Comunicati stampa


Barometro PMI di UBS: Si conferma il cambio di trend nel settore industriale

Zurigo/Basilea | | Media Releases Switzerland

   

Ottobre è stato un mese positivo per l'industria, in particolare per le grandi imprese. Per la prima volta da febbraio di quest'anno, per le grandi imprese il barometro ha nuovamente fatto registrare un valore positivo. Un po' meno bene è andata alla piccole e medie imprese (PMI); nonostante il barometro delle PMI sia migliorato, è però rimasto sempre in territorio negativo.

Zurigo/Basilea, 5 dicembre 2013 – Per la prima volta da febbraio di quest'anno, per le grandi imprese il barometro ha fatto nuovamente registrare, in ottobre, un valore positivo. Il barometro è passato da -0,42 punti del mese precedente a 0,11 punti. Un po' meno marcato è stato invece il miglioramento delle PMI. Il barometro PMI è aumentato solamente da -0,38 a -0,21 punti. Le PMI hanno quindi già perso il leggero vantaggio sulle grandi imprese che avevano accumulato a settembre.

Le grandi imprese del settore industriale aumentano la produzione

Mentre le PMI negli ultimi mesi hanno ridotto la propria produzione, le grandi imprese l'hanno incrementata. Nella valutazione degli organici e dell'andamento degli affari, tuttavia, non vi sono differenze tra PMI e grandi imprese. Entrambe le categorie considerano ancora negativo l'andamento degli affari, anche se il trend degli ultimi mesi registra una costante ripresa. La ripresa economica si evince soprattutto dal numero di ordini ricevuto, che è aumentato per la maggior parte delle grandi imprese, e anche per le PMI ci sono segni di miglioramento.

Uno spiraglio, nei settori industriali, è offerto dall'edilizia. Tuttavia anche nel ramo edile le PMI fanno registrare un andamento tendenzialmente peggiore rispetto alle grandi imprese. La differenza è particolarmente marcata nel quantitativo degli ordini e nell'andamento degli affari. Per quanto riguarda l'andamento dei prezzi, le PMI del settore edilizio evidenziano un calo inferiore rispetto alle grandi imprese. Negli uffici di ingegneria e di architettura tanto le PMI quanto le grandi imprese continuano a valutare molto positivamente la situazione economica. Il numero delle grandi imprese che valutano positivamente il proprio andamento degli affari è aumentato decisamente anche negli ultimi tre mesi. La favorevole situazione commerciale si esprime anche negli utili. A differenza delle PMI del settore edile, gli utili della maggior parte degli uffici di ingegneria e di architettura di piccola e media portata sono migliorati negli ultimi tre mesi.

Un quadro poco omogeneo nel settore dei servizi

Nel settore dei servizi non si riesce a individuare alcun trend uniforme. Nel commercio al dettaglio le PMI registrano un calo degli utili, che invece sono migliorati nella maggior parte delle grandi imprese. Sorprendentemente, nella valutazione generale dell'andamento degli affari la situazione appare capovolta: qui sono le PMI ad essere avanti. Nel commercio all'ingrosso, l'andamento soprattutto per quanto riguarda la domanda è completamente diverso per le due categorie. Mentre le PMI, per la prima volta da due anni, hanno fatto registrare un incremento della domanda, un numero maggiore di grandi imprese rispetto a tre mesi fa ne prevede un calo.

La situazione delle imprese del settore del turismo rimane difficile, anche se il numero di pernottamenti degli ultimi mesi è leggermente aumentato rispetto all'anno precedente. Le differenze tra le PMI e le grandi imprese sono leggermente diminuite negli ultimi mesi, perché le seconde si sono avvicinate all'andamento negativo delle PMI. Entrambe le tipologie di imprese considerano ancora negativo l'andamento degli affari, troppo elevato il livello di occupazione e critica la situazione reddituale.

Lenta ripresa nell'industria, solidi i fornitori di servizi

I risultati dei sondaggi indicano che tanto le PMI quanto le grandi imprese in campo industriale hanno raggiunto e superato la fase più critica. Questo è in sintonia con le valutazioni di UBS, secondo le quali la ripresa della congiuntura mondiale condurrà gradualmente a un aumento della domanda di merce svizzera, fornendo quindi ulteriore impulso all'industria. Nelle imprese del settore dei servizi l'andamento degli affari continua a essere valutato positivamente. Anche in questo settore, grazie alla perdurante immigrazione e ai bassi interessi, si prevede una solida domanda interna per i prossimi mesi.

Barometro PMI di UBS


Calcolo del barometro PMI di UBS
Il barometro industriale UBS si basa sul sondaggio mensile condotto dal KOF nel settore industriale (senza il ramo edile). Viene calcolato come primo componente principale tra 17 sottoindicatori per l’intero settore industriale, suddividendo in PMI (fino a 200 collaboratori) e grandi aziende (a partire da 200 collaboratori). Viene graduato in modo tale che il suo valore medio è zero e la sua varianza 1.

Industria

Settore dei servizi

Importante
La valutazione avviene attraverso il cosiddetto indice di diffusione: il risultato corrisponde alla media della quota di aziende con trend positivo' o 'negativo'. Pertanto, esso non fornisce tassi di variazione percentuali.

 

UBS SA

 

Contatti

  • Caesar Lack, UBS CIO Wealth Management Research, Tel. +41-44-234 44 13
  • Sibille Duss, UBS CIO Wealth Management Research, Tel. +41-44-235 69 54
     

UBS outlook Svizzera: www.ubs.com/research

Pubblicazioni UBS e previsioni relative alla Svizzera disponibili sul sito: www.ubs.com/economicresearch
www.ubs.com/wmr-swiss-research

www.ubs.com