Glossario dei fondi

   

Delta Adjusted Exposure

La Delta Adjusted Esposure su uno strumento sottostante (p.es. SMI) equivale alla somma dei delta ponderati (vedasi delta di un'opzione) di tutte le singole opzioni e degli investimenti azionari presenti in un portafoglio. Questo coefficiente indica in quale misura un portafoglio parteciperà alla futura evoluzione del mercato azionario. Ad esempio, un portafoglio con una Delta Adjusted Exposure azionaria del 30% partecipa nella misura del 30% alle oscillazioni del mercato azionario; in caso di rialzo del 2%, il valore dell'intero portafoglio aumenta dello 0,6% (30%*0,2% = 0,6%). Analogamente al delta, anche la Delta Adjusted Exposure rimane invariata soltanto in presenza di variazioni minime dello strumento sottostante e in ogni caso ha unicamente un valore indicativo, in quanto la sua entità dipende essenzialmente dallo strumento sottostante e dalla durata residua dell'opzione.

Delta di un'opzione

Il delta di un'opzione è un coefficiente di sensibilità che indica in quale misura una variazione del valore sottostante (p.es. SMI) influisce sul prezzo dell'opzione. Se un'opzione su un'azione svizzera ha un delta dello 0,4 (ossia del 40%), significa che a ogni aumento/diminuzione di 1 CHF dell'azione, l'opzione guadagnerà/perderà 0,4 CHF. Il delta di un'opzione rimane invariato soltanto in presenza di variazioni minime del valore sottostante e in ogni caso riveste soltanto un'importanza indicativa in quanto la sua entità dipende essenzialmente dal valore sottostante e dalla durata residua dell'opzione.

Derivati

Strumenti finanziari, p.es. opzioni e future, basati su strumenti sottostanti, spesso azioni o divise. Nell'ambito del Portfolio Management i derivati possono essere tra l'altro utilizzati per minimizzare il rischio di perdite di patrimonio.

Dichiarazione bancaria (affidavit)

In linea di principio, per i fondi di diritto svizzero al momento della distribuzione dei redditi (interessi/dividendi) viene trattenuta l'imposta preventiva del 35%. Per gli investitori domiciliati all'estero, tale detrazione viene meno a condizione che i redditi distribuiti provengano nella misura di almeno l'80% dall'estero e che una banca confermi (dichiarazione bancaria) di custodire in deposito le quote interessate.

Direzione del fondo

La direzione del fondo gestisce il fondo d'investimento per conto dell'investitore. In particolare, prende decisioni in merito agli investimenti ed esercita tutti i diritti del fondo. Essa può delegare le decisioni di investimento nonché altri compiti ed è responsabile degli atti dei suoi mandatari come se avesse agito in proprio.

Disaggio

Nei fondi immobiliari, differenza percentuale tra il corso di borsa e il valore netto d'inventario (più alto) delle quote. Contrario: aggio.

Discounted cash-flow (DCF)

Il metodo di valutazione dinamico riconosciuto in Svizzera - e basato sul discounted cash-flow (DCF) - trova utilizzazione anche nel campo dei fondi immobiliari UBS. La sua applicazione prevede la determinazione del potenziale di rendimento degli immobili da valutare servendosi delle entrate e delle uscite future. La base per le previsioni è costituita tra l'altro dai conteggi degli immobili degli ultimi anni, dalla situazione locativa attuale e dal rincaro atteso. I cash-flow netti così calcolati vengono scontati e sommati al valore residuo, ottenendo dunque il "fair market value" (corrispondente al valore dopo il DCF). Quest'ultimo viene calcolato per tutte le società di fondi una volta all'anno da periti indipendenti incaricati delle stime.

Disdetta

Nel settore dei fondi, revoca del contratto d'investimento collettivo da parte dell'investitore. In linea di principio, il prezzo di riscatto deve essere pagato immediatamente. Per i fondi immobiliari si applicano disposizioni speciali, vedasi restituzione di quote/ negoziazione in borsa.

