Michael Egli parteciperà ai campionati europei delle professioni EuroSkills. Questo bernese fa lo scalpellino e al momento sta seguendo una formazione nell’ambito della conservazione dei monumenti. Il 24enne ha grandi ambizioni: mira a una medaglia agli EuroSkills. E non sarebbe la prima: in precedenza ha vinto l’oro agli SwissSkills e raggiunto il quinto posto ai WorldSkills del 2015.

In occasione del campionato delle professioni, Michael Egli sarà una garanzia nella sua disciplina. Nel 2014 ha vinto gli SwissSkills e un anno dopo si è piazzato quinto ai WorldSkills. Ora si sta allenando in vista del suo prossimo progetto: gli EuroSkills. Alla fine di settembre, insieme ad altri sette giovani svizzeri, lo scalpellino si recherà a Budapest per puntare al prossimo podio nella sua categoria professionale: grandi ambizioni con ottime prospettive.

Il 24enne sa già esattamente cosa è importante: cura dei dettagli, gesti sicuri, dimestichezza con i materiali e non lasciare nulla al caso. Ecco perché, per farsi trovare pronto, si è fatto mandare sei campioni di pietre dall’Ungheria. «Le pietre sono come le persone, sono tutte diverse», spiega Egli. «È una cosa che si deve vivere con tutti i sensi: sentire, guardare e lasciarsi ispirare. Ma soprattutto, ogni tipo di pietra necessita di una lavorazione speciale: una è porosa, l’altra dura, un’altra si rompe inaspettatamente.» E prosegue: «Durante gli EuroSkills basta uno scarto di un millimetro dalla norma perché vengano detratti dei punti. È quindi fondamentale conoscere al meglio le caratteristiche della pietra, cosa possibile solo tramite l’allenamento.»

I migliori del settore

Michael Egli lavora per la Carlo Bernasconi e in questa azienda tradizionale, che vanta oltre un secolo di storia, ha fatto il suo apprendistato di scalpellino AFC. Una professione che nel frattempo è diventata una vera e propria vocazione. «Ho sempre desiderato fare un lavoro manuale, dove ogni giorno posso vedere dei risultati concreti», spiega Egli. «Ho iniziato un apprendistato come giardiniere, ma ben presto mi sono reso conto che non era cosa per me.» Dopo essersi guardato un po’ in giro, decide di fare lo scalpellino. E ne è felice: «Lavoro in luoghi storici su oggetti che fanno parte del nostro passato e che hanno plasmato la società.»

Per prepararsi al meglio agli EuroSkills, Michale si recherà a Budapest pochi giorni prima dell’inizio del campionato e al momento scambia regolarmente idee con il suo supervisore. «Per ogni professione, SwissSkills ci mette a disposizione un esperto con esperienza professionale», spiega Egli. «Ci aiuta nella preparazione degli utensili.» La maggior parte dei suoi strumenti di lavoro, infatti, è stata realizzata dal giovane scalpellino stesso, proprio come una volta.

L’apprendistato di scalpellino dura quattro anni ed è incentrato principalmente sulla pratica. Alla parte teorica è dedicato un giorno di scuola alla settimana.

Il campionato nazionale delle professioni rappresenta il biglietto da visita per la competizione europea. Infatti, solo chi conclude al primo o al secondo posto nella propria professione, può partecipare agli EuroSkills. Le ragion d’essere di entrambi i campionati è la stessa: dare a chi è giunto a fine ciclo scolastico, e ancora non sa bene cosa fare, la possibilità di capire come indirizzare propria carriera . Ai giovani visitatori di questi eventi viene quindi offerta una fantastica panoramica delle varie professioni, di cui possono anche indagare gli aspetti quotidiani. Per i giovani in gara si tratta invece di un riconoscimento che onora la qualità del loro lavoro.

I prossimi SwissSkills si terranno dal 12 al 16 settembre, poco prima degli EuroSkills. Quest’anno saranno presentate 135 professioni e 1100 giovani si batteranno per la vittoria nella loro categoria. Sempre quest’anno, per la prima volta in qualità di esperto, Michael Egli supervisionerà e valuterà i lavori degli scalpellini partecipanti alla competizione.

Nel frattempo non vede l’ora di confrontarsi con i migliori al mondo della sua arte, e Budapest gliene darà certamente la possibilità. Al rientro dall’Ungheria, possibilmente da vincitore, Michael continuerà a dare il meglio di sé a Berna, dove la sua maestria non è meno richiesta che sul palco dei campionati mondiali. È infatti nella capitale federale che la Carlo Bernasconi opera maggiormente, restaurando antichi oggetti. Visto dove svolge la sua attività, Michal lavora spesso con l’arenaria bernese. «Il tipo di pietra con cui ha a che fare uno scalpellino dipende molto dal luogo di lavoro», dice. «A Berna è l’arenaria, mentre a Bienne e Soletta è la pietra calcarea.»

Una professione con molto sentimento

Chiedendo a Michael Egli perché un giovane dovrebbe intraprendere la professione di scalpellino, la risposta sgorga appassionata: «Chi desidera vivere l’artigianalità, l’emozionalità e la sostenibilità, dovrebbe diventare scalpellino. Creiamo qualità che dura nei secoli.» E aggiunge: «Ogni pezzo racchiude il lavoro dei miei predecessori. Ogni scalpellino lascia la sua firma, perché una parte della sua personalità si imprime nella pietra che sta lavorando.» Succederà così anche agli EuroSkills, nonostante norme precise che pongono limiti alla creatività. Vincerà chi saprà metterci l’anima interpretandole al meglio.

Ci sono ottime probabilità che questa persona sia Michael Egli.

L’impegno di UBS in favore dell’apprendistato

Il sistema duale di formazione professionale è una pietra miliare del successo della Svizzera in un’epoca di concorrenza globale come la nostra. Ecco perché, quale membro fondatore e «Presenting Partner» dell’iniziativa SwissSkills, UBS s’impe gna in favore dell’apprendistato. In collaborazione con una rete di solidi partner, UBS punta a un dialogo ampio, forte e positivo con l’opinione pubblica sulla formazione professionale. UBS è coinvolta in tutte e tre le piattaforme dell’iniziativa: con SwissSkills Career, UBS posiziona l’apprendistato professionale come eccellente strumento per l’ingresso nel mondo del lavoro. Con il suo sostengo agli SwissSkills Championships la banca contribuisce a rafforzare l’importanza di questo campionato nazionale delle professioni. Infine, il team SwissSkills sostiene i membri della squadra nazionale professionale svizzera.

ubs.com/swiss-skills

Altri contributi sulla gestione aziendale