Zurigo, 25 luglio 2019 – Secondo la nuova indagine trimestrale sul sentiment degli investitori condotta da UBS Global Wealth Management, i cittandini e gli imprenditori svizzeri con ingenti patrimoni stanno adottando un atteggiamento sempre più positivo riguardo all’andamento dell’economia e del mercato azionario svizzeri dato il proseguimento della ripresa delle azioni, dopo il crollo dello scorso anno.

Il 49% degli investitori svizzeri si è dichiarato ottimista sullo stato dell’economia svizzera, rispetto al 41% dello scorso trimestre. Il 44% si è inoltre dichiarato ottimista sullo stato del mercato azionario svizzero, rispetto al 36% del trimestre precedente. Il Chief Investment Office (CIO) di UBS Global Wealth Management ha mantenuto un orientamento neutrale sui titoli svizzeri.

Anche a livello mondiale gli investitori hanno espresso livelli di ottimismo simili sull’economia e sui mercati azionari dei loro rispettivi paesi rispetto al trimestre precedente. Il 59% si è dichiarato ottimista sullo stato dell’economia interna nell’ultimo trimestre rispetto al 60% del trimestre precedente. In generale, il 55% degli investitori mondiali si è dichiarato ottimista sullo stato dei mercati interni del loro rispettivo paese, rispetto al 56% del trimestre precedente.

Nonostante ciò gli investitori svizzeri sono rimasti più riluttanti a investire denaro sul mercato, con il 18% che ha previsto di investire di più rispetto a una media mondiale del 46%. Il CIO consiglia agli intestitori di continuare a investire in un portafoglio diversificato, mantenendo in generale un orientamento positivo verso i titoli per il resto del 2019.

L'indagine, a cui hanno partecipato oltre 3800 investitori e imprenditori facoltosi di 17 paesi, mostra come gli investitori svizzeri tendandano ad indicare tra le maggiori preoccupazioni l’aumento delle spese sanitarie, con il 44% degli intervistati che le ha definite l’inquietudine principale.

Al secondo posto troviamo la guerra commerciale mondiale, citata dal 41% degli intervistati (in aumento di 14 punti percentuali rispetto al trimestre precedente) e al terzo posto l’aumento dei tassi di interesse, citato dal 40% degli intervistati (con un incremento di 31 punti percentuali rispetto al trimestre precedente).

Anche gli imprenditori svizzeri hanno citato l’aumento delle spese sanitarie come principale preoccupazione (41% degli intervistati), con al secondo posto le normative (36%) e al terzo posto le tasse (33%). L’ottimismo degli imprenditori svizzeri riguardo all’economia interna resta più elevato rispetto agli investitori, con il 52% degli intervistati che ha espresso un’opinione positiva, sebbene questo dato sia in leggero calo (-2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente).

Anton Simonet, Head of UBS Wealth Management Switzerland & Global FIM, ha dichiarato: «Gli investitori svizzeri continuano ad essere ottimisti sullo stato dell’economia mondiale e svizzera. Tuttavia, il loro approccio di investimento più controllato riflette i timori dati dalla situazione instabile che stiamo vivendo. Poiché ci rendiamo conto che le esigenze dei clienti cambiano rapidamente, continueremo ad assisterli per garantire il successo dei loro investimenti.»

In generale, nell’ultimo trimestre il sentiment è migliorato. La percentuale di investitori ottimisti riguardo all’andamento dell’economia mondiale è rimasta invariata al 51%, mentre quella di investitori che prevede di investire di più è aumentata di 4 punti percentuali, passando dal 42% al 46%.

Dopo gli Stati Uniti, l’area geografica con la propensione a investire in più rapido aumento è stata l’Unione europea, dopo l’annuncio da parte della BCE di possibili nuove misure di stimolo per far fronte al rallentamento dell’economia europea. Circa il 47% degli intervistati in Europa (Svizzera esclusa) ha dichiarto di aver previsto di investire fino a 8 punti percentuali in più rispetto al trimestre precedente.

Sul sondaggio

Dal 3 giugno al 6 luglio 2019 UBS ha intervistato 3899 persone, tra investitori e imprenditori, con almeno USD 1 milione di attivi investibili per gli investitori e con un fatturato annuo di almeno USD 250 000 e almeno un dipendente oltre a loro stessi per gli imprenditori. Il campione globale era composto soggetti provenienti da Brasile, Cina, Germania, Hong Kong, Indonesia, Italia, Giappone, Malaysia, Messico, Filippine, Singapore, Svizzera, Taiwan, Tailandia, EAU, Regno Unito e USA.

UBS Switzerland AG

Contatti

UBS Media Relations

Tel. +41-44-234 85 00
mediarelations@ubs.com