Quando chiediamo alle start-up una definizione di Impact Hub, sentiamo espressioni tipo «un pacchetto all inclusive per l’imprenditorialità». Laboratorio digitale, spazio di co-working, fucina d’innovazione, incubatore di start-up e acceleratore di PMI: il segno distintivo di Impact Hub è essere a un tempo tutto questo.

L’idea è un successo. E sono così sorti hub ovunque: da Bamako a Bogotá, da Shanghai a Stoccolma, con ormai un centinaio di sedi in tutto il mondo. L’idea si basa su un vasto movimento internazionale che ha visto la luce nel 2005. Oggi la community conta già oltre 18 000 affiliati in tutto il mondo. Uno su dieci risiede in Svizzera, e tra questi le start-up sono 250.

La visione: uno sviluppo economico sostenibile

Impact Hub promuove le start-up svizzere sulla base di un nuovo modello commerciale: l’economia circolare. Principio base e scopo di questa nuova economia è progettare e creare beni e servizi in grado di preservare le risorse naturali nell’intero ciclo di vita del prodotto. Vengono così cercate soluzioni sostenibili, che spaziano dalla selezione dei materiali alla produzione, passando per il trasporto e il riutilizzo dei materiali al termine del ciclo di vita del prodotto.

Per concretizzare la visione di un mondo più sostenibile applicando i principi dell’economia circolare, Impact Hub ha coinvolto e riunito persone impegnate ed esperti che insieme dovrebbero trasformare al meglio idee di business in soluzioni adatte al mercato.


La consulenza è orientata alle esigenze concrete delle start-up.

Amanda Byrde


L’hub di Ginevra: qui vengono sviluppati modelli commerciali «d’impatto». Modelli che sanno conciliare abilmente obiettivi ecologici ed economici.

Read More

Amanda Byrde è copresidente di Impact Hub Switzerland. Nella collaborazione tra tutti gli Impact Hub svizzeri e nelle partnership con imprese come UBS intravede chiari vantaggi per le start-up.

Read More

Nell’Impact Hub di Ginevra si respira un’atmosfera molto internazionale. Le start-up, in particolare, beneficiano della vicinanza a molte ONG.

Read More

L’Impact Hub Geneva si trova nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria di Cornavin. Altre sedi svizzere di Impact Hub sono presenti a Zurigo, Basilea, Berna e Losanna.

Read More

Una rete globale: chi si affilia a un Impact Hub locale può utilizzare un centinaio di altri hub in tutto il mondo.

Read More

Un giorno in Impact Hub

Una giornata tipo in un Impact Hub è ricca di eventi e scambi. Ogni giorno, durante la pausa pranzo, uno degli affiliati condivide la propria competenza gratuitamente. Per esempio spiegando come realizzare una campagna di comunicazione efficace sui social.

Questi momenti di incontro giornalieri consentono agli altri affiliati di formarsi su un’abilità specifica, di incontrare potenziali investitori oppure di offrire il proprio know-how a progetti di altre start-up. Sporadicamente, la sera si svolgono anche eventi con partner esterni.

Quali sono i vantaggi per start-up e PMI?

«Offriamo diversi modelli di affiliazione», spiega Amanda Byrde, copresidente di Impact Hub Switzerland. «A seconda della propria maturità, le start-up hanno esigenze diverse. All’inizio le sosteniamo in ambiti come contabilità, questioni legali, ricerca di soluzioni di finanziamento, strategia di comunicazione e creiamo il contatto con i nostri esperti. Imprese più mature ricevono invece un sostegno per l’ulteriore sviluppo del proprio modello commerciale.»

È già possibile aderire con una quota di 40 franchi al mese. Chi ha bisogno dello spazio di co-working per tutto il mese versa l’importo massimo di 395 franchi – con il diritto a uno spazio di lavoro in tutto il mondo. L’affitto comprende inoltre l’uso delle sale riunioni e la partecipazione agli eventi che si svolgono ogni giorno.

L’organizzazione dispone di una fitta rete di esperti esterni, che durante gli eventi offrono ai membri consigli e suggerimenti.


In Impact Hub sviluppiamo insieme idee commerciali praticabili.

Amanda Byrde


Collaborazione con UBS

L’offerta di co-working di Impact Hub promuove sia lo scambio interno tra affiliati sia quello con partner esterni. Una partnership di questo tipo è appena stata sottoscritta con UBS. Da gennaio 2020, circa 30 start-up verranno seguite da UBS nella fase di incubazione. Per quattro mesi potranno così beneficiare dei consigli forniti dagli esperti della banca in materia di finanziamento o di allestimento del business plan.

«Questo tipo di partnership è fondamentale: la consulenza sul finanziamento è orientata alle esigenze concrete delle start-up», commenta soddisfatta Amanda Byrde. Un altro programma che amplia i punti di forza di Impact Hub e dei suoi affiliati.

UBS Start Business

La piattaforma per chi crea e fa impresa

Altri contributi sul digitale