Comunicati stampa


Trend laterale per il barometro PMI di UBS

Zurigo | | Media Releases Switzerland

Dopo una flessione a giugno, a luglio il barometro PMI di UBS si è stabilizzato. Il barometro replica l'andamento degli affari delle piccole e medie imprese industriali (PMI). Da molto tempo gli affari delle PMI nell'industria vanno un po' meno bene rispetto a quelli delle grandi imprese. Questo a differenza del settore dei servizi, dove le PMI talvolta hanno un andamento migliore rispetto a quello delle grandi aziende.

Zurigo/Basilea, 5 settembre 2013 – A luglio, il barometro calcolato in base ai risultati del sondaggio del Centro di ricerca congiunturale dell'ETH (KOF) per le imprese industriali è migliorato rispetto al mese precedente. Per le grandi imprese l'aumento di luglio è ammontato a ben 0,36 punti, per le PMI solo a 0,04 punti. Sia per le PMI sia per le grandi imprese, il barometro è nettamente inferiore alla sua media pluriennale. Da febbraio il barometro di UBS tende a muoversi lateralmente. Ciò supporta la nostra previsione di una lenta e continua crescita economica in Svizzera. Nel complesso per l'intero 2013 prevediamo una crescita economica dello 0,9%.

A differenza dell'industria, per le società di servizi il quadro è un po' differente – le PMI non hanno un andamento peggiore delle grandi imprese su tutta la linea. Tuttavia, per quanto riguarda il rendimento negli ultimi tre mesi le PMI hanno registrato un andamento peggiore rispetto alle grandi imprese, anche se questo non rappresenta una novità. Dal 2006 la situazione reddituale delle PMI nel settore dei servizi era stata per lo più peggiore rispetto a quella delle grandi imprese. Mentre nel secondo trimestre la maggior parte delle grandi imprese riteneva adeguato il proprio livello occupazionale, per il terzo trimestre prevedeva un eccesso di dipendenti. Le PMI ritenevano troppo elevato il livello occupazionale già dal terzo trimestre 2011.

Dinamica più debole per le PMI nell'edilizia

Nell'edilizia, per le PMI si osserva un forte indebolimento della dinamica. Infatti, negli ultimi tre mesi l'andamento degli affari delle PMI è notevolmente peggiorato e il portafoglio ordini per la prima volta dal 2° trimestre 2010 viene addirittura classificato di nuovo troppo basso. Le grandi imprese mostrano tuttavia sempre libri ordini pieni e annunciano addirittura un leggero miglioramento dell'andamento degli affari. La guerra dei prezzi sembra essersi di nuovo leggermente inasprita, poiché sia le grandi imprese sia le PMI prevedono nuovamente prezzi in calo. Prosegue ininterrottamente la tendenza positiva per gli studi di architettura e ingegneria. Sia per le grandi imprese sia per le PMI, la valutazione dell'andamento degli affari è salita di nuovo a un livello record. Tuttavia, la guerra dei prezzi è un tema anche in questo settore e le grandi imprese sono colpite in modo un po' più forte rispetto alle PMI.

Rispetto al trimestre precedente, le imprese nel commercio all'ingrosso devono far fronte a una domanda e a una situazione reddituale più debole, indipendentemente dalla dimensione aziendale. Ciononostante, l'andamento degli affari viene tuttavia valutato positivamente dalla maggioranza delle società. Ciò a differenza delle imprese nel commercio al dettaglio che valutano negativamente il loro andamento degli affari. Questa visione pessimistica della situazione economica si ripercuote anche sul livello occupazionale che è stato valutato troppo elevato sia dalle PMI sia dalle grandi imprese.

Le grandi imprese hanno superato rapidamente la crisi nel settore del turismo?

Per la prima volta da due anni, le grandi imprese del turismo valutano di nuovo positivamente l'andamento degli affari. I ricavi e il fatturato si sono stabilizzati e l'occupazione non viene più ritenuta troppo elevata. Sempre negativa è tuttavia la situazione per le PMI nel settore del turismo, dove l'andamento degli affari è addirittura ulteriormente peggiorato. Tuttavia, in linea di massima in base ai pernottamenti il settore del turismo sembra in leggera ripresa. Nel primo semestre, in Svizzera i pernottamenti dei turisti sono aumentati dell'1,2% rispetto a un anno prima e a contribuire maggiormente a questa crescita sono stati i turisti stranieri.


Barometro PMI di UBS

UBS SME barometer

Fonti: KOF, UBS CIO

Calcolo del barometro PMI di UBS
Il barometro industriale UBS si basa sul sondaggio mensile condotto da KOF nel settore industriale (senza il ramo edile). Viene calcolato come primo componente principale tra 17 sottoindicatori per l’intero settore industriale, suddividendo in PMI (fino a 200 collaboratori) e grandi aziende (a partire da 200 collaboratori). Viene talmente graduato che il suo valore medio è zero e la sua varianza 1.

    

Industria

Fonti: KOF, UBS CIO WM Research

Settore dei servizi

Fonti: KOF, UBS CIO WM Research

Importante
La valutazione avviene attraverso il cosiddetto indice di diffusione: il risultato corrisponde alla media della quota di aziende con trend positivo' o 'negativo'. Pertanto, esso non fornisce tassi di variazione percentuali.


UBS SA


Contatti

Caesar Lack, UBS CIO Wealth Management Research, Tel. +41-44-234 44 13

Sibille Duss, UBS CIO Wealth Management Research, Tel. +41-44-235 69 54


UBS outlook Svizzera: www.ubs.com/research

Pubblicazioni UBS e previsioni relative alla Svizzera disponibili sul sito: www.ubs.com/economicresearch

www.ubs.com/wmr-swiss-research


www.ubs.com