Association pour la Restauration de l’Abbatiale de Payerne – Contributo al progetto di restauro Heritage Conservation & Archaeology

Association for the Restoration of the Abbey Church of Payerne – Project Grant Restoration.

L’abbazia di Payerne, edificata nell’XI secolo in perfetto stile architettonico cluniacense, è l’esempio più significativo di architettura romanica in Svizzera. Grazie al collegamento con Cluny e alla protezione della famiglia reale di Borgogna, Payerne visse un periodo particolarmente florido. Nel 1536 però, a seguito della riforma protestante, i monaci vennero scacciati, l’abbazia profanata e utilizzata a fasi alterne anche come granaio, palestra e luogo di detenzione. Finalmente, alla fine del XIX secolo l’edificio fu posto sotto tutela per preservarne lo straordinario valore culturale e tra il 1920 e il 1963 ha subito accurati interventi di restauro, diventando anche oggetto di studi archeologici durante i quali emersero i resti di un insediamento romano sotto la chiesa. Dal 1963 l’abbazia è di nuovo aperta alle funzioni religiose. Da tempo ormai l’instabilità delle fondamenta e le infiltrazioni di umidità rappresentano una minaccia per l’abbazia, che è costretta alla chiusura temporanea della chiesa e dell’annesso museo. Il primo intervento di restauro ha scongiurato il crollo dell’edificio. Il secondo intervento si concentra ora su facciate e interni, in particolare sul restauro dei dipinti danneggiati e degli intonaci. Dopo la riapertura di chiesa e museo nella primavera 2019 si terranno regolarmente visite guidate, esposizioni, concerti e altri eventi culturali.

Il Consiglio di fondazione sostiene i lavori di restauro con un contributo di 50 000 franchi come progetto principale.