Comunicati stampa


Assemblea generale UBS: informazioni in anteprima sui punti salienti dei risultati del primo trimestre, sulle ulteriori misure di risparmio e sulla strategia

Zurigo / Basilea | | Price Sensitive Information

Il discorso di Oswald J. Grübel, Group CEO, in occasione dell'odierna Assemblea generale a Zurigo, comprende i seguenti messaggi principali nonché dati finanziari:

  • Per il primo trimestre UBS prevede una perdita di competenza degli azionisti pari a quasi CHF 2 miliardi, dopo un contributo negativo pari a un totale di circa CHF 3,9 miliardi a causa di perdite subite su posizioni a rischio illiquide già note, accantonamenti per rischi di credito e adeguamenti dei prezzi per le ultime posizioni che sono state trasferite alla Banca nazionale svizzera. Le prospettive per queste posizioni restanti non sono significativamente cambiate.

  • Grazie a un'ulteriore riduzione della somma di bilancio e degli attivi ponderati in funzione del rischio, UBS prevede, malgrado la perdita trimestrale, un coefficiente patrimoniale di circa il 10% per la fine di marzo 2009.

  • Malgrado i primi segnali positivi, UBS chiude il primo trimestre con un deflusso netto di fondi. Per la divisione Wealth Management & Swiss Bank è risultato un deflusso netto di circa CHF 23 miliardi. Questo deflusso si è verificato in seguito alla divulgazione dell'accordo con le autorità statunitensi relativo alle indagini sui servizi bancari transnazionali con i clienti statunitensi. D'altra parte, Wealth Management Americas ha conseguito un risultato positivo con una raccolta netta di circa CHF 16 miliardi.

  • Al fine di adeguare le proprie dimensioni alle modificate condizioni del mercato e al ridimensionamento delle attività, rispetto al 2008 UBS prevede risparmi dai 3,5 ai 4 miliardi di franchi entro la fine del 2010.

  • UBS sfrutterà l'intero potenziale di risparmio in tutte le proprie attività. Purtroppo, una notevole riduzione di posti di lavoro si rende inevitabile. UBS prevede di ridurre il numero di collaboratori a circa 67 500 persone entro il 2010. Alla fine di marzo 2009 UBS contava circa 76 200 collaboratori in oltre 50 paesi. La riduzione di posti di lavoro riguarderà anche la Svizzera.

  • Anche in futuro UBS abbinerà le sue attività principali - la gestione patrimoniale e le operazioni bancarie in Svizzera - alle sue competenze globali nella banca d'affari e nella gestione di attivi. UBS continuerà a ridurre i rischi.

  • UBS si ritirerà dagli ambiti di attività non promettenti e ad alto rischio. La banca esamina ora il suo portafoglio di attività al fine di poter decidere con chiarezza in quali settori intende restare attiva ed espandersi e quali settori intende abbandonare.

  • Estratto del discorso di Oswald Grübel: «Sappiamo dove iniziare. La via del ritorno al successo sarà lunga e non dobbiamo aspettarci soluzioni a breve termine; dobbiamo invece, passo per passo, affrontare il futuro in modo realistico, coerente e disciplinato.»

  • I discorsi tenuti in occasione dell'Assemblea generale possono essere scaricati all'indirizzo www.ubs.com/agm. Ulteriori dettagli concernenti i risultati del primo trimestre, le misure di risparmio e la strategia saranno pubblicati il 5 maggio 2009.