Fundaziun de Planta trattamento scientifico delle collezioni storiche della Biblioteca Rumantscha

Fundaziun de Planta

L’istituto Chesa Planta di Samedan è un centro culturale regionale che offre un programma eclettico di mostre, concerti, conferenze e altri eventi nell’ambito della letteratura, musica, arti figurative e cinematografia. Costruito dalla famiglia nobile dei Salis nel 1595 come stupenda abitazione patrizia e passata poi di proprietà nel 1817 alla famiglia Planta, l’edificio si presenta oggi con una struttura barocca, nel tradizionale stile dell’Engadina. La casa-museo istituita nell’edificio offre una rappresentazione dello stile di vita nobile europeo, mentre la Biblioteca Rumantscha, nota a livello internazionale, è riconosciuta come bastione della cultura e lingua romancia. La struttura ospita una vasta raccolta di letteratura romancia, di cultura retica e di linguistica romancia e, con oltre 3000 opere, costituisce una delle biblioteche romance più importanti e complete. Il piano terra della biblioteca è costituito in parte dal lascito del poeta Peider Lansel del 1940 e, per il resto, dall’antica biblioteca Salis-Planta. Nelle due biblioteche vengono conservati preziosi manoscritti e documenti, quali il «Nouv Testamaint» di Giachem Bifrun di Samedan, il primo documento stampato in lingua romancia risalente al 1560.

In occasione del 75o anniversario della fondazione e del 70o anniversario del centro culturale, il patrimonio dell’antica biblioteca Salis-Planta, così come istituita alla fine del 19° secolo dal consigliere nazionale Andreas Rudolf von Planta-Samedan, verranno sottoposti a trattamento scientifico e resi accessibili al pubblico.

Il Consiglio di fondazione supporta l’intervento di valorizzazione delle raccolte della biblioteca con un contributo al progetto di CHF 20'000, onorando così l’impegno della Fundazium de Planta Samedan per l’eredità letteraria e culturale romancia.