Comunicati stampa

Studio UBS Prezzi e salari 2015: Zurigo, Ginevra e New York sono le città più care al mondo - Version Svizzera

Zurich Media Releases Switzerland

  • Zurigo e Ginevra sono anche tra le tre posizioni in vetta alla classifica delle città con potere di acquisto e salari più elevati. Kiev, Nairobi e Giacarta, invece, tra le tre di coda.
  • A Zurigo e Ginevra bastano 11 minuti di lavoro per comprare un Big Mac® – il terzo minor fabbisogno di tempo. A Zurigo, comunque, il costo dei generi alimentari è il più alto al mondo.
  • A Hong Kong si lavora quattro ore al giorno più che a Parigi.
  • Le imposte sul reddito sono le più alte a Copenaghen – 45% in media. A Zurigo il carico tributario in media è pari al 7%.
  • Il costo di un taglio di capelli a Zurigo è secondo solo a quello di Oslo, che è il più caro al mondo.

Zurigo, 17 settembre 2015 – Oggi UBS pubblica il 16° numero di UBS Prezzi e salari, uno studio che esamina prezzi, salari e potere di acquisto di 71 città del mondo. L’analisi, che appare all’incirca a cadenza triennale dal 1971, presenta oltre 68 000 dati, risultato degli eventi economici che hanno plasmato l’evoluzione mondiale dalla sua ultima edizione nel 2012.

Le città più care
Stando ai prezzi di un paniere standard di 122 beni e servizi, Zurigo, Ginevra e New York sono le città più care al mondo. Tenendo conto degli affitti, Hong Kong sale di 13 posizioni in classifica. Per contro, il costo della vita più basso è quello di alcune città dell’Europa orientale, come Kiev, la più conveniente in assoluto.

I salari più alti
A guadagnare di più in termini lordi sono i lavoratori di Zurigo, Ginevra e Lussemburgo. Al netto di imposte e contributi sociali, pari a circa il 45% degli introiti (rispetto al 14% di Zurigo), Copenaghen perde 20 posizioni in classifica. A Nairobi, Giacarta e Kiev, le città di coda, i lavoratori guadagnano solo il 5% circa rispetto alla media lorda di Zurigo.

Quante ore di lavoro occorrono per comprare un Big Mac® o un iPhone?
Il metodo migliore per giudicare il valore effettivo dei salari è mettere a confronto il potere di acquisto locale in merito a beni che sono più o meno uguali in tutto il mondo. In quest’ottica Lussemburgo, Zurigo e Ginevra consentono di acquistare di più: in queste città il salario netto orario permette di comprare la maggior parte dei beni e servizi contenuti nel paniere standard. Nairobi e Giacarta hanno il potere di acquisto più basso e possono permettersi appena un decimo rispetto al Lussemburgo. Un Big Mac® costa quasi tre ore di salario medio a Nairobi, laddove a Hong Kong bastano solo nove minuti e a Zurigo e Ginevra 11. I lavoratori di Zurigo possono comprarsi un iPhone 6 dopo 21 ore di lavoro; a Kiev ce ne vogliono 30 volte di più.

Orario di lavoro più breve a Parigi
Il numero di ore lavorative annue supera le 2000 in 19 delle principali città, la maggior parte ubicate in Asia e Medio Oriente. Il minor numero di ore di lavoro e il maggior numero di giorni di vacanza retribuiti sono appannaggio dei lavoratori dell’Europa occidentale. A Hong Kong si lavorano 1000 ore più che a Parigi, con una differenza di circa quattro ore per giorno lavorativo.

Zurigo la più cara per i generi alimentari e seconda solo a Oslo per il taglio di capelli
Zurigo è la città più cara nell’ottica del paniere di 39 generi alimentari, che costa 4,5 volte di meno a Kiev, la città più conveniente a tal riguardo. Il costo dei servizi tende a essere correlato a quello dei salari locali; a tal proposito il paniere contiene prestazioni come il taglio di capelli, il lavaggio a secco e i costi di internet. Zurigo, dopo Oslo, vanta il taglio di capelli più caro al mondo.

Impatto degli ultimi avvenimenti economici
A gennaio la Banca nazionale svizzera ha eliminato la soglia minima del corso euro/franco, con un grande impatto sugli indicatori. Zurigo e Ginevra sono di conseguenza balzate ai vertici delle classifiche, mentre le città della zona euro sono retrocesse. Le città russe e ucraine sono precipitate a fronte del conflitto ucraino e delle seguenti sanzioni russe, e così Kiev è ora il fanalino di coda per quanto riguarda prezzi e salari. L’instabilità dell’America del Sud ha inciso pesantemente sui corsi di cambio, con un effetto sul posizionamento di città come São Paulo e Buenos Aires. In Asia lo yen giapponese ha perso valore mentre il won sudcoreano si è apprezzato rispetto al dollaro USA dal 2012, per cui Tokyo è scesa e Seoul è avanzata in classifica. L’Asia resta il continente con le maggiori discrepanze tra le città a livello di prezzi e salari, mentre l’America del Nord resta il più omogeneo in questi termini.

Dati storici su prezzi e salari disponibili gratuitamente
L’edizione 2015 di studio Prezzi e salari è disponibile su un nuovo microsito, www.ubs.com/prezziesalari che offre per la prima volta accesso gratuito a tutti i dati non elaborati per tutto l’arco di tempo intercorso dal primo studio nel 1971 al 2015. Prezzi e salari è disponibile anche come applicazione iOS e in una versione digitale di UBS Newsstand.

Links
UBS Prezzi e salari 2015: www.ubs.com/prezziesalari
Per ulteriori informazioni sul Chief Investment Office di UBS Wealth Management: www.ubs.com/cio

UBS Switzerland AG

Contatti

Media Relations
Tel. +41-44-234 85 00, mediarelations@ubs.com

Per domande di carattere generale o per accedere alla nostra serie di dati contattare: sh-prices-earnings@ubs.com

 

www.ubs.com

Media contact
Switzerland:
UK: 
Americas:
APAC:

 

www.ubs.com


+41-44-234 85 00
+44-207-567 47 14
+1-212-882 58 57
+852-297-1 82 00