UBS ETF Conferma di essere residente in Italia prima di procedere.

In aggiunta agli usuali rischi riferibili alle fluttuazioni dei mercati, della tipologia di titoli e dell'indice che tendono a replicare, l'investitore deve esser consapevole che i fondi descritti in questo documento sono esposti anche ad ulteriori rischi quali a mero titolo di esempio: rischio di negoziazione sui mercati secondari, rischio di scostamenti tra NAV e prezzi di quotazione del fondo, rischio di modifiche al calcolo ed alla pubblicazione dell'indice da parte dell'index provider, rischio connesso alla quotazione dei componenti dell'indice su diversi mercati, rischio connesso all'uso di derivati. Vi sono anche ulteriori rischi a cui sono esposti i fondi che replicano in particolare indici azionari o indici obbligazionari. All'investitore sono pertanto richiesti una adeguata tolleranza e capacità di sopportare tali rischi.

Per una disamina completa di tutti i rischi dei fondi qui descritti si raccomanda di leggere attentamente il prospetto informativo.

ETF Prestito titoli Generare rendimenti supplementari e ridurre i costi netti per gli investitori

Per generare rendimenti supplementari e ridurre i costi netti per gli investitori, gli UBS ETF effettuano operazioni di prestito titoli su ETF a replica fisica selezionati. UBS attribuisce particolare importanza all’attuazione responsabile di tali operazioni.

Cosa si intende per prestito titoli nell’ambito degli ETF?

Nel quadro di un'operazione di prestito titoli, il prestatore (UBS ETF) cede a terzi (il debitore) un certo numero di titoli del portafoglio ETF per un determinato periodo di tempo a fronte di una commissione.

  • Gli UBS ETF effettuano operazioni di prestito titoli solo per alcuni selezionati ETF a replica fisica domiciliati in Svizzera, Lussemburgo o in Irlanda
  • L'obiettivo è ridurre i costi netti per gli investitori mediante redditi supplementari
  • Le operazioni di prestito titoli di UBS ETF prevedono una sovracollateralizzazione non inferiore al 105%
  • Agli ETF domiciliati in Svizzera si applica inoltre il rispettivo haircut
  • La selezione accurata dei debitori e la valorizzazione giornaliera dei collaterali mirano a ridurre al minimo il rischio
  • Elevata trasparenza grazie alla pubblicazione giornaliera dei collaterali per comparto all'indirizzo ubs.com/etf > Prodotti

Rischio ridotto al minimo grazie alle garanzie

Conformemente alla direttiva europea sui fondi OICVM e alla legge federale sugli investimenti collettivi di capitale LICol l’ammontare dei titoli prestati può arrivare al 100%. Nella prassi, finora la quota di titoli effettivamente dati in prestito presso UBS ETF è stata molto inferiore. Per il prestito di titoli UBS ETF ha fissato una soglia massima pari al 50% del valore netto d’inventario di un ETF.

Per ridurre al minimo il rischio del prestito titoli per gli UBS ETF, i debitori vengono scelti con particolare cura e monitorati quotidianamente. Prima di ricevere i titoli, il debitore deve costituire delle garanzie a favore del prestatore, l'ETF. Scopo di queste garanzie è assicurare gli obblighi assunti dal debitore nei confronti del prestatore. Esse vengono trasferite su un deposito o conto apposito completamente separato dal bilancio del prestatore.

Il prestito titoli può essere revocato quotidianamente su richiesta del prestatore. La valorizzazione giornaliera dei prestiti e dei collaterali a prezzi di mercato assicura inoltre che il valore del collaterale fornito dal debitore venga sempre aggiornato correttamente. In aggiunta, le operazioni di prestito titoli degli UBS ETF sono sempre sovracollateralizzate non inferiore al 105%. Per gli ETF con sede in Svizzera, alla valutazione del collaterale si applica inoltre una riduzione, il cosiddetto «haircut». Il prestito titoli termina con la revoca da parte dell'ETF o con la restituzione dei titoli da parte del debitore. Le garanzie prese in custodia vengono restituite al debitore solo dopo che i titoli prestati sono ritornati all'ETF.

Garanzie

Gli UBS ETF assicurano un elevato grado di trasparenza grazie alla pubblicazione quotidiana del collaterale dei singoli comparti.


In che modo il prestito titoli degli ETF concorre a creare rendimenti
supplementari?

Per la durata del prestito titoli, il debitore versa una commissione all'ETF. Durante il prestito tutti i diritti versati sui titoli, come cedole e dividendi, vengono inoltre trasferiti all'ETF in forma di prestazione sostitutiva.

In questo modo il fondo può incassare entrate aggiuntive che si rispecchiano nel valore netto d'inventario (NAV), riducendo direttamente i costi netti a carico degli investitori.


Prestito titoli su ETF domiciliati in Lussemburgo e Irlanda

Garanzie attualmente accettate per gli ETF con domicilio del fondo in Lussemburgo e Irlanda

Per gli UBS ETF domiciliati in Lussemburgo che effettuano operazioni di prestito titoli vengono attualmente accettate le seguenti garanzie (sono esclusi i titoli del prestatario):

  • titoli a reddito fisso emessi e/o garantiti dai governi dei seguenti Paesi:
    • Paesi appartenenti al G10: Belgio, Paesi Bassi, Canada, Svezia, Francia, Svizzera, Germania, Giappone, UK e USA;
    • Paesi OCSE (solo quelli indicati di seguito): Australia, Austria, Danimarca, Finlandia, Lussemburgo, Nuova Zelanda, Norvegia; inoltre
  • azioni in forma di indici azionari mondiali.

Tipologia ed entità delle garanzie per gli ETF domiciliati in Lussemburgo e Irlanda*

 

Tipo di garanzia

Tipologia dei titoli presi in prestito

Titoli di Stato

Azioni internazionali

Azioni internazionali

105%

105%

Azioni statunitensi

105%

105%


Fateci visita, saremo lieti di aiutarvi a trovare le risposte che cercate