Comunicati stampa

In questo sito sono elencati i ultimi 20 comunicati stampa pubblicati.

novembre 2017

  1. Circa il 41% delle aziende svizzere sono fortemente segnate dalla digitalizzazione e dovranno effettuare importanti adeguamenti al loro modello aziendale. questo è ciò che risulta da un sondaggio condotto tra ben 2500 aziende. La digitalizzazione, insieme allo sviluppo demografico, potrebbe causare considerabili spostamenti dell'occupazione tra i diversi settori in Svizzera.
  2. Nel terzo trimestre del 2017 l'indice della bolla immobiliare ha segnato una leggera flessione e al momento si attesta in zona di rischio con 1,38 punti. Il lieve calo dei prezzi e l'aumento dei volumi ipotecari meno marcato rispetto al trimestre precedente hanno portato a una riduzione degli squilibri. La domanda di investimenti buy-to-let si è contratta marginalmente, ma rimane ancora a un livello non sostenibile sul lungo periodo.

ottobre 2017

  1. Per il 2018 UBS prevede in Svizzera un aumento medio dei salari nominali dello 0,7 percento. L'economia robusta dell'Eurozona e l'indebolimento del franco svizzero rendono fiduciose le aziende. A causa dell'inflazione annuale dello 0,6 percento prevista per il 2018, la crescita dei salari reali rischia però di essere quasi stagnante. Le aziende forniscono risposte positive in riferimento a nuovi concetti con i quali vogliono affrontare l'attesa carenza di personale qualificato dovuta al complessivo calo demografico. In pratica, deve essere dimostrato che le loro offerte vengono effettivamente utilizzate.
  2. Nel mese di settembre l'indicatore UBS dei consumi è salito a 1,56 punti indicando una crescita dei consumi appena superiore alla media pluriennale. L'indicatore dei consumi è stato sostenuto da aspettative decisamente più alte nel commercio al dettaglio. Tuttavia, UBS prevede per l'intero anno ancora una crescita delle spese per i consumi dell'1,3 percento.

settembre 2017

  1. Il settore degli alloggi a Zurigo e Ginevra è moderatamente sopravvalutato; i rischi di bolla immobiliare aumentano in altre città dei paesi sviluppati.
  2. Grazie a numerose nuove immatricolazioni di veicoli e a un buon numero di pernottamenti in albergo da parte di svizzeri, l'indicatore UBS dei consumi in agosto è salito a 1,53 punti e indica quindi una crescita dei consumi appena sopra la media pluriennale dell'1,5%. Tuttavia, gli economisti di UBS si aspettano per l'intero anno ancora una crescita delle spese per i consumi dell'1,3%.
  3. Global Family Office Report 2017: il più importante studio sui family office al mondo offre un’analisi approfondita su performance, investimenti e problematiche strutturali
  4. Tra aprile e luglio il barometro delle piccole e medie imprese (PMI) del comparto industriale è salito da 0,49 a 0,65 punti. Nel caso delle grandi imprese del settore industriale il valore è sceso leggermente da 0,51 a 0,41 punti. In entrambi i casi si sono registrati valori al di sopra della media pluriennale. Anche nel terziario la situazione economica è migliorata su larga scala.

agosto 2017

  1. Nel mese di luglio, l'indicatore UBS dei consumi ha registrato 1,38 punti base segnalando una crescita attenuata del consumo privato in Svizzera. Gravano sull'indicatore la crescita relativamente debole dell'occupazione e il numero di immatricolazioni di nuove auto in calo rispetto all'anno precedente. Un leggero effetto positivo sui consumi dovrebbe arrivare dalla svalutazione del franco.
  2. L'indice della bolla immobiliare resta invariato nel secondo trimestre rispetto al trimestre precedente. La congiuntura in miglioramento e i prezzi delle abitazioni di proprietà leggermente in calo, al netto dell'inflazione, contribuiscono alla stabilizzazione degli squilibri. Ginevra e Nyon non sono più tra le regioni a rischio.

luglio 2017

  1. Nel mese di giugno, l'indicatore UBS dei consumi ha registrato 1,38 punti e segnalando, come già nei mesi precedenti, una crescita rallentata del consumo privato in Svizzera. L'indicatore dei consumi è negativamente influenzato dalla crescita dell'occupazione relativamente debole. Frattanto, gli ultimi dati sulle nuove immatricolazioni di automobili e sui pernottamenti in albergo da parte di cittadini svizzeri si sono rivelati solidi, supportando l'indicatore dei consumi.
  2. Una vita lavorativa più lunga può aiutare a contrastare la carenza di personale qualificato dovuta a fattori demografici e l'aumento dei costi delle assicurazioni sociali. Serve però migliorare la reintegrazione della forza lavoro più anziana e rendere più attrattivo il prolungamento del lavoro oltre l'età di pensionamento. Sono necessari nuovi concetti innovativi che aprano la strada verso un mercato del lavoro flessibile e maggiormente orientato alle esigenze dei lavoratori più anziani.

giugno 2017

  1. Nel mese di maggio l'indicatore UBS dei consumi ha registrato 1,39 punti base, segnalando una crescita del consumo privato leggermente inferiore alla media. Questo risultato corrisponde alla previsione dell'UBS CIO per una crescita dell'1,3% nell'anno 2017. I dati pubblicati a giugno sulle nuove immatricolazioni di automobili e sui pernottamenti in albergo da parte di cittadini svizzeri si sono rivelati solidi e supportano l'indicatore dei consumi.