Distributore

Società che vende e riscatta i prodotti di un offerente di fondi.

Distribuzione

Il versamento annuale dei redditi realizzati dal fondo ai detentori di quote. Contrario: tesaurizzazione.

Diversificazione

La distribuzione o la ripartizione degli investimenti su una moltitudine di titoli, settori, Paesi e monete differenti. Nella moderna teoria di portafoglio, la diversificazione, o ripartizione del rischio - una caratteristica tipica di tutti i fondi d'investimento - è un fattore determinante per la riduzione del rischio: con la ripartizione sistematica degli investimenti su una moltitudine di titoli si ripartisce anche il rischio; questo significa che il rischio globale di un portafoglio è nettamente inferiore a quello dei singoli titoli. Se poi la diversificazione si effettua anche a livello dei vari strumenti finanziari - azioni, obbligazioni, titoli del mercato monetario - il portafoglio che ne risulta è meno rischioso di un portafoglio puramente azionario. Infine, un'ulteriore riduzione del rischio si ottiene con la ripartizione geografica degli investimenti. È interessante notare come la diversificazione geografica, ottenuta ad esempio aggiungendo azioni estere ad un portafoglio di azioni elvetiche, sia in grado di incrementare contestualmente il potenziale di reddito. Se si vogliono effettuare investimenti orientati alla sicurezza, non si può quindi prescindere da una diversificazione sistematica a livello internazionale. Un'ampia diversificazione, con decine o centinaia di titoli singoli, è possibile unicamente in presenza di un patrimonio ingente oppure tramite i fondi d'investimento.

Dividendo

Percentuale dell'utile netto di un'impresa distribuito su azioni, buoni di partecipazione, quote sociali o buoni di godimento, spesso perciò chiamati anche «titoli di partecipazione».

Domicilio del fondo

Il fondo ha il suo domicilio nel Paese in cui è stato costituito, rispettivamente registrato, presso l'autorità di vigilanza.

Domicilio di pagamento

Vedasi Ufficio di pagamento.

Dovere di lealtà

Dovere sancito dalla legge secondo il quale la direzione del fondo, la banca depositaria nonché i loro mandatari sono tenuti a perseguire esclusivamente gli interessi degli investitori.

Durata

Periodo dall'emissione alla scadenza risp. al rimborso anticipato di un'obbligazione. Da non confondere con duration. Vedasi anche durata residua.

Durata residua

Dalla data odierna durata che ancora manca a un'obbligazione per giungere alla scadenza risp. al rimborso anticipato. Da non confondere con duration.

Durata residua media

La durata residua media è il periodo di tempo che intercorre fino alla scadenza finale di un'obbligazione. Nel fondo, la durata residua media risulta dalle durate residue ponderate (in funzione del capitale investito) di tutte le obbligazioni in esso contenute.

Duration

Periodo medio dell'impegno di capitale di un'obbligazione espresso in anni. Contrariamente alla durata residua, il concetto di duration considera anche la struttura temporale dei riflussi di capitale (p.es. rimborsi delle cedole). La duration media del portafoglio corrisponde alla media ponderata della duration dei singoli titoli. La duration modificata (modified duration) viene estrapolata dalla duration ed è un coefficiente di rischio che permette di accertare la sensibilità di un'obbligazione e di un portafoglio obbligazionario all'evoluzione dei tassi. L'aumento (la diminuzione) del livello dei tassi dell'1% determina dunque una flessione (un rialzo) percentuale del corso proporzionale alla duration modificata. Esempio: la duration modificata di un fondo obbligazionario è di 4,5, il rendimento teorico alla scadenza del 5,3%. Se il rendimento diminuisce dell'1% a quota 4,3%, il corso del fondo aumenta del 4,5% circa.

Dynamic Floor Funds

Vedasi fondi a copertura.