Novità UBS

Assemblea generale di UBS

In occasione dell'Assemblea generale ordinaria del 16 aprile, gli azionisti hanno approvato l'abbassamento del limite previsto per l'iscrizione di un oggetto all'ordine del giorno e la riduzione del mandato dei membri del Consiglio di Amministrazione. È stata inoltre accolta la proposta del Consiglio di Amministrazione di versare un dividendo di CHF 2 per azione. Nella sua relazione, il Presidente del Consiglio di Amministrazione Marcel Ospel si è pronunciato in merito alla sicurezza della previdenza per la vecchiaia, sottolineando l'importanza del collaudato sistema previdenziale svizzero basato su tre pilastri. All'Assemblea generale hanno partecipato 2529 azionisti in rappresentanza di 279'720'040 voti.

In occasione dell'Assemblea generale ordinaria del 16 aprile, gli azionisti di UBS hanno approvato il rapporto annuale e il conto economico consolidato per l'esercizio 2002, nonché dato scarico ai membri del Consiglio di Amministrazione e del Direttorio. È stata inoltre accolta la proposta del Consiglio di amministrazione di versare un dividendo di CHF 2 per azione.

Abbassamento del limite previsto per l'iscrizione di un oggetto all'ordine del giorno
L'Assemblea generale ha accolto la proposta presentata dal Consiglio di Amministrazione di abbassare il limite previsto per la richiesta di iscrizione all'ordine del giorno. Finora, per sottoporre un argomento all'esame dell'Assemblea generale gli azionisti dovevano, singolarmente o congiuntamente, rappresentare azioni per un valore nominale pari almeno a CHF 1 milione. I rimborsi del valore nominale avvenuti negli ultimi due anni hanno comportato un aumento della quantità di azioni richieste a tale scopo.
Con il varo della modifica, tale limite è stato abbassato a CHF 250 000 nominali, ovvero 312 500 azioni.

Consiglio di amministrazione: riduzione della durata del mandato e rielezioni
Gli azionisti hanno altresì approvato la richiesta di riduzione del mandato dei membri del Consiglio di Amministrazione da 4 a 3 anni, una durata in linea con i più recenti standard di corporate governance che favorisce la flessibilità.
Peter Böckli, Johannes A. de Gier e Rolf A. Meyer sono stati riconfermati per ulteriori tre anni nelle rispettive cariche quali membri del Consiglio di Amministrazione.

Riduzione del capitale sociale
Nell'ambito dei programmi di buyback azionari attuati negli ultimi due anni, UBS ha acquistato
75 970 080 azioni proprie per un totale di CHF 5,5 miliardi tramite una seconda linea di negoziazione presso la SWX Swiss Exchange. L'Assemblea generale ha approvato l'annullamento definitivo di tali titoli e la conseguente riduzione del 6% del capitale sociale.
Gli azionisti hanno inoltre votato a favore di un nuovo programma di riacquisto per un valore totale massimo di CHF 5 miliardi. Anche queste azioni saranno riacquistate tramite una seconda linea di negoziazione alla SWX Swiss Exchange e destinate all'annullamento. La modifica degli statuti necessaria per la riduzione del capitale azionario sarà sottoposta all'esame dell'Assemblea generale del 2004.

Tutela della previdenza per la vecchiaia
Nel suo discorso introduttivo, il Presidente del Consiglio di Amministrazione Marcel Ospel ha affrontato il tema della previdenza, sottolineando il carattere di lungo periodo del principio svizzero dei tre pilastri che, grazie alle tre diverse modalità di finanziamento, offre una certa compensazione naturale del rischio a fronte dell'andamento demografico e degli effetti che l'attuale debolezza dei mercati finanziari sta producendo. In vista dei problemi demografici a cui il Paese sta andando incontro, egli ha inoltre sostenuto l'opportunità di creare un «quarto pilastro», ossia di un mercato del lavoro per coloro che possono e vogliono proseguire la loro attività lavorativa dopo l'età ordinaria di pensionamento. Riferendosi al dibattito in corso sui problemi che affliggono il secondo pilastro, egli ha inoltre posto l'accento sulla necessità di accrescere professionalità e trasparenza nella gestione dei capitali previdenziali. È necessario garantire la massima qualità di servizio attraverso l'apertura della concorrenza e un'ampia selezione di fornitori. Agli assicurati dovrebbe inoltre essere offerta la possibilità di scegliere il profilo di rischio più confacente alle loro esigenze, rendendo così superfluo il parametro - peraltro inadeguato - del tasso d'interesse minimo.
Marcel Ospel ha quindi ricordato la natura a lungo termine degli averi previdenziali e la necessità di mantenere viva la solidarietà tra le generazioni, definendo deleterio il comportamento di chi reagisce ai cicli di mercato acquistando azioni nelle fasi di rialzo per poi rivendenderle in periodi di mercato ribassista a favore di obbligazioni a basso tasso d'interesse. Esulando dall'ambito prettamente previdenziale, Marcel Ospel ha esortato dirigenti e politici ad attivare una collaborazione più costruttiva al fine di risolvere i problemi impellenti ai quali oggi dobbiamo far fronte.

Cogliere le opportunità in un contesto difficile
Nella sua relazione, Peter Wuffli, Presidente del Direttorio del Gruppo, ha illustrato le modalità con cui UBS intende cogliere le opportunità per rafforzare ulteriormente la propria posizione di mercato nell'attuale contesto economico. Egli ha affermato che UBS crescerà in modo prevalentemente organico sulla base della piattaforma attuale.
Peter Wuffli ha peraltro messo in evidenza i progressi ottenuti in materia di crescita organica, ad esempio nell'ambito della European Wealth Management Initiative e dell'ampliamento delle attività di investment banking negli USA. Un altro fattore di successo ricordato dal Presidente del Direttorio è la stimolante cultura aziendale di UBS, un elemento di fondamentale importanza proprio in periodi difficili come quello attuale.

Zurigo, 16 aprile 2003
UBS SA

Altre informazioni (solo in inglese)

  • Invitation and Agenda
  • Speeches
  • Voting Results