Comunicati stampa


UBS outlook Svizzera terzo trimestre 2011 - L'economia cresce nonostante il livello record del franco

Zurigo/Basilea | | Media Releases Switzerland

Per ora, la forza del franco non turba il mercato del lavoro. Anzi, la maggior parte delle aziende intervistate nel quadro del sondaggio trimestrale UBS si dichiara intenzionata ad ampliar i propri organici nel terzo trimestre. Anche le esportazioni proseguono su un percorso di crescita malgrado l'elevato corso del franco che ha superato il livello pre-crisi.

Nonostante il record del franco, quasi la metà dei settori intervistati da UBS riferisce un incremento di nuovi ordinativi esteri, ovvero del proprio fatturato da esportazioni. Questo aumento è tuttavia avvenuto a spese di prezzi di vendita e margini di utili in calo. Le esportazioni hanno superato il livello pre-crisi, ma ciò è dovuto soprattutto a un primo trimestre particolarmente prospero. In buona parte dei settori, la forza del franco non ha avuto effetti negativi sul livello occupazionale, anzi, la maggior parte delle aziende prevede una crescita organica. La carenza di personale qualificato, che da tempo rappresenta un problema, si è aggravata rispetto al sondaggio dell'ultimo trimestre.

Per l'intero anno, UBS Wealth Management Research si aspetta una crescita economica del 2,7 percento. La forza della moneta nazionale non consente alla Banca nazionale svizzera (BNS) di aumentare il tasso d'interesse. Una prima correzione al rialzo sarebbe possibile solo in caso di tregua della crisi del debito europeo e a fronte di un indebolimento del franco. La BNS non può fare nulla contro la forza del franco, se non confermare i tassi attorno allo zero. La contrazione del capitale proprio della BNS rende improbabili interventi monetari da parte dell'istituto.
Il recente incremento dei tassi in Europa dovrebbe aiutare l'euro nei confronti del franco. Un'eventuale distensione sulla Grecia dovrebbe riportare il tasso di cambio nella fascia tra 1,25 e 1,30 franchi per euro. Tuttavia consigliamo di essere prudenti e di essere pronti a proteggersi contro l'eventuale rischio di un'ulteriore rivalutazione del franco.

Efficienza e sicurezza energetica
In questo numero di luglio della nostra pubblicazione trimestrale, gli economisti UBS si occupano soprattutto dell'approvvigionamento e della sicurezza energetica in Svizzera. Esaminano anche quali potrebbero essere le conseguenze dell'uscita dall'energia nucleare e soprattutto dove esistono margini di risparmio energetico.

In quest'ultimo numero di UBS Outlook Svizzera troverete anche stime dettagliate su congiuntura, situazione monetaria e tassi e mercati immobiliari.

UBS outlook Svizzera è corredato anche dalla pubblicazione «La Svizzera in cifre»
Questo numero del nostro bollettino statistico contiene circa 2'000 fatti e numeri sull'economia svizzera e sui singoli cantoni, nonché i dati più importanti riguardanti i principali partner commerciali della Svizzera.

Contatti:

Daniel Kalt, Capo economista Svizzera
Tel. +41 44 234 25 60

Caesar Lack, UBS Research Svizzera
Tel. +41 44 234 44 13

Sibille Duss, UBS Research Svizzera
Tel. +41 44 235 69 54

Pubblicazioni UBS e previsioni relative alla Svizzera disponibili sul sito:
www.ubs.com/economicresearch
www.ubs.com/wmr-swiss-research

Previsioni UBS

Indicatore congiunturale UBS e prodotto interno lordo

Indicatore congiunturale UBS
Indice dello sviluppo economico svizzero dal 1975

Dal 1975 UBS intervista trimestralmente le imprese dell'industria Svizzera sull'andamento degli affari. Sulla base dei dati così ottenuti, e con l'obiettivo di tracciare fedelmente l'andamento congiunturale dell'economia Svizzera, gli economisti di UBS hanno sviluppato l'indicatore congiunturale. L'indicatore congiunturale UBS viene calcolato tenendo conto dei seguenti elementi ricavati dal sondaggio: evoluzione delle commesse totali in entrata nel trimestre trascorso e previsione per il trimestre successivo nonché afflusso di commesse nazionali ed estere, evoluzione della produzione, del magazzino prodotti finiti, dell'organico e delle riserve di lavoro.