Comunicati stampa


UBS prevede una forte crescita dell'economia svizzera

Zurigo / Basilea | | Media Releases Switzerland

Al momento l'economia svizzera è in splendida forma e, stando agli indicatori anticipatori, il suo slancio si protrarrà anche nei prossimi trimestri. Per questo motivo UBS rivede al rialzo le previsioni di crescita al 2,6% per il 2007 ed al 2,3% per il 2008.

Nei primi tre mesi dell'anno l'economica svizzera ha proseguito la sua corsa. L'incremento del prodotto interno lordo reale, calcolato su base annua, si attesta al 3,2%, ai livelli più alti dal 3° trimestre 2005 e nettamente al di sopra della media di lungo termine. Sia la solidità che l'ampia base dell'attività economica invitano all'ottimismo, tanto più che la maggior parte degli indicatori congiunturali lasciano presagire una dinamica positiva duratura. La ripresa sul mercato del lavoro è tuttora in atto e dovrebbe protrarsi anche nei prossimi mesi. L'aumento dell'occupazione che ne consegue e gli aumenti dei salari reali prevedibili in un tale contesto si ripercuotono in modo positivo sul reddito disponibile delle economie domestiche. UBS è pertanto ottimista sul fatto che il consumo privato continui a supportare la congiuntura. L'elevatissimo grado di sfruttamento delle capacità industriali e il buon livello di utili e ordinativi prospettano inoltre per i prossimi trimestri nuovi marcati progressi anche sul fronte degli investimenti in beni strumentali. Anche dal commercio estero dovrebbero giungere impulsi positivi, alla luce della tuttora sostenuta crescita dell'economia mondiale e dell'aumentata competitività dell'economia svizzera sulla scia della svalutazione del franco. Nell'insieme gli economisti UBS prevedono pertanto una crescita reale del PIL del 2,6% (finora 1,8%) quest'anno e del 2,3% (2,0%) l'anno prossimo.

Nonostante l'attuale slancio dell'economia e la debolezza del franco rispetto all'euro, permangono invariate le prospettive a medio termine di tassi d'inflazione contenuti. A suffragare tale tesi contribuiscono in particolare fattori strutturali come l'inasprimento della concorrenza sul mercato nazionale e l'apertura del mercato del lavoro ai cittadini dell'UE. In complesso, UBS prevede un aumento dei prezzi al consumo pari allo 0,4% per il 2007 e allo 0,8% per il 2008.

A fronte della forte crescita economica interna, la Banca nazionale svizzera dovrebbe continuare la graduale normalizzazione della politica monetaria. UBS prevede altri due aumenti di tassi di 25 punti base ciascuno per settembre e dicembre che porterebbero la banda obiettivo media per il Libor a 3 mesi al 3% per la fine del 2007.

Contact:

Daniel Kalt

Head of Swiss Economic Research

Tel. +41-44-234 25 60

Felix Brill

Economic & Swiss Research

Tel. +41-44-234 35 54

Pubblicazioni UBS e previsioni relative alla Svizzera disponibili al sito: www.ubs.com/economicresearch