiore consapevolezza sulla questione ambientale, gli investimenti favorevoli al clima e all’ambiente sono diventati la nuova normalità per gli investitori. Mentre l’economia e la società in generale affrontano la transizione verso un nuovo modello a basso tenore di carbonio, sempre più investitori si chiedono come allineare il proprio portafoglio ai cambiamenti necessari mantenendo gli obiettivi di investimento a lungo termine che si sono prefissati.

La nostra strategia investe in un portafoglio di società pronte ad affermarsi con successo in un’economia a basso tenore di carbonio. Affrontiamo il cambiamento climatico come un problema sistemico, guardando all’economia in modo olistico per individuare le società leader nella lotta al cambiamento climatico.

Il portafoglio punta a investire in società globali che presentano valutazioni interessanti e dimostrano capacità di leadership in tre categorie: mitigazione dei cambiamenti climatici (società che intervengono sulla propria attività operativa), adattamento ai cambiamenti climatici (prodotti e servizi che forniscono soluzioni per un futuro a basso tenore di carbonio) e transizione climatica (società che trasformano i propri modelli di business).

Il portafoglio ha un’importante esposizione verso i temi ambientali ma considera il cambiamento climatico come una questione sistemica, pertanto consente di creare un’asset allocation diversificata con una bassa impronta di carbonio.

Quando pensiamo alla sfida posta dai cambiamenti climatici, guardiamo all’economia in modo sistemico, analizzando il cambiamento in tutti i settori. Questo significa individuare le società leader nelle tecnologie efficienti sotto il profilo energetico, per esempio la mobilità intelligente e l’agricoltura di precisione, che hanno le potenzialità per trasformare il nostro ambiente. Puntiamo inoltre a investire in selezionate società energetiche che stanno affrontando la transizione verso un modello a basso tenore di carbonio.

Siamo convinti che gli investitori possano fare la differenza rivolgendosi ai settori che attualmente sono emittenti di carbonio, ma che hanno una strategia per passare a profili climatici decisamente più favorevoli. Investendo in queste società che riconoscono la necessità di cambiare e sostenendo il cambiamento attraverso un solido engagement, gli investitori possono favorire la transizione verso un mondo meno dipendente dal carbonio.

Per contrastare efficacemente i rischi legati ai cambiamenti climatici e al riscaldamento globale è essenziale ridurre drasticamente le emissioni globali di gas serra.

Figura 1: Emissioni di gas serra storiche e previste (GTCO2eq) fino al20301

Fonte: Climate Action Tracker (2018)

Le emissioni globali di gas serra devono diminuire drasticamente per contrastare efficacemente i rischi legati al cambiamento climatico e al riscaldamento globale

Le ambizioni degli investitori sono state limitate dalla scarsa disponibilità di dati rilevanti sul clima, a causa della mancanza di informativa da parte delle società o per l’incapacità di collegare la strategia di investimento alle proiezioni dei modelli climatici.

I dati stanno migliorando grazie a un maggiore livello di comunicazione e all’impegno di organizzazioni come la TCFD, ma non possiamo permetterci di stare ad aspettare i dati perfetti.

Stiamo quindi sfruttando una combinazione di modelli climatici proprietari: il Climate Aware Glide Path, un modello quantitativo che raffronta l’andamento dell’impronta di carbonio di una società con la necessaria riduzione delle emissioni implicita nello scenario dei 2 gradi, stimando la probabilità che la società consegua tali obiettivi di cambiamento della traiettoria, e la nostra valutazione qualitativa del profilo climatico e ambientale di una società, migliorato dall’engagement.

Siamo convinti che la combinazione tra analisi approfondita ed engagement attivo offra le migliori opportunità per contribuire a cambiare in meglio il profilo ambientale del nostro mondo.


Potrebbe interessarti anche