Famiglia Alimenti: una panoramica

Gli alimenti forniscono sicurezza finanziaria al coniuge o ai figli. Ecco tutto ciò che dovete sapere al riguardo. 

di UBS Women’s Wealth 09 ago 2021
Alimenti: il pagamento degli alimenti serve a fornire sicurezza finanziaria al coniuge o ai figli in caso di divorzio.

«Per le donne il matrimonio non è più un‘assicurazione sulla vita» titolavano i media svizzeri nella primavera del 2021, in riferimento alle recenti sentenze del Tribunale federale sul pagamento degli alimenti ai coniugi divorziati.

Il pagamento degli alimenti serve a fornire sicurezza finanziaria al coniuge o ai figli in caso di divorzio. Quando c’è il diritto al mantenimento del o della coniuge? E quando per i figli? A quanto ammonterebbero gli eventuali pagamenti? E in che modo le recenti sentenze del Tribunale federale influiscono sulla richiesta degli alimenti per il o la coniuge?

In questo articolo troverete le risposte a queste domande. 

Alimenti tra coniugi

Già nell’ambito della precedente giurisprudenza ci si aspettava che i coniugi di norma provvedessero autonomamente al proprio mantenimento dopo il divorzio. Tuttavia, c’erano anche dei meccanismi che deviavano da questa regola.

Criteri per il pagamento degli alimenti

Se uno dei due coniugi non era in grado di mantenersi dopo un divorzio, l’altro doveva fornire un sostegno finanziario tramite gli alimenti per un periodo di tempo minimo. Ma come è stato valutato questo sostegno?

  • Fino ad ora si presumeva che la coniuge (di solito si parla di donne, poiché in genere dedicano più tempo alla cura dei figli) non tornasse a lavorare se non aveva lavorato durante il matrimonio e aveva più di 45 anni al momento del divorzio.
  • Sinora, i coniugi avevano il diritto di mantenere il medesimo tenore di vita anche dopo un divorzio, a condizione che il matrimonio fosse durato più di 10 anni o che i coniugi avessero avuto figli insieme.
  • Non esisteva un metodo di calcolo degli alimenti che fosse comune a tutta la Svizzera; il calcolo era influenzato anche dal diverso contesto di ciascun Cantone.

Ecco come le sentenze del Tribunale federale influiscono sul diritto agli alimenti

Come precedentemente menzionato, si sono susseguite una serie di sentenze del Tribunale federale che segnano l’inizio di una nuova e più moderna era del diritto di famiglia; si prevede infatti che i o le coniugi debbano provvedere sempre di più alle proprie spese di sostentamento a seguito di un divorzio.

Anche se le decisioni continueranno a essere prese caso per caso, il Tribunale federale ha precisato che adotterà un approccio cauto nel decidere fino a che punto il matrimonio ha influito sulla vita (tedesco: «Lebensprägung»), al contrario di quanto accaduto finora. La decisione presa prevede

  • l’abolizione dell’attuale limite di età di 45 anni. Al giorno d’oggi si presume che l’inizio o il prolungamento di un’attività lavorativa siano ancora possibili anche dopo i 45 anni,
  • e che un matrimonio di 10 anni o più non eserciti automaticamente un’influenza concreta sulla vita (tedesco: «lebensprägend») della persona.
  • Anche l’esistenza di uno o più figli non è più considerato un fattore decisivo (tedesco: «lebensprägend»).

Secondo la nuova giurisprudenza, un matrimonio esercita un’influenza concreta sulla vita (tedesco: «lebensprägend») se uno dei coniugi ha rinunciato alla propria indipendenza finanziaria per occuparsi della famiglia e dei figli, e non è più possibile per lui o lei tornare alla precedente occupazione professionale. Ma anche in questo caso gli alimenti potrebbero essere limitati nel tempo e il o la coniuge potrebbe dover intraprendere lo stesso un’attività lavorativa in età avanzata.

Per il calcolo dei contributi di mantenimento tra coniugi separati o divorziati, si applica il cosiddetto metodo a due fasi, in base al quale il minimo di sussistenza è calcolato con la ripartizione delle eccedenze. Tale metodo favorisce una standardizzazione del calcolo degli alimenti in tutta la Svizzera. I fattori rilevanti sono, da un lato, le circostanze finanziarie, dall’altro le esigenze finanziarie, ossia il livello minimo di sussistenza secondo il diritto di famiglia.

Alimenti per i figli

Di norma, i figli hanno diritto a ottenere gli alimenti, a prescindere dallo stato civile dei genitori. Fino al raggiungimento della maggiore età o al completamento di una formazione iniziale che permetta loro di entrare nel mondo del lavoro, essi hanno diritto al mantenimento da parte dei genitori.

Se i genitori divorziano, occorre stabilire chi è responsabile del mantenimento dei figli e in quale misura, e a quanto ammontano gli alimenti.

Calcolo degli alimenti

Il mantenimento dei figli è determinato dal tribunale ed è composto dal fabbisogno in denaro e dai costi di accudimento.

  • Il fabbisogno in denaro copre i costi di tutte le necessità di base del figlio o della figlia, ad esempio cibo, abbigliamento e istruzione. Il genitore che si occupa personalmente dei figli può pagare la propria quota di alimenti sotto forma di «mantenimento in natura», mentre l’altro copre una quota in proporzione maggiore o addirittura l’intero fabbisogno in denaro.
  • I costi di accudimento compensano la perdita di guadagno del genitore che se ne occupa personalmente. Tuttavia, tale diritto sussiste solo se l’attività lavorativa viene limitata durante il normale orario di lavoro. Quindi, se i bambini vanno a scuola durante l’orario di lavoro giornaliero, la possibilità di esercitare un’attività lucrativa non è compromessa e non c’è alcun diritto, se non parziale, ai pagamenti di compensazione.

Inoltre, il calcolo del mantenimento dei figli può tenere conto del tenore di vita del genitore responsabile del pagamento. In caso di reddito e tenore di vita elevati, l’importo degli alimenti può aumentare, a seconda di come viene valutato il singolo caso.

Occupatevi fin da subito della vostra pianificazione finanziaria in modo da poter affrontare eventuali imprevisti

A nessuno piace pensare a temi come quello degli alimenti quando si parla di matrimonio o pianificazione familiare. Ciononostante, le recenti decisioni del Tribunale federale sottolineano l’importanza di gestire in prima persona le proprie finanze e di occuparsi di pianificazione finanziaria a lungo termine.

A tal proposito, è bene anche affrontare aspetti poco piacevoli, come una separazione o un decesso. 

Ampliare le conoscenze finanziarie 

Volete ampliare le vostre conoscenze sul tema della pianificazione del patrimonio? Abbonatevi subito al corso «Wealth Planning».

Alimenti: Una panoramica

Perché un colloquio personale è molto importante

Cosa possiamo fare per voi? Siamo lieti di occuparci direttamente delle vostre esigenze. Sfruttate le seguenti possibilità per contattarci.