Museo di antichità di Basilea e Collezione Ludwig Contributo al progetto «Gladiator – die wahre Geschichte»

Museo di antichità di Basilea e Collezione Ludwig – Contributo al progetto «Gladiator – die wahre Geschichte»

La lotta dei gladiatori è uno dei fenomeni dell’antichità più noti al grande pubblico. Innumerevoli film e libri hanno contribuito ad alimentare il mito della figura del gladiatore. Tendono a mostrare l’immagine di spietati combattenti nell’arena sabbiosa sotto le urla di giubilo del pubblico. Ma cosa si nasconde realmente dietro questi brutali, spesso anche fatali, combattimenti? Grazie alle nuove conoscenze emerse con la ricerca archeologica e la scienza forense, oggi è possibile revisionare l’immagine tradizionale dei gladiatori. A partire da settembre 2019, il Museo di antichità di Basilea e Collezione Ludwig presenta ai visitatori della mostra speciale «Gladiator – die wahre Geschichte» (Gladiatori - la vera storia) una nuova immagine dei gladiatori, delle loro vite e funzioni nella società nonché il significato dei combattimenti come strumento politico. Partnership con rinomati musei e siti archeologici come il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il sito archeologico romano Augusta Raurica ad Augst finanziano con ingenti prestiti questa presentazione dettagliata. A questo proposito, ad esempio, viene restaurato il mosaico dei gladiatori di Augusta Raurica, che nel III secolo d.C. abbelliva il rappresentativo salone d’ingresso di una Villa, e sarà esposto nella sua interezza per la prima volta dalla sua scoperta nel 1961. Sarà inoltre possibile vedere le famose armi dei gladiatori di Pompei per l’ultima volta prima che vengano restituite al museo d’origine. Si attendono oltre 60 000 visitatori dalla Svizzera e dai Paesi limitrofi.

Il Consiglio di fondazione sostiene economicamente la mostra con un contributo di 50 000 franchi.