In Svizzera, il congedo di maternità di 14 settimane è sancito dalla legge.

L’essenziale in breve

  • Le donne in Svizzera hanno diritto a 14 settimane di congedo di maternità retribuito all’80% del proprio salario, ma l’indennità giornaliera non può superare i 196 franchi.
  • Le donne ad alto reddito possono subire perdite considerevoli in termini di salario e previdenza per la vecchiaia, a seconda del loro reddito mensile.
  • Le stesse condizioni e lo stesso massimo giornaliero si applicano anche al congedo di paternità, che però è significativamente più breve, ovvero due settimane.

Le prime settimane dopo il parto sono un momento speciale. Per legge, le donne in Svizzera hanno diritto a un congedo di maternità e a un’indennità per perdita di guadagno. Molte aziende in Svizzera vanno ben oltre il minimo legale e pagano una compensazione salariale completa durante la maternità. In assenza di una compensazione completa, tuttavia, è necessario affrontare alcuni aspetti finanziari che riguardano il congedo di maternità in Svizzera. Soprattutto per le donne con un’elevata retribuzione, le perdite dovute alla maternità possono essere sproporzionatamente alte in questo caso. Leggete in questo articolo perché è così e cosa dovreste considerare.

Quanto dura il congedo di maternità in Svizzera?

In Svizzera, il congedo di maternità retribuito inizia dal giorno della nascita del bambino e termina entro 98 giorni o 14 settimane, da sfruttare in un’unica soluzione. Il congedo può essere anche interrotto in anticipo, ma almeno 8 settimane sono obbligatorie per ogni madre. Se una madre ricomincia a lavorare in anticipo dopo le 8 settimane obbligatorie, non ha più diritto a ulteriori pagamenti, in quanto ora riceve di nuovo il suo stipendio regolare. Dopo il parto, la legge sul lavoro prevede anche 16 settimane di protezione della maternità. Ciò significa che la collaboratrice non può essere licenziata durante il congedo di maternità.

Ampliare le conoscenze finanziarie

Ampliare le conoscenze finanziarie

Volete ampliare le vostre conoscenze sul tema della famiglia e delle finanze? Abbonatevi subito al corso «Famiglia».

In base a quali condizioni una madre riceve una compensazione finanziaria?

In Svizzera, il congedo di maternità retribuito inizia il giorno della nascita del bambino e termina 98 giorni dopo, ossia 14 settimane. Il congedo di maternità può anche essere terminato in anticipo, ma almeno otto settimane sono obbligatorie per ogni madre. Se una madre ricomincia a lavorare in anticipo dopo le otto settimane obbligatorie, non ha più diritto a ulteriori pagamenti, in quanto ora riceve di nuovo il suo stipendio regolare. Dopo il parto, la legge sul lavoro prevede anche 16 settimane di protezione della maternità. Ciò significa che la collaboratrice non può essere licenziata durante il congedo di maternità.

Durante tale congedo, per ricevere l’indennità di maternità sotto forma di indennità giornaliera devono essere soddisfatti i seguenti requisiti:

  • La donna è assicurata presso l’AVS nei nove mesi precedenti il parto (in caso di parto prematuro questo periodo si riduce) e ha lavorato per almeno cinque mesi durante la gravidanza.
  • Ha un rapporto di lavoro al momento del parto, è una lavoratrice indipendente o lavora per un compenso in contanti nell’attività del marito, della famiglia o del partner convivente, oppure
  • è alla ricerca di lavoro, ossia ha ricevuto il sussidio di disoccupazione prima del parto o ha soddisfatto le condizioni per farlo, oppure
  • al momento del parto non è abile al lavoro a causa di malattia, infortunio o invalidità e riceve un’indennità giornaliera per malattia, a condizione che tale indennità sia stata calcolata in base a una retribuzione precedente.

Quali sono le problematiche finanziarie legate all’indennità di maternità?

L’indennità durante il congedo di maternità in Svizzera ammonta in genere all’80 percento del reddito medio guadagnato prima della maternità. Tuttavia, l’importo massimo a cui una donna ha diritto è pari a 196 franchi al giorno. Ciò corrisponde a un massimo di 5880 franchi al mese. Di conseguenza, per le donne ad alto reddito le entrate percepite durante il congedo di maternità sono molto più basse rispetto a quelle dell’impiego regolare. Più precisamente, si tratta delle donne con uno stipendio di almeno 7350 franchi al mese.

C’è qualcos’altro che riduce ulteriormente le entrate percepite durante il congedo di maternità: continua infatti a sussistere l’obbligo per il datore di lavoro di contribuire alla cassa pensioni, e l’importo detratto rimane uguale a quello che precedeva la nascita del bambino. Tuttavia, qualora ciò comporti un onere finanziario eccessivo durante il congedo di maternità, la legge sancisce che questa detrazione può essere ridotta.

Considerate anche il congedo di paternità retribuito

Dal 1° gennaio 2021, anche i padri hanno diritto ad almeno due settimane di congedo di paternità nei primi sei mesi dopo il parto. Le condizioni sono identiche a quelle applicate alle madri. Durante queste due settimane, che possono essere utilizzate consecutivamente o in giorni diversi, la sua indennità di disoccupazione è strutturata come quella della madre: il padre ha diritto all’80% del suo stipendio medio, fino a un massimo di 196 franchi al giorno.

Se entrambi i partner percepiscono un reddito elevato, la lacuna salariale risulta ancora maggiore; a seconda del caso, è bene considerare anche la perdita di reddito del padre, soprattutto perché può presentarsi contemporaneamente a quella della madre. In ogni caso, il congedo di paternità ha una durata molto inferiore.

Come affrontare le sfide finanziarie

Il fatto che la maternità abbia conseguenze finanziarie è una realtà indiscussa, tanto più che molte donne optano anche per una proroga del congedo di maternità con un congedo non retribuito. Anche in questo caso, ogni donna dovrebbe affrontare le sfide finanziarie che ne derivano. Molte aziende offrono un congedo di maternità più lungo rispetto a quanto previsto dalla legge e, in alcuni casi, forniscono anche un accordo salariale completo.

Anche se si ritorna al lavoro a tempo pieno dopo il congedo di maternità, occorre considerare i costi per l’accudimento dei figli e altre spese collegate. In ogni caso, è importante affrontare per tempo il tema del congedo di maternità e creare una pianificazione finanziaria che sia il più a lungo termine possibile. Ad esempio, se prevedete di lavorare a tempo parziale dopo la maternità, ciò potrebbe avere un impatto notevole sulla vostra previdenza per la vecchiaia, in particolare sul secondo pilastro.

È consigliabile, pertanto, continuare a versare i contributi alla previdenza privata (pilastro 3a), se possibile anche con salari più bassi. Occupatevi attivamente della vostra previdenza per poter mantenere il vostro tenore di vita anche in età avanzata. Scoprite come procedere al meglio leggendo il nostro articolo Così pianificate la pensione in quanto donne.

Potete anche iscrivervi al nostro percorso formativo «Famiglia» se desiderate ricevere ulteriori consigli e informazioni sui temi della famiglia e delle finanze.

Ulteriori contributi sul tema famiglia

Perché un colloquio personale è molto importante

Cosa possiamo fare per voi? Siamo lieti di occuparci direttamente delle vostre esigenze. Sfruttate le seguenti possibilità per contattarci.