Comunicati stampa


UBS outlook, 4° trimestre 2008

Zurigo/Basilea | | Media Releases Switzerland

Metronomo più lento per la congiuntura industriale svizzera Nel terzo trimestre 2008 è girato il vento che soffiava sull'industria svizzera. Secondo l'ultimo sondaggio UBS continuano ad essere presenti impulsi di crescita, che però stanno gradualmente perdendo vigore. Le previsioni delle aziende per il quarto trimestre si collocano ancora, ma di stretta misura, in territorio positivo.

I risultati del sondaggio condotto da UBS in agosto-settembre presso circa 400 aziende evidenziano un rallentamento della dinamica dell'industria svizzera. Il numero di imprese che dichiarano un aumento degli affari rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente si assottiglia sempre più, mentre cresce progressivamente quello in cui la tendenza appare essersi deteriorata. Il saldo subisce, quindi, una contrazione, pur restando per tutto il quarto trimestre 2008 in territorio positivo, anche se solo di stretta misura.

L'indicatore congiunturale UBS segnala una flessione della crescita
L'indicatore congiunturale UBS, il barometro tendenziale del prodotto interno lordo calcolato sulla base dei risultati del sondaggio, continua ad arretrare, esprimendo comunque un'espansione ancora ragguardevole dell'economia svizzera, pari al 2,1% nel terzo trimestre e all'1,3% per il quarto. Malgrado i rischi evidenti legati alla congiuntura globale e alla crisi finanziaria, UBS Wealth Management Research prospetta uno scenario di base in cui la crescita economica è stimata all'1,0% in media nel 2009 e all'1,2% nel 2010.

Aspettative deluse, affari comunque positivi nel terzo trimestre
Da quanto emerso nel sondaggio UBS, a fronte di un 28% di imprese che ha accusato un calo delle commesse vi è una percentuale di poco superiore, pari al 33%, che ha visto aumentare i propri portafogli ordini (saldo +5). Le attese manifestate tre mesi prima sono andate così deluse. Un risultato analogo è stato rilevato per la produzione (+16) e il fatturato (+21). Nell'insieme, l'indicatore «Andamento degli affari», che sintetizza i tre elementi menzionati, punta ancora decisamente verso l'alto. I dati sulle scorte di lavoro e sulle tendenze degli utili mostrano, invece, saldi negativi (-4 per ognuno). Nonostante, una parte significativa di imprese (saldo +19%) ha rafforzato i propri organici.

La forbice settoriale si divarica
I risultati nel complesso tuttora soddisfacenti del sondaggio UBS sono sostenuti soprattutto dall'industria alimentare e orologiera. A saldo, rispettivamente il 46% e il 40% delle aziende partecipanti che operano in questi settori ha beneficiato di un'evoluzione positiva degli affari. Livelli superiori alla media sono stati raggiunti dall'elettrotecnica (+30) e dalla chimica (+28). Per contro, il comparto tessile (-14), del legno e mobili (-8), della grafica (-7) e dei macchinari (-2) hanno subito un calo dell'attività. Le diverse tendenze settoriali proseguiranno, secondo l'opinione delle aziende, anche nel quarto trimestre 2008.

Con una certa fiducia per l'ultimo trimestre
Sebbene le imprese intervistate da UBS siano state più caute nelle loro previsioni per tutti i criteri sondati, il quadro totale che si delinea per il quarto trimestre 2008 appare ancora improntato a un leggero ottimismo. Mentre una quota ridotta (saldo -4) pronostica nuove commesse in flessione rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, la grande maggioranza conta su una produzione in ulteriore aumento (+10) e un fatturato in rialzo (+12). Alla luce di tali dati, l'andamento degli affari dovrebbe migliorare, globalmente, solo in modo marginale. Se da un lato i prezzi di vendita sembrano destinati a continuare la loro corsa (+33) quasi senza freni, gli utili appaiono sempre più compressi (-12). Il fatto che ancora una buona parte delle aziende (+14%) intenda potenziare i propri organici è un chiaro segno che l'industria non ha ancora perso la fiducia.

Contatti:

Daniel Kalt, Responsabile Ecomomic & Swiss Research
Tel. +41 44 234 25 60

Felix Brill, Economic & Swiss Research
Tel. +41 44 234 35 54

Pubblicazioni UBS e previsioni relative alla Svizzera disponibili al sito:
www.ubs.com/economicresearch