L’arte dei giocatori di jass più abili sta proprio nel giocare al momento giusto i propri assi nella manica. Non c’è altro modo: per il finanziamento di un’azienda bisogna sempre adottare la soluzione più adatta alla situazione. E proprio come nel gioco dello jass, anche nel finanziamento la soluzione a prima vista migliore risulta meno che ottimale a una seconda occhiata. Perché l’arte del finanziamento non si ripercuote soltanto sui costi, ma anche sulla futura liquidità e sulla sicurezza finanziaria dell’azienda. Inoltre ha un notevole influsso sul suo futuro margine di azione.

Ad esempio in corso d’opera può risultare sensato non pagare gli investimenti con la liquidità personale, benché disponibile. E per l’acquisto di impianti e attrezzature aziendali raramente un finanziamento ipotecario è la migliore soluzione.

Non usare i mezzi di produzione per le ipoteche

Si continua a leggere il consiglio di finanziare macchine e impianti con oneri sui diritti di pegno immobiliare, adducendo come argomentazione i generali vantaggi dei tassi ipotecari. Raramente queste soluzioni sono convincenti se guardate più a fondo. Gli immobili, e la loro possibilità di sfruttarli come pegno, sono riserve finanziarie strategiche: devono quindi essere solo e soltanto impiegati quando proprio non ci sono altre fonti disponibili. Ma finché restano ancora opportunità di finanziamento alternative, le cartelle ipotecarie sugli immobili devono essere ben custodite. Questo vale in particolare modo per il finanziamento dei beni d’investimento, come i veicoli commerciali, le macchine di ogni tipo o gli impianti. Per tali acquisti il leasing offre una forma di finanziamento più sicura, flessibile e tuttavia conveniente.

L’autofinanziamento non è sempre la scelta migliore

Si crede diffusamente che sia vantaggioso finanziare il più possibile i mezzi di produzione con la propria liquidità. Ma proprio nelle PMI gestite dai titolari, un massimo grado di autofinanziamento può rivelarsi svantaggioso. Siamo convinti che gli imprenditori non debbano lasciare tutto il proprio denaro all’azienda, bensì costituire anche un patrimonio privato. Questo rientra nel margine di azione, in particolare nella regolamentazione delle successioni, consentendo all’imprenditore di approcciare la pianificazione della propria previdenza anche al di fuori dell’azienda. Per questo motivo, da un punto di vista imprenditoriale è più sensato pagare regolarmente i mezzi non necessari (che siano salari o dividendi) piuttosto che investire questo denaro in impianti, veicoli commerciali o dispositivi.

Il leasing ottimizza il mix di finanziamento

Se si opta per un impiego parziale di capitale di credito, si aprono interessanti opportunità. Spesso il finanziamento ottimale è un mix di diversi strumenti. Due metodi comprovati, i crediti d’esercizio per le esigenze a breve termine e i crediti fissi per i finanziamenti a lungo termine, vengono oggi spesso integrati con ulteriori strumenti.

Il meglio per la vostra azienda?

La forma ottimale di finanziamento non è una ricetta brevettata. Dipende piuttosto dalla rispettiva situazione, dalle esigenze e dalla strategia dell’azienda. Prima di operare una scelta, occorre comprendere con precisione vantaggi e svantaggi, nonché opportunità e rischi dei singoli prodotti.

Sicurezza, flessibilità, convenienza: ecco i benefici del leasing dei mezzi di produzione

  • Aumentate la sicurezza finanziaria della vostra azienda, perché il leasing è il finanziamento più stabile a lungo termine.
  • Ottenete flessibilità imprenditoriale, perché con il leasing preservate le altre forme di finanziamento e le tenete come riserva.
  • Ricavate un vantaggio sul prezzo, perché l’oggetto in leasing rientra a vostro favore nel conteggio degli interessi.
  • Fate calcoli con costi fissi, perché i pagamenti dei leasing sono noti e restano invariati per tutta la durata del contratto.
  • Trovate una soluzione su misura per la vostra azienda:
    • con rate personalizzate (lineari, stagionali o decrescenti; acconti, scambi);
    • con la garanzia ottimale da rischi valutari e dovuti ai tassi di interesse;
    • con la possibilità di concordare limiti di riferimento per investimenti ricorrenti.

Finanziamento facilitato

Richiedete online, velocemente e senza complicazioni, un credito in conto corrente per una liquidità aggiuntiva oppure un leasing per i vostri beni d’investimento.