Comunicati stampa


Inchiesta salariale UBS: i salari nominali crescono dello 0,8% nel 2010

Zurigo / Basilea | | Media Releases Switzerland

L'ultima inchiesta salariale UBS rivela che i salari nominali dovrebbero crescere leggermente anche nel 2010. A seguito della trattativa salariale di quest'anno si prevede mediamente in tutto il territorio svizzero un aumento dei salari di base dello 0,8%.

Per il prossimo anno UBS si aspetta un'inflazione dello 0,7%; ne consegue che nel difficile contesto attuale i salari reali rimarranno invariati. È migliore il quadro retrospettivo sugli aumenti salariali nel 2009: l'andamento dei prezzi al consumo nel 2009 potrebbe subire una flessione pari a -0,4%. Le aziende intervistate hanno dichiarato di aver aumentato nel 2009 i salari nominali del 2,2%. I lavoratori svizzeri beneficiano così nell'anno in corso di una crescita del salario reale superiore alla media (2,6%).

Aumenti salariali maggiori nel terziario
Nel confronto settoriale si distinguono in positivo le società dei servizi. Nel 2010 l'aumento salariale medio in questo settore è dell'1,5%. Godranno di incrementi salariali superiori alla media anche i dipendenti del settore alimentare, pubblico o dell'IT. Salario pressoché invariato, invece, per l'industria orologiera, i media, il settore tessile e il segmento non alimentare dei beni di consumo.

In questa trattativa salariale emerge soprattutto l'andamento negativo dei prezzi al consumo sulla media annuale. A fronte della drammatica crisi congiunturale e di una situazione sempre più tesa sul mercato del lavoro, numerose aziende in diversi settori non concederanno aumenti salariali nel 2010. In alcuni settori si parla addirittura di tagli ai salari nominali; alcune aziende del settore tessile, meccanico e dei media, ma non solo, saranno costrette ad intraprendere simili misure. Secondo l'inchiesta UBS, i tagli ai salari nominali, nei casi in cui sono presi in considerazione o sono già stati deliberati, si attestano mediamente al 5,0% circa e sono solitamente limitati ad un anno.

Molte aziende vedono però già le prime schiarite all'orizzonte e contano su una ripresa economica per il prossimo anno. Anche UBS prevede una crescita economica dell'1,7% per il prossimo anno, dopo un calo dell'1,5% nell'anno in corso.

Tuttavia, poiché l'andamento del mercato del lavoro è in ritardo rispetto al ciclo congiunturale, la disoccupazione aumenterà dall'attuale 4,0% circa a una media del 5,0% nel prossimo anno.

UBS svolge l'inchiesta salariale annualmente dal 1989. All'inchiesta attuale svoltasi dal 1° al 26 ottobre 2009 hanno partecipato circa 250 imprese e associazioni di categoria di datori di lavoro e dipendenti attive in 22 settori, che occupano oltre due terzi della forza lavoro in Svizzera. Negli anni dal 1989 al 2008, gli aumenti salariali stimati mediante l'inchiesta si sono discostati in media di soli 0,34 punti percentuali dalla media dei dati ufficiali sull'andamento dei salari (indice dei salari nominali e CCL) pubblicati dall'Ufficio federale di statistica (UST).

I risultati dettagliati dell'inchiesta salariale UBS 2010 sono disponibili su Internet all'indirizzo: www.ubs.com/wmr-swiss-research.

Tabella: incrementi salariali nominali (in %) in settori svizzeri selezionati in base all'inchiesta salariale UBS

Effective increase 2009

Forecast 2010

Textiles

1.7%

0.0%

Media

1.7%

0.0%

Non-food

2.0%

0.0%

Watches

3.0%

0.0%

Tourism

2.0%

0.3%

Machinery

2.0%

0.5%

Energy, utilities and waste disposal

2.8%

0.5%

Metals

2.5%

0.5%

Electrical engineering

1.5%

0.7%

Retail trade

2.5%

0.8%

Pharmaceuticals

3.0%

0.8%

Materials and building materials

2.0%

0.9%

Chemicals

1.5%

1.0%

Construction and architecture

2.0%

1.0%

Banks and insurance

2.0%

1.0%

Wholesale trade and logistics

2.0%

1.0%

Automobile sector

2.0%

1.0%

IT services and telecommunications

2.4%

1.0%

Health and social services

2.0%

1.0%

Public sector

2.7%

1.0%

Food

2.4%

1.2%

Corporate services

2.5%

1.5%

Total

2.2%

0.8%

Contatti:
Daniel Kalt, Responsabile Economic & Swiss Research
Tel. +41-44-234 25 60

Carla Duss, Economic & Swiss Research
Tel. +41-44-234 21 19