Zurigo, 9 aprile 2018 – La pianificazione della cessione è parte integrante della gestione aziendale. Spesso il passaggio alla generazione successiva coincide con il pensionamento del titolare. Ogni riflessione in merito assume perciò una doppia valenza emotiva. Gli imprenditori, però, dovrebbero considerare la rilevanza di una pianificazione e comunicazione tempestiva e altrettanto l'importanza per tutti i soggetti coinvolti. Perché, oltre a cuore e anima l'impresa richiede anche tanto capitale proprio. Una strategia ben congegnata, che riporti il capitale proprio investito nel patrimonio privato, aumenta la sicurezza finanziaria durante la pensione.Con una pianificazione fatta in tempo opportuno si può inoltre adeguare la struttura aziendale per permettere una successione di proprietà riuscita. Spesso in entrambi i passaggi si possono usufruire di vantaggi fiscali. Anche i partner commerciali e i collaboratori beneficiano della sicurezza di pianificazione e di una maggiore fiducia nella nuova direzione aziendale se il cambio non avviene in maniera improvvisa.

Molti imprenditori arrivano impreparati alla successione
Nel sondaggio condotto ogni sei mesi tra le aziende, gli economisti di UBS hanno intervistato circa 350 imprenditori sul tema della pianificazione della successione. I fattori più citati tra quelli che inducono a pensare alla pianificazione della successione sono l'età dei rispondenti o il tempo previsto di vita attiva sono . Degli imprenditori che pianificano di lasciare la propria azienda tra non prima di dieci anni, oltre l'80% non ha ancora pensato a una successione, o ha solo iniziato a pensarci. Ma anche quando la successione è ormai prossima, solo due terzi delle cessioni previste tra uno e tre anni trovano gli imprenditori intervistati già pronti a questa fase.

La conservazione dei posti di lavoro più importante di un prezzo di vendita massimo
In più, la maggioranza dei titolari ritiene che una pianificazione aziendale ha successo quando non vengono tagliati o prorogati, posti di lavoro e viene mantenuta la filosofia aziendale. Questi due aspetti sono ritenuti più importanti del conseguimento del massimo prezzo di vendita. Tuttavia, circa il 40% dei titolari intervistati punta a ottenere un determinato guadagno dalla vendita per assicurarsi la previdenza di vecchiaia o per corrispondere qualcosa a famigliari. «È importante iniziare per tempo con la pianificazione della successione, perché una buona preparazione è essenziale», afferma Axel Lehmann, President UBS Switzerland. «La pianificazione della successione deve essere affrontata nel suo complesso considerando fattori come previdenza, imposte ma anche struttura aziendale e conseguenze per la famiglia.»

Prevista un'elevata crescita economica
Gli economisti di UBS prevedono che quest'anno una solida congiuntura globale e un franco debole aiuteranno le esportazioni svizzere e gli investimenti in impianti e attrezzature, spingendo l'economia nazionale verso una crescita del 2,4%. Rispetto allo scorso anno, l'inflazione dovrebbe salire di poco e raggiungere lo 0,6%. Mentre nel 2017 l'inflazione era sostenuta dal rincaro del petrolio, quest'anno sarà l'indebolimento del franco a fare lievitare leggermente i prezzi al consumo. Con una congiuntura globale robusta, il franco come "bene rifugio" è meno richiesto, ragione per cui Daniel Kalt, capo economista di UBS in Svizzera, prevede un ulteriore indebolimento del franco rispetto all'euro a 1,22 nei prossimi dodici mesi. Questo consentirebbe alla Banca nazionale svizzera di operare un primo rialzo dei tassi a dicembre. I tassi guida svizzeri torneranno però in territorio positivo non prima dell'anno 2020. I nascenti timori inflazionistici nei paesi industrializzati, a inizio anno, hanno causato un netto aumento dei tassi. Questo incremento ha già scontato buona parte della normalizzazione della politica monetaria, per questo gli economisti di UBS si aspettano un aumento solo modesto dei tassi quest'anno.

Previsioni UBS per l'economia svizzera

Fonti: Seco, UBS

Nell'elaborare le previsioni congiunturali di UBS CIO WM, gli economisti di UBS CIO WM hanno collaborato con gli economisti impiegati presso Investment Research. Le previsioni e le valutazioni sono aggiornate solo alla data di redazione della presente pubblicazione e possono variare in qualunque momento.

Links
UBS Outlook Svizzera: www.ubs.com/outlook-ch-it
Pubblicazioni UBSe previsioni relative alla Svizzera disponibili: www.ubs.com/investmentviews


UBS Switzerland AG



Contatti

Daniel Kalt, Regional CIO Svizzera
Tel. +41 44 234 25 60, daniel.kalt@ubs.com

Sibille Duss, UBS Chief Investment Office WM
Tel. +41-44 235 69 54, sibille.duss@ubs.com

Jackie Bauer, UBS Chief Investment Office WM
Tel. +41 44 239 90 61, jackie.bauer@ubs.com

www.ubs.com