Mercati emergenti: l’integrazione ESG alza la posta in gioco

Gli investitori sono sempre più consapevoli dell’importanza degli ESG anche nei mercati emergenti. Geoffrey Wong, Head of Emerging Markets and Asia Pacific Equities, ci rivela come vengono selezionate le società più interessanti.

14 feb 2020

Come affronta, insieme al suo team, il tema dell’investimento sostenibile nei mercati emergenti?

Gli investimenti sostenibili stanno acquisendo grande slancio nei mercati emergenti: il tema della sostenibilità, non più confinato ai mercati sviluppati, inizia ad attrarre un forte interesse anche nelle economie in fase di sviluppo.

L’intera piattaforma azionaria di UBS-AM integra i principi ESG nella ricerca fondamentale, che prende avvio dalle intuizioni dei nostri analisti azionari. Nel nostro team siamo convinti che abbracciare la sostenibilità e dare il giusto valore ai principi ESG non sia un mero esercizio di spunta.

I nostri analisti azionari sono nella migliore posizione per dirigere l’integrazione ESG nelle strategie azionarie attive, grazie alla profonda conoscenza delle società e a un’esperienza nell’analisi fondamentale che sono il risultato della nostra ricerca non convenzionale su settori e società, condotta direttamente sul campo e agevolata dal nostro tool proprietario di valutazione della qualità.

Nei mercati emergenti può essere difficile reperire informazioni ESG accurate e complete. Crediamo quindi che niente possa sostituire la nostra ricerca sul campo, grazie alla quale possiamo incontrare non solo i rappresentanti delle società, ma anche i loro competitor, i fornitori, i clienti e gli esperti del settore. In questo modo riusciamo a delineare un quadro più preciso di una società e del modo in cui è gestita, con una migliore visione anche su specifiche tematiche ESG. Nelle aree rurali o nelle piccole città, per esempio, i nostri analisti si trovano semplicemente a bere un caffè con i direttori di filiale della banca, i distributori o intermediari e gli agricoltori per comprendere meglio le varie questioni riguardanti un settore o una società, nonché gli aspetti relativi alla gestione aziendale, comprese le questioni ESG.

I nostri analisti hanno inoltre le competenze necessarie per inquadrare le questioni di sostenibilità nel giusto contesto, riuscendo quindi a riprodurre un quadro più olistico della sostenibilità a lungo termine di un’azienda rispetto ai database interni ed esterni.

Siamo convinti che abbracciare la sostenibilità e dare il giusto valore ai principi ESG non sia un mero esercizio di spunta

Geoffrey Wong, Head of Emerging Markets and Asia Pacific Equities

Quando investite, andate oltre i fattori ambientali, sociali e di governance?

Sì, seguiamo anche una serie di procedure ben definite, relative all’engagement e al voto per delega, che rappresentano il secondo passo per integrare l’ESG nella gestione azionaria attiva.

I nostri processi di valutazione della qualità e di investimento si sono evoluti negli anni per aiutarci a utilizzare i nostri insight sui fattori ESG allo scopo di influenzare il comportamento e le decisioni aziendali delle società con cui interagiamo.

Dal 2012 integriamo nella valutazione della qualità una specifica checklist ESG e negli ultimi anni abbiamo continuato a estendere e sviluppare questa sezione.
Più di recente, con l’aiuto del nostro team Sustainable Investing (SI) dedicato, abbiamo sviluppato un nostro tool proprietario, l’ESG Risk Dashboard, che integra le informazioni e gli insight provenienti da diversi database ESG esterni. Questo strumento mostra automaticamente eventuali flag ESG e la probabilità di engagement con una società viene discussa nell’ambito del team SI.

I nostri team di investimento sono coadiuvati da un team dedicato di dieci analisti di ricerca e stewardship SI con specifiche competenze ESG, solitamente coinvolti nelle attività di engagement più complesse nell’area ESG.

Anche se utilizziamo informazioni esterne e ci consultiamo con il team SI, l’interpretazione finale delle informazioni spetta sempre al team di investimento.

L’engagement e il voto per delega sono elementi intrinseci del nostro processo di investimento e dell’approccio complessivo alla stewardship. Come affermiamo nel nostro Global Stewardship Statement, seguiamo un approccio che prevede una serie di attività per monitorare e, ove necessario, influenzare la condotta aziendale su questioni che incidono sul valore a lungo termine delle società in cui investiamo.

L’obiettivo dei nostri analisti azionari è costruire un rapporto con il management delle società per stimolare un dialogo sano e migliorare i risultati su diversi fronti ESG: strategia, performance, etica aziendale, corporate governance, cambiamento climatico, capitale umano e gestione della filiera.

L’integrazione dei fattori ESG non si limita quindi a valutare come queste dimensioni incidano sulle valutazioni finanziarie e sulla tesi di investimento, bensì consente spesso agli analisti finanziari di individuare i rischi e le opportunità ESG più rilevanti per discuterne con il management delle aziende al fine di sbloccare valore a lungo termine. Il modo in cui questo dialogo prosegue influenza poi inevitabilmente la nostra opinione sulla società dal punto di vista finanziario.

Oltre alla ricerca proprietaria applicate anche gli standard stabiliti a livello mondiale?

UBS Asset Management ha aderito ai Principi di investimento responsabile (PRI) delle Nazioni Unite nell’aprile 2009. Continuiamo a sostenere questi principi e a rivedere le aree di miglioramento eventualmente emerse dalla valutazione dei nostri report.

Il processo di integrazione dell’ESG nel nostro processo di investimento

Gli analisti azionari valutano i risultati della ricerca proprietaria e i segnali generati dall’ESG Risk Dashboard, con particolare attenzione per le questioni ESG più rilevanti in termini di materialità, valutandone l’impatto sulla tesi di investimento.

Le raccomandazioni ESG sviluppate in-house dal team di analisti SI riguardano anche la valutazione specifica del potenziale di engagement.

Il comitato strategico considera quindi il profilo ESG e valuta se puntare a migliorarlo attraverso l’engagement oppure decidere di non investire nella società.


Potrebbe interessarti anche

UBS Asset Management Italia

Disclaimer

Si prega di leggere i termini e le condizioni riportate di seguito, e confermare di averle lette, comprese e accettate cliccando sul bottone in basso.