Nei vostri portafogli avete 80 franchi e tre carte di pagamento, mentre sul vostro smartphone è presente un’app di pagamento. Giusto?

Perlomeno questo è quanto ha con sé lo svizzero medio secondo il Swiss Payment Monitor 2019 della ZAW (Zürcher Hochschule für Angewandte Wissenschaften) e dell’Università di San Gallo.

Al supermercato o con gli amici

Per saldare piccole somme è comoda la modalità senza contatto: si può pagare per esempio il birchermuesli della pausa pranzo con la carta di credito e senza dover digitare il PIN.

Per fare un regalo di compleanno, invece di raccogliere dieci franchi da ognuno, si può utilizzare UBS TWINT: basta scorrere con il dito e fare la richiesta di pagamento.

Nei supermercati, negozi online, ai parchimetri o addirittura nei negozi di campagna è possibile pagare con l’app TWINT, che rivela tutti i suoi vantaggi su internet: basta scannerizzare il codice QR mostrato sullo schermo e il pagamento è fatto! In questo modo ci si risparmia il fastidio di inserire i dati della carta di credito.

Reality Check: i pagamenti senza contanti sono un’arma a doppio taglio?

Effettivamente, il fatto che i pagamenti senza contatto e da dispositivi mobili siano così comodi, spaventa alcune persone. Siete preoccupati che dei criminali mirino a sottrarvi i dati personali? È ora di una controverifica con la realtà!

È possibile che qualcuno, passandovi accanto, vi sottragga del denaro dalla carta di credito? Possibile, ma estremamente improbabile.

  • Prima di tutto il sistema NFC (near-field communication) funziona solo a distanza molto ravvicinata.
  • Inoltre richiede uno dei sistemi di pagamento registrati dall’azienda della carta di credito.
  • Infine, per eseguire il pagamento, bisognerebbe aprirlo dal terminale, il cui sistema lo chiude automaticamente una volta conclusa l’operazione.

In primavera la trasmissione «Kassensturz» della televisione svizzera ha raggiunto la seguente conclusione: «Per chi ha le mani lunghe ci sono metodi più semplici per arrivare ai nostri soldi». Un reporter attrezzato nel miglior modo possibile ha provato a sottrarre denaro dalle carte senza contatto di otto persone prese a campione: non ci è riuscito.

Consiglio: movimenti del conto dal cellulare

Anche nell’app UBS TWINT sono integrati numerosi meccanismi di sicurezza. Infatti può essere aperta solo utilizzando un codice PIN, un’impronta digitale o riconoscimento facciale e come misura di sicurezza aggiuntiva si possono impostare dei limiti. Siccome i pagamenti tramite TWINT funzionano come i bonifici bancari, hanno lo stesso livello di sicurezza.

Per avere le spese sempre sotto controllo, è possibile impostare su UBS Mobile Banking SMS, e-mail e notifiche push.

Questa forma di verifica manca invece nel caso dei contanti. Infatti chi dà più del dovuto o viene derubato perde per sempre i suoi soldi. Resta la magra consolazione che il nuovo possessore prenderà anche gli innumerevoli batteri che affollano monete e banconote.

«Dobbiamo migliorare le nostre conoscenze in ambito finanziario»

Tobias Trütsch, economista dell’Università di San Gallo, spiega a che punto è la Svizzera sul tema del pagamento senza contanti.