Foto: Adobe Stock

Un accurato piano di liquidità, aggiornato regolarmente, è d’obbligo per ogni imprenditore. Una gestione attiva della liquidità non serve solo a riconoscere in tempo utile eventuali impasse finanziarie, ma aiuta anche ad amministrare in maniera ottimale le risorse finanziarie dell’azienda.

La pianificazione è tutto

Il piano di liquidità è lo strumento di pianificazione centrale per ogni azienda. Esso indica infatti quando e quanti fondi servono per garantirne la solvibilità. Un piano ben fatto considera sia le entrate e le uscite connesse alle attività correnti per la gestione della liquidità a breve termine sia i mezzi necessari per investimenti o rimborsi di capitale per la gestione a lungo termine. A seconda delle dimensioni e della complessità dell’azienda, la pianificazione può avvenire ricorrendo a semplici calcoli Excel o a software specifici.

Utilizzare l’E-Banking

L’E-Banking fornisce una visione d’insieme sulla cronologia dei movimenti e sul saldo attuale di tutti i conti, costituendo così un importante strumento per la pianificazione e soprattutto per il monitoraggio della liquidità. Molte soluzioni di E-Banking prevedono inoltre un’anteprima del saldo delle transazioni future previste e la visualizzazione dei limiti di credito con l’importo ancora disponibile.

In UBS abbiamo però fatto un passo avanti: abbiamo infatti collegato il software aziendale esterno bexio con il nostro E-Banking e, grazie alla sincronizzazione automatica dei dati, visualizziamo anche i dati contabili correnti nel Liquidity Cockpit. In questo modo consentiamo alle PMI di avere una visione completa delle entrate e delle uscite previste nonché della liquidità che ne deriva. E tutto questo comodamente e direttamente nell’E-Banking.

UBS Liquidity Cockpit

Per gestire la liquidità della vostra impresa

Ottimizzare i debitori

Un ulteriore elemento della gestione della liquidità è l’ottimizzazione dell’incasso e dei crediti. Le prestazioni erogate dovrebbero essere fatturate rapidamente e le fatture in sospeso monitorate con attenzione. Particolarmente adatte a questo scopo sono le soluzioni PVBR (polizza di versamento arancione con numero di riferimento) sincronizzate con la contabilità debitori.

Le aziende con un’ampia base di clienti in Svizzera e un grosso volume di fatture possono optare anche per formule come l’e-fattura o l’addebito diretto. Queste soluzioni riducono gli oneri amministrativi e operativi e migliorano inoltre la pianificazione della liquidità grazie alla puntualità dei pagamenti in entrata.

Se una PMI dipende solo da pochi grandi clienti, è fondamentale chiarirne la solvibilità e se possibile concordare degli acconti o dei pagamenti anticipati.

Gestire i creditori

Rispetto a quella dei debitori, la gestione dei creditori nell’ambito della pianificazione della liquidità è più semplice, perché in questo caso è l’azienda stessa a decidere quando effettuare i pagamenti. Le fatture non vanno saldate né troppo presto né troppo tardi. Da un lato è importante evitare possibili interessi debitori o commissioni di credito inutilmente elevate. D’altro canto bisogna badare a non perdere la propria buona reputazione presso i fornitori, i creditori e gli enti di verifica della solvibilità.

In caso di pagamenti più consistenti si consiglia, nel limite del possibile, di effettuarli in concomitanza con delle entrate previste o eventualmente di concordare con il fornitore dei termini di pagamento o delle dilazioni. Se eventuali prossimi investimenti prevedono un forte impegno finanziario, oltre al classico finanziamento del credito, un’alternativa per preservare la liquidità potrebbe essere l’accensione di un leasing.

Altri contributi sulla gestione aziendale