Comunicati stampa


Rallentamento nella crescita dei consumi privati

Zurigo / Basilea | | Media Releases Switzerland

Dopo il leggero incremento di settembre, l'indicatore UBS dei consumi è tornato a perdere nettamente terreno in ottobre. Con un valore di 1,32 è sceso per la prima volta dopo due anni e mezzo sotto il suo valore medio a lungo termine. Le prospettive per i consumi privati in Svizzera si fanno così sempre più fosche.

A ottobre, l'indicatore UBS dei consumi calcolato mensilmente è sceso sensibilmente da 1,64 a 1,32. Dopo il timido incremento di settembre, ha quindi ripreso la tendenza calante dei mesi precedenti e si è portato per la prima volta dall'aprile 2006 al di sotto della sua media a lungo termine di 1,50.

L'indicatore UBS dei consumi viene calcolato sulla base di cinque sottoindicatori: vendite di nuove autovetture, andamento degli affari nel commercio al dettaglio, numero di pernottamenti in albergo da parte di residenti in Svizzera, indice della fiducia dei consumatori nonché fatturati delle carte di credito generati tramite UBS presso i punti vendita nazionali. La netta riduzione registrata a ottobre va interpretata soprattutto nell'ottica dell'ulteriore peggioramento della fiducia dei consumatori e del minor numero di pernottamenti in albergo da parte di residenti in Svizzera. Praticamente invariati sono rimasti le nuove immatricolazioni di autovetture e l'andamento degli affari nel commercio al dettaglio. Quest'ultimo può tuttavia essere qualificato come positivo nel confronto a lungo termine.

Al livello attuale, l'indicatore UBS dei consumi continua a segnalare una crescita dei consumi privati svizzeri; ciononostante, le prospettive si stanno sempre più deteriorando. Sull'onda dell'indebolimento congiunturale, si prevede un aumento della disoccupazione nei prossimi mesi, che graverà sulla propensione al consumo. Un segnale positivo arriva invece dal calo dell'inflazione, in particolare per quanto riguarda i prezzi per l'energia, che sostiene il potere d'acquisto e incoraggia i consumi privati. Complessivamente, UBS prevede una crescita reale dei consumi privati pari all'1,9% nell'anno in corso.

Indicatore UBS dei consumi e consumi privati in Svizzera
(Consumi privati: variazione in % rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente; indicatore UBS dei consumi: livello dell'indice)

Calcolo dell'indicatore UBS dei consumi:
con un anticipo di circa tre mesi rispetto alle cifre ufficiali, l'indicatore UBS dei consumi dà un'idea dell'evoluzione dei consumi privati elvetici, che con una quota del 58% rappresentano indubbiamente la componente più significativa del PIL svizzero. L'indicatore anticipatore UBS viene calcolato sulla base di cinque variabili legate ai consumi: vendite di nuove autovetture, andamento degli affari nel commercio al dettaglio, numero di pernottamenti in albergo da parte di residenti in Svizzera, indice della fiducia dei consumatori nonché fatturati delle carte di credito generati tramite UBS presso i punti vendita nazionali Ad eccezione dell'indice della fiducia dei consumatori, tali dati sono aggiornati con cadenza mensile.

Contatti:

Daniel Kalt, Responsabile Economic Research
Tel. +41-44-234 25 60

Felix Brill, Responsabile Economic Research Svizzera
Tel. +41-44-234 35 54

Pubblicazioni UBS e previsioni relative alla Svizzera disponibili al sito: www.ubs.com/economicresearch