La Fondazione UBS per la cultura

Finalità

Come previsto dai suoi statuti, la Fondazione UBS per la cultura impiega dal 1999 i proventi annui del capitale della fondazione per la promozione della vita e della creatività artistica e culturale in Svizzera. In base a tale principio, ci impegniamo a favore dello scambio di contatti tra artisti e società, della varietà delle forme d’espressione culturale promuovendo in particolare la creazione e la divulgazione della produzione artistica e culturale contemporanea.

Eroghiamo contributi nei ambiti di promozione «Arti figurative», «Tutela dei monumenti e archeologia», «Film», «Letteratura», «Musica» e «Scienze umanistiche e culturali». In tale contesto, la Fondazione UBS per la cultura sostiene sia artisti e operatori culturali professionali di nazionalità svizzera o domiciliati in Svizzera sia progetti culturali con uno stretto rapporto con questo Paese. Nel pieno rispetto del suo scopo, la Fondazione UBS per la cultura persegue l’obiettivo di un’attività autonoma di promozione e sostegno, complementare al finanziamento pubblico e privato, che tiene conto dei diversi segmenti culturali e delle varie aree linguistiche e promuove non solo la preservazione ma soprattutto il rinnovamento della produzione culturale.

Storia

Nel 1999, a seguito della fusione dell’Unione di Banche Svizzere con la Società di Banca Svizzera e contemporaneamente alla Fondazione UBS per le questioni sociali e la formazione, è stata istituita la Fondazione UBS per la cultura per portare avanti l’impegno delle fondazioni costituite nel anniversario delle due banche precedenti.

All’epoca la fondazione dell’Unione di Banche Svizzere aveva come scopo «la promozione della vita e della produzione culturale, artistica e scientifica in Svizzera» (statuti della fondazione costituita nell’anniversario dall’Unione di Banche Svizzere, 1962), mentre la fondazione della Società di Banca Svizzera mirava anche «al sostegno di [...] istituzioni o aspirazioni di pubblica utilità, caritatevoli o simili». Per adempiere a questi compiti, l’Unione di Banche Svizzere e la Società di Banca Svizzera hanno conferito, nell’anno di costituzione delle fondazioni, un patrimonio di dieci e quindici milioni di franchi svizzeri rispettivamente. Fino al 1992, gli organi competenti dell’Unione di Banche Svizzere hanno aumentato il capitale di dotazione nel complesso di quindici milioni di franchi svizzeri. Tali aumenti di capitale hanno avuto ripercussioni immediate sui fondi disponibili per l’attività di promozione, dato che i contributi da erogare provenivano dai redditi di capitale annui del patrimonio della fondazione. Fin dalla loro costituzione le fondatrici si sono assunte i costi per la gestione operativa e l’amministrazione delle fondazioni, affinché i proventi derivanti dal capitale della fondazione potessero essere destinati interamente all’attività di promozione.

Attualità

La Fondazione UBS per la cultura porta avanti un’attività autonoma di promozione e sostegno, complementare al finanziamento pubblico e privato che tiene conto dei diversi segmenti culturali e delle varie aree linguistiche con un impegno teso non solo alla preservazione, ma soprattutto al rinnovamento della produzione culturale. Il Consiglio di fondazione è responsabile per l’attività di promozione e i suoi membri sono nominati dalla società donatrice includendo sia rappresentanti di UBS che esterni, provenienti dal mondo della cultura, scienza e società.

Ogni anno la Fondazione UBS per la cultura accoglie da 500 a 600 domande, di cui circa la metà soddisfa i requisiti richiesti dai rispettivi ambiti di promozione. Rispetto al numero totale di richieste, dal 15 al 20 percento di queste può essere finanziato per un totale pari a circa 1-1,5 milioni di franchi.

La Fondazione UBS per la cultura è uno dei membri fondatori di SwissFoundations, l’Associazione delle fondazioni donatrici svizzere nata nel 2001.