Foto: iStock

Avete appena fatto in tempo a rallegrarvi del vostro primo stipendio ed ecco che dovete presentare la dichiarazione d’imposta. Eppure non c’è alcun motivo per cui dovreste innervosirvi. Con un po’ di pazienza riuscite sicuramente a compilarla.

Qui di seguito vi presentiamo un elenco dei documenti che vi servono e vi spieghiamo per quando deve essere pronta. Inoltre verrete a sapere come potete risparmiare sulle imposte.

Alcune informazioni fondamentali

La documentazione per la dichiarazione d’imposta viene spedita al vostro indirizzo postale. In generale la dichiarazione relativa all’anno precedente deve essere presentata a metà o fine marzo. La data di presentazione varia a seconda del cantone. La trovate sulla prima pagina della documentazione.

Se non presentate in tempo la dichiarazione d’imposta riceverete presto un sollecito. Pertanto è meglio se rispettate i termini di presentazione. Non riuscite a consegnare in tempo la documentazione? Avete la possibilità di richiedere, per iscritto, una proroga del termine di consegna. Molti comuni permettono di presentare tale domanda compilando un modulo online. Trovate tutte le informazioni sulla homepage dell’amministrazione fiscale competente.

Le risposte alle domande frequenti sulla dichiarazione d’imposta

Gli apprendisti devono pagare le imposte? 

In generale sì. Ma non per forza. Il risultato finale della vostra dichiarazione d’imposta dipende dal reddito – e dalle aliquote d’imposta del vostro cantone di residenza. Senz’altro dovrete compilare e presentare una dichiarazione d’imposta quando sarete maggiorenni.

Cos’altro dovete presentare assieme alla documentazione compilata?

Uno dei documenti più importanti è il vostro certificato di salario che ricevete dal vostro datore di lavoro. Inoltre dovrete presentare i giustificativi per tutto ciò che intendete dedurre dalle imposte. Ne fanno parte per esempio le spese di viaggio o le donazioni. Ricordatevi di allegare una copia di tutti i giustificativi.

Potete dedurre l’abbigliamento di lavoro dalle imposte?

In generale il datore di lavoro ha l’obbligo di fornire l’attrezzatura di lavoro e quindi anche l’abbigliamento protettivo. Se dovete pagarvi l’abbigliamento come per esempio i pantaloni o stivali da lavoro potete tentare di dedurre queste spese dalle imposte. In generale però queste spese sono già comprese nella deduzione forfettaria delle spese necessarie per l'esercizio della professione e vengono già detratte in automatico dal vostro reddito imponibile.

Cambia qualcosa se abitate ancora dai vostri genitori?

Non cambia molto. Se siete maggiorenni dovete comunque presentare la vostra dichiarazione d’imposta. Se siete minorenni alcuni cantoni fanno un’eccezione per gli apprendisti e in tal caso il reddito viene calcolate con la dichiarazione dei genitori. In caso di dubbio chiedete delucidazioni all’amministrazione fiscale competente.

Come potete risparmiare sulle imposte?

Provate ad abbassare il più possibile il vostro reddito imponibile. Ne può veramente valere la pena. Per esempio mediante la deduzione delle spese di viaggio effettive. Oppure se durante la pausa pranzo non ce la fate a tornare a casa e quindi dovete mangiare fuori – anche queste spese sono deducibili.

Anche le spese per visite mediche e le fatture del dentista sono deducibili dal reddito imponibile. Questo però è solo possibile se superano complessivamente più del cinque percento del vostro reddito annuo netto.

Il vostro reddito è abbastanza alto per aderire a una cassa pensioni? In tal caso potete pagare meno tasse se ogni anno versate i contributi al pilastro 3a. Così facendo il vostro reddito imponibile si riduce nella misura dei contributi versati e contemporaneamente pensate al vostro futuro.

Quanti soldi dovreste mettere da parte per le tasse?

Di regola, mettendo da parte una mensilità dovreste coprire la maggior parte delle imposte per un anno. Se il vostro stipendio da apprendista è piuttosto basso, forse non dovrete pagare le tasse. Per calcolare in modo approssimativo le imposte da pagare in Internet ci sono molti calcolatori d’imposta. Per avere un’idea precisa sulle imposte da versare però dovete compilare la vostra dichiarazione.

Compilare la dichiarazione d’imposta in tre passi.

  1. Compilate la documentazione in ogni sua parte. I fogli supplementari che non vi servono li potete lasciare in bianco.
  2. Ricordatevi di allegare la fotocopia di tutti i documenti richiesti. I documenti più importanti sono il certificato di salario, gli estratti dei conti bancari nonché i giustificativi dei versamenti all’assicurazione malattie. Allegate anche tutti i giustificativi per le spese che indicate nella dichiarazione d’imposta. In generale: allegate nella busta tutte le fotocopie che documentano il vostro reddito e le spese che intendete dedurre dalle imposte.
  3. Quando avete raccolto tutto il materiale necessario firmate la dichiarazione d’imposta ed inviatela per posta all’amministrazione fiscale competente. Attenzione: in generale non è la data del timbro postale che fa fede, ma la data in cui l’ufficio competente riceve la documentazione.

Tutto online! Compilate la vostra dichiarazione d’imposta in rete.

La maggior parte dei cantoni dà la possibilità di compilare online la dichiarazione d’imposta. La compilazione al computer può essere vantaggioso perché potete facilmente apporre delle correzioni.

Inoltre il layout della modulistica che troverete online è molto chiaro e comprensibile ed è meno probabile che possiate dimenticarvi di qualche punto da compilare. Per avere ulteriori informazioni sulla compilazione online della dichiarazione d’imposta date uno sguardo alla homepage dell’amministrazione fiscale competente.

Assistente finanziario personale

Con il nostro assistente finanziario personale tenete sempre sotto controllo le vostre entrate e le vostre uscite e potete fissare budget e obiettivi di risparmio.

Altri contributi per apprendisti