Ideali per la merce preziosa: i container frigoriferi di nuova generazione di SkyCell. Foto: ZVG

All’inizio lo scopo ambito di Richard Ettl e Nico Ros, fondatori di SkyCell, non era produrre container frigoriferi per l’industria farmaceutica ma applicare la tecnica di coibentazione ad alta efficacia ideata da Ros, ingegnere edile, nella costruzione di edifici molto alti. Parlando con uno specialista di logistica, Ross ha individuato la possibilità di impiegare la nuova tecnologia per rivoluzionare il mondo dei trasporti di prodotti farmaceutici.

I sistemi di trasporto attivi e passivi finora utilizzati dall’industria farmaceutica hanno notevoli svantaggi. Spesso i sistemi passivi possono essere impiegati una sola volta e generano quindi grandi quantità di rifiuti; dall’altra, i sistemi attivi hanno costi elevati, sono molto pesanti e richiedono un’alimentazione elettrica esterna: il rischio di interrompere la catena del freddo a causa della mancanza di corrente o di un uso inappropriato e il potenziale di danni durante il trasporto di merci del valore di diversi milioni sono molto elevati.

Grazie all’integrazione della nuova tecnica di coibentazione, SkyCell è riuscita a sviluppare una nuova generazione di container con numerosi vantaggi: l’elemento centrale è costituito dall’innovativa tecnologia di raffreddamento che, associata a una speciale tecnica di isolamento, è in grado di garantire una temperatura interna costante, compresa tra i due e gli otto gradi Celsius, anche in presenza di temperature esterne estreme. Se il container viene esposto a una temperatura esterna di 4°C, ad es. in una cella frigorifera, il sistema di raffreddamento si «ricarica» automaticamente e dura più a lungo. Un altro punto di forza dei prodotti SkyCell è la leggerezza della costruzione che consente di dimezzare il peso a vuoto rispetto ai container tradizionali e quindi, per i clienti, di risparmiare fino a un quinto dei costi. Anche dal punto di vista ecologico SkyCell fissa nuovi standard: dopo essere stato usato quattro/cinque volte, il container, costruito in PET, può essere quasi completamente riciclato.

«Grazie a una costante focalizzazione sugli obiettivi dell’azienda, SkyCell è stata in grado in breve tempo di trasformare una nuova tecnologia in un prodotto maturo per il mercato.»

Dott. Jie-Wei Chen, esperto di tecnologia

Soluzioni per clienti esigenti

Noleggiando i container frigo, il cliente riceve una soluzione di trasporto completa che comprende un tool di pianificazione, l’imballaggio e prossimamente persino un sistema di monitoraggio durante il trasporto. SkyCell ha terminato da poco la fase di test e le grandi aziende farmaceutiche che stanno effettuando le prove di convalida mostrano apprezzamento per la nuova impresa. Attualmente circola già in tutto il mondo un gran numero di container e con le 600 unità finora prodotte, la flotta di SkyCell è oggi la seconda sul mercato per dimensioni.

Dalla sua fondazione alla fine del 2012, la start-up, con sede a Zurigo, ha saputo sviluppare in tempi brevissimi un prodotto pronto per la commercializzazione. Questa innovazione d’avanguardia non è rimasta a lungo inosservata nel settore ed è stata premiata nel 2013 con il prestigioso «Swiss Logistics Award» e nel 2014 con il «Cool Chain Excellence Award». Attualmente l’azienda intende affermarsi sui mercati emergenti a rapida crescita, ovvero in paesi caratterizzati da condizioni climatiche estreme dove i clienti hanno le massime esigenze in fatto di logistica. «C’è un grande potenziale anche nello sviluppo di imballaggi più piccoli per effettuare consegne direttamente ai clienti finali», afferma Andreas Ernst, CFO di SkyCell. «Tra cinque anni vogliamo essere il numero uno per qualità sul mercato e offrire imballaggi di varie dimensioni per il trasporto a livello mondiale.»

SkyCell AG

Sede: Zugo
Anno di fondazione: 2012
Settore commerciale: trasporti/logistica
Collaboratori: 8
Fatturato: 0,5-3 mio. di CHF
Web: skycell.ch
Label «SEF.High-Potential PMI»: ricevuto a luglio 2014