Foto: Martin Rütschi

In Svizzera tutte le persone occupate devono effettuare versamenti nel 1° pilastro e la maggior parte dei dipendenti anche nel secondo pilastro. Tuttavia, se siete lavoratori autonomi avete maggiore flessibilità nella pianificazione della vostra previdenza per la vecchiaia. Potete avvalervi delle opzioni dei regimi regolamentati (con vantaggio fiscale) e non regolamentati, come il secondo pilastro, il pilastro 3a, il pilastro 3b e i prodotti assicurativi, oppure combinare tra loro le opzioni. Avete diverse possibilità a disposizione, ma la situazione personale e le vostre preferenze determineranno quale strategia sia la migliore per voi.

Il secondo pilastro: il massimo potenziale di risparmio fiscale

Di solito è possibile iscriversi a un secondo pilastro di propria scelta, impegnandosi a versare contributi regolari proporzionali al reddito. I contributi, fino al 25% della retribuzione (con un massimale), comportano imposte sul reddito più basse e contributi AVS più bassi. Il secondo pilastro comprende anche l’assicurazione in caso di morte e invalidità. Se affiliati a un istituto del secondo pilastro, è possibile versare contributi limitati al pilastro 3a (fino a CHF 6883 all’anno, aggiornamento al 2021). Il secondo pilastro è interessante se si è piuttosto contrari al rischio, se si hanno più di 45 anni o un breve orizzonte di investimento.

Rapporto «Secondo o terzo pilastro?»

Il nostro rapporto (in inglese) offre chiarimenti sulle diverse possibilità a disposizione dei lavoratori autonomi per strutturare la propria previdenza per la vecchiaia. E su come assicurare se stessi (e le proprie famiglie) dalle conseguenze finanziarie in caso di invalidità o decesso.

Pilastro 3a: il massimo potenziale di crescita

Se non siete affiliati a un istituto del secondo pilastro, potete versare contributi più elevati nel pilastro 3a, fino al 20% della retribuzione (massimale 2021: CHF 34 416 all’anno). Vale la pena notare che non siete obbligati a effettuare versamenti totali o continuativi. I contributi del pilastro 3a portano a una riduzione dell’imposta sul reddito, ma non riducono i contributi AVS richiesti. Per i lavoratori ad alto reddito, il risparmio fiscale annuo è inferiore a quello del secondo pilastro. Se si desidera coprire il rischio di decesso e l’invalidità, come è fortemente consigliato, è possibile richiedere una polizza assicurativa individuale. Tuttavia, vale la pena esaminare i costi e i benefici rispetto a una soluzione del secondo pilastro. Tra i lati positivi, il sistema del pilastro 3a offre il maggior potenziale di rendimento a lungo termine. Raccomandiamo questa opzione se avete meno di 45 anni, il vostro reddito è altalenante o siete un investitore disciplinato.

Senza schema: fortemente sconsigliato

Potete anche prepararvi alla vostra situazione finanziaria per l’età avanzata esaminando soluzioni disponibili al di fuori dei regimi regolamentati. Questa opzione potrebbe essere interessante se si desidera garantire la massima flessibilità. Il secondo pilastro e il pilastro 3a presentano restrizioni in termini di ritiri, scelte nell’universo degli investimenti e processo decisionale. Rimanere fuori dai regimi regolamentati può valere la pena se le rendite superano tutti i vantaggi fiscali persi condizionati dal sistema.


Notizie dalla nostra rivista