Occorrente:

  • 125 ml di latte
  • 125 ml di panna
  • 1 cucchiaio e mezzo di zucchero
  • Facoltativo: colorante alimentare (p.es. rosso)
  • Aroma (p.es. alla vaniglia)
  • 0,5 kg ca. di cubetti di ghiaccio
  • 120 g ca. di sale
  • Sacchetto per prodotti surgelati con capienza di 1 litro e chiusura a pressione o con cursore
  • Sacchetto per prodotti surgelati con capienza di 3,5 o 4 litri e chiusura a pressione o con cursore
  • Guanti di lana
  • Recipiente graduato

Procedimento

1. Nel recipiente graduato unisci il latte, la panna, lo zucchero e, a piacere, un po’ di colorante alimentare e aroma alla vaniglia.

Read More

2. Ora versa la miscela nel sacchetto piccolo.

Read More

3. Fai uscire l’aria dal sacchetto e richiudilo con cura premendo lungo i bordi. Il sacchetto deve avere una tenuta ermetica in modo da prevenire l’entrata della miscela di aqua e sale.

Read More

4. Inserisci qualche cubetto di ghiaccio e del sale nel sacchetto grande, poi mescola bene.

Read More

5. Inserisci il sacchetto piccolo in quello grande contenente il ghiaccio, quindi richiudi con attenzione il sacchetto grande.

Read More

6. Indossa i guanti e agita il sacchetto per circa cinque minuti. Nel farlo, assicurati che il sacchetto piccolo sia sempre circondato dalla miscela di acqua e sale.

Read More

7. Il gelato è pronto! La miscela a base di latte si è congelata trasformandosi in un cremoso gelato. Tira fuori il sacchetto piccolo e sciacqualo per togliere i residui di sale. Ora affrettati ad assaporare il tuo dessert: si scioglierà prima del gelato che hai di solito nel congelatore! Attenzione però, solo un cucchiaino alla volta, o potrebbero farti male i denti per il freddo. Buon appetito!

Read More

Nel dettaglio

Quando vengono agitati, il ghiaccio e il sale si sciolgono lentamente. L’acqua raggiunge così una temperatura molto fredda, che dopo un po’ fa consolidare la miscela a base di latte.

Perché?

Il sale si scioglie nell’acqua. Poiché anche sui cubetti di ghiaccio c’è un sottile velo d’acqua, il sale si scioglie non appena vi entra in contatto.

Una volta assorbito questo sottile strato d’acqua, se c’è ancora abbastanza sale, il ghiaccio comincerà di nuovo a sciogliersi in superficie. Il processo si ripeterà finché il sale non sarà finito. Mentre si scioglie, questo consuma energia sotto forma di calore, che viene sottratto all’ambiente circostante, cioè al ghiaccio. Così la miscela di acqua e sale si fa molto più fredda del semplice ghiaccio senza sale.

A contatto con la prima miscela, anche il latte e la panna rilasciano calore in modo da raffreddarsi e solidificarsi.