I consigli degli esperti Iniziare a lavorare – e la previdenza?

Liliane inizierà presto a lavorare. Finora ha studiato e lavorato un po’ per arrotondare. Come intende fare con la previdenza?

di UBS Sapere 15 set 2019

Immagine: Maya e Daniele

Cinque domande a Liliane

Quanta fiducia ripone nella previdenza statale?

Il sistema previdenziale è vacillante. Non sono sicura che la previdenza per la vecchiaia, così come la conosciamo, funzionerà ancora quando raggiungerò l’età pensionabile.

A quali situazioni di vita associa la previdenza?

Associo in modo chiaro il tema della previdenza con l’età e il pensionamento. Sogno di avere un’abitazione di proprietà, ma non so cosa significhi questo per il mio piano previdenziale.

Come si immagina la pensione?

Durante la vecchiaia spero di poter godere di alcuni privilegi: viaggiare, mangiare fuori, andare a teatro, abitare in una casa con giardino. Altrimenti, immagino una vita semplice per quando sarò in pensione.

Ha già fatto qualcosa per evitare le lacune previdenziali?

Non sono sicura di come sia la mia situazione attuale e cosa dovrei fare se avessi delle lacune nell’AVS e nella cassa pensioni.

Desidera un tasso d’occupazione a tempo pieno o parziale? Ci sono ragioni specifiche per la sua scelta?

Vorrei iniziare con l’80% o il 90%. Un buon equilibrio tra lavoro e vita privata è molto importante per me. Nella mia professione di educatrice sociale pochissime persone lavorano a tempo pieno.

Liliane si siede al tavolo del soggiorno e contemporaneamente chiude il suo computer portatile. «Al momento sto scrivendo la mia tesi di laurea. Ma quando il tempo è bello come ora, è difficile», commenta ridendo. La 27enne vive nel cuore di Zurigo, a due passi dalla Langstrasse. «Vivere in centro è fantastico, ma in futuro vorrei un’abitazione di proprietà in campagna.» Fino ad allora, c’è ancora molta strada da fare, commenta Liliane.

«Non credo che un lavoro a tempo pieno sia ciò che desidero»

Quest’anno Liliane terminerà gli studi in scienze dell’educazione e studi di genere e di tanto in tanto lavora come educatrice sociale. L’anno prossimo cercherà un impiego fisso. Non desidera un impiego a tempo pieno, preferibilmente vorrebbe lavorare dall’80 al 90 percento. «È molto raro che gli educatori sociali siano impiegati a tempo pieno. L’orario di lavoro è irregolare e il lavoro a turni può essere molto intenso.» Un sano equilibrio tra lavoro e vita privata è molto importante per lei, sottolinea Liliane. «Voglio avere abbastanza tempo per il mio ragazzo, per gli amici e i familiari, per fare sport e per seguire le mie passioni, il giardinaggio e la cucina.»

Pensare al domani

La previdenza è un tema che vi accompagna in ogni fase della vostra vita. Impostate la giusta rotta dall’inizio. Ordinate la nostra guida per i giovani sotto i 35 anni.

Lacune previdenziali – ci si deve già pensare a 25 anni?

E per quanto riguarda il tema della previdenza? Sebbene Liliane ci abbia già pensato, non ha ancora intrapreso passi concreti. «Fino ad ora, pensavo che l’argomento avrebbe assunto importanza solo dopo aver avuto un posto fisso. Devo ammettere che sono relativamente indifferente per quanto riguarda la mia pensione.» Anche se ha lavorato part-time prima degli studi e durante, ha fatto diverse pause e ha viaggiato. «Onestamente, non sono sicura di avere lacune nell’AVS o nella cassa pensione. Sinora ho lavorato solo a tempo parziale. Ma anche se avessi lacune, penso che alla mia età non sia una cosa così grave. Dopotutto, dovrò lavorare e versare contributi per i prossimi 37 anni. O anche di più.»

Il sistema previdenziale svizzero si trova in difficoltà finanziarie. Non credo che il primo e il secondo pilastro da soli saranno sufficienti quando raggiungerò l’età pensionabile.

Il finanziamento dell’AVS sta peggiorando a vista d’occhio. Come soluzione, il Parlamento sta discutendo, tra le altre cose, l’aumento dell’età pensionabile per le donne. Questo fa dubitare Liliane. «Il sistema previdenziale svizzero si trova in difficoltà finanziarie. Non credo che il primo e il secondo pilastro da soli saranno sufficienti quando raggiungerò l’età pensionabile.» I genitori di Liliane sono entrambi pensionati. Ogni volta che Liliane ha domande su argomenti finanziari, si rivolge a suo padre che è stato un lavoratore autonomo la maggior parte della sua vita professionale. Consiglia quindi a Liliane e alle sue sorelle di non affidarsi esclusivamente alla previdenza statale e professionale, ma di risparmiare il più possibile. «Non appena avrò un posto fisso, vorrei affrontare il tema del pilastro 3a. Per questo, chiederei una consulenza professionale.»

Liliane ha spesso parlato con gli amici di previdenza. Quando me ne devo occupare? Quanto devo risparmiare? E a partire da quando vale la pena un terzo pilastro? Liliane sa che prima affronta l’argomento, meglio è.

Cinque consigli da parte degli esperti per Liliane

  1. Si assicuri la sua rendita AVS massima. Paghi gli eventuali contributi mancanti entro cinque anni. Tuttavia, ciò è possibile solo se è stata assicurata in Svizzera durante il periodo in questione. In caso di dubbi, ordini un estratto conto AVS presso la sua cassa di compensazione e verifichi se sta per raggiungere l’importo della rendita massima.
  2. Per chi lavora a tempo parziale si riduce in primo luogo la prestazione previdenziale delle casse pensioni, ma anche quella dell’AVS. Le persone con un grado d’occupazione inferiore al 50% e un basso reddito corrono il rischio di avere una lacuna previdenziale. Per una lavoratrice a tempo parziale come lei è quindi ancora più importante sfruttare le opportunità offerte dal pilastro 3a per la previdenza.
  3. Non appena si lavora e si aderisce a una cassa pensioni, si riceve il certificato di previdenza una volta l’anno. Il certificato contiene informazioni importanti. Può scoprire quanto può utilizzare per finanziare la sua abitazione di proprietà o a quanto ammonterebbe la sua rendita di invalidità se le accadesse qualcosa. Quindi, presti al certificato della cassa pensione l’attenzione che merita.
  4. Desidera mantenere il suo tenore di vita abituale nell’età del pensionamento e risparmiare ora sulle imposte? In questo caso la risposta è: risparmio previdenziale con il pilastro 3a. La rendita dopo il pensionamento copre solo circa il 60% del suo ultimo salario. Inoltre, le persone che esercitano un’attività lucrativa con cassa pensione possono versare fino a 6826 franchi l’anno e detrarre l’intero importo dal reddito imponibile.
  5. Il tempo che la separa dal pensionamento è anche il suo orizzonte d’investimento per la previdenza per la vecchiaia. Vale quindi la pena investire il denaro in modo intelligente. Investendo gli averi del pilastro 3a in fondi d’investimento selezionati, beneficia di opportunità di rendimento maggiori rispetto alla classica soluzione del conto. I fondi di previdenza UBS Vitainvest sono il complemento ideale per un conto 3a.