Outlook sul mercato cinese

La Cina sta attraversando un mini-rallentamento del ciclo economico. Abbiamo volutamente impiegato il termine “mini” in quanto il mercato tende a reagire in maniera eccessiva ad ogni decelerazioni del Dragone.

Negli ultimi mesi la Cina ha introdotto diverse politiche volte a ridurre la leva. Le principali misure adottate includono nuove restrizioni sui prodotti di gestione patrimoniale (WMP), mutui ipotecari, prestiti LGFV (veicoli di finanziamento dei governi locali), limitazioni dei prezzi immobiliari e riduzione delle emissioni obbligazionarie. I provvedimenti di solito compaiono nelle statistiche ufficiali con 6-9 mesi di ritardo e, pertanto, le misure restrittive attuate oggi comporteranno una crescita più debole verso la fine del 2017 e all’inizio del 2018.

Per saperne di più leggi li punti chiave qui in basso. Per visualizzare l'articolo completo in pdf, e le soluzioni di UBS Asset Management, scarica i documenti nel box qui a lato.

Punti chiave

  • I policymaker cinesi sono determinati a mantenere condizioni monetarie rigide in confronto alla politica nettamente espansiva adottata dalla metà del 2015 fino alla fine del 2016. Di conseguenza la Cina sta attraversando una fase di mini-rallentamento del ciclo economico.
  • Riteniamo che i prezzi degli attivi, su scala mondiale, saranno negativamente influenzati dall’irrigidimento delle condizioni monetarie cinese, inducendo a mettere in dubbio la tesi sul tanto atteso rimbalzo sincronizzato dell’attività economica globale.
  • A nostro avviso gli investitori non dovrebbero escludere dai portafogli i titoli obbligazionari con duration più lunga poiché gli effetti della Cina sui prezzi degli attivi globali potrebbero sorprendere il resto del mondo.

UBS Asset Management Italia

Disclaimer

Si prega di leggere i termini e le condizioni riportate di seguito, e confermare di averle lette, comprese e accettate cliccando sul bottone in basso.