Piccola, ma potente: la nuova banconota da 10 franchi conquisterà ben presto il commercio al dettaglio. Foto: BNS

Il principio «small is beautiful» ora vale anche per le banconote. Oggi alle 10 la Banca nazionale ha presentato l’ultima nata della nuova serie di banconote: quella da 10, la più piccola che l’istituto abbia mai emesso. Con il suo eccezionale formato (123 mm di lunghezza per 70 di larghezza) è ben 2 mm più corta della banconota da 5 franchi in circolazione dal 1913 al 1952. Questa piccola meraviglia si focalizza principalmente sul «tempo», un elemento che, secondo la Banca nazionale, mostra la «capacità organizzativa» della Svizzera.

Difficilmente disponibile ai bancomat

Per il portafogli e la cassa dei negozi il piccolo taglio si rivela assai pratico. Per quanto riguarda i bancomat, invece, la nuova banconota sarà disponibile soltanto in pochissimi casi. I bancomat UBS, ad esempio, accettano le banconote da 10 franchi soltanto in ingresso. «Le dimensioni non rappresentano un problema. Abbiamo già adeguato i nostri sportelli automatici alla nuova serie di banconote», spiega Thomas Grieder, responsabile dei bancomat della grande banca. In generale, tutti i bancomat con funzione di versamento dovrebbero essere riadattati ai nuovi formati delle banconote, parametri di sicurezza e materiali. Per fortuna delle banche, una nuova serie di banconote viene emessa mediamente solo ogni 20 anni!

Il 18 ottobre per la Banca nazionale è il giorno del passaggio: da quel momento sarà disponibile soltanto la nuova banconota da 10 franchi. Ma come farà la Banca nazionale a fornire le nuove banconote ai cittadini svizzeri se non vengono praticamente distribuite ai bancomat? Sarà possibile ricevere i nuovi tagli da 10 presso gli sportelli bancari e postali. Ma sarà soprattutto il commercio al dettaglio a utilizzare e distribuire le nuove banconote – sotto forma di resto ai clienti. Il portavoce della Banca nazionale Walter Meier esprime ottimismo: «Riteniamo che l’interesse della popolazione nei confronti della nuova banconota da 10 franchi sarà analogo a quello verso i nuovi tagli da 20 e 50 franchi.»

Dopo la piccola arriva la grande

Per quanto riguarda lo spessore, la nuova banconota compatta è in linea con i tagli superiori (da 20 e 50 franchi). Tutte le nuove banconote risultano un po’ più pesanti delle versioni precedenti, non essendo più realizzate in cartamoneta. Ora presentano un triplo substrato in Durasafe: due strati di carta di cotone rafforzati al centro da un nucleo polimerico. Appaiono quindi un po’ rigide, ma sono più sicure e resistenti. Ci sono ottime possibilità che restino in circolazione più a lungo delle vecchie banconote.

Se vi chiedete quale sarà la prossima nuova banconota a essere emessa, la risposta è semplice: dopo la piccola arriva la grande – la banconota da 200 franchi.