Comunicati stampa


Indicatore UBS dei consumi in lieve progressione anche in ottobre

Zurigo / Basilea | | Media Releases Switzerland

A ottobre l'indicatore dei consumi calcolato mensilmente da UBS ha messo a segno una lieve progressione per la seconda volta consecutiva. La ripresa congiunturale in atto dovrebbe pertanto essere sorretta anche dalla persistente solidità del consumo privato.

A ottobre, l'indicatore UBS dei consumi si è attestato a quota -0,73 dopo essersi posizionato a -0,80 in settembre e aver precedentemente toccato un minimo temporaneo di -0,86. L'indice segnala quindi una solida e prolungata fase di crescita dei consumi privati, dopo che lo scorso inverno la dinamica era risultata in temporaneo cedimento a causa dell'allora generalizzato rallentamento congiunturale. Alla recente ripresa dell'indicatore, calcolato in base a cinque sottoindicatori, hanno contribuito le immatricolazioni di nuove autovetture, che seguono un trend lievemente più positivo rispetto all'anno precedente, e i pernottamenti alberghieri di turisti svizzeri, nuovamente in crescita. L'indice del sentimento dei consumatori, altro sottoindicatore di riferimento, si è infine attestato ai valori del trimestre precedente. Tra le altre variabili prese in considerazione nel calcolo dell'indicatore UBS dei consumi figurano l'indice relativo all'andamento degli affari dei commercianti al dettaglio elaborato dal KOF/ETH (per il quale, in assenza dei valori effettivi, ci affidiamo a valori di stima) e il fatturato mensile realizzato con le carte di credito UBS nei punti vendita in Svizzera.

Gli economisti di UBS prevedono il proseguimento di una fase di ripresa congiunturale ampiamente sostenuta, benché complessivamente non esuberante. Oltre a beneficiare di un'attività immobiliare sempre solida, da inizio estate la congiuntura elvetica è trainata anche da una marcata accelerazione delle esportazioni. Globalmente, UBS prevede una crescita media reale del PIL pari all'1,3% nell'anno corrente e all'1,6% nel 2006. La dinamica di crescita risulta peraltro troppo modesta per generare un aumento consistente del grado di occupazione. Si può dunque prevedere che la tensione sul mercato del lavoro si allenterà solo gradualmente. Dato che la ripresa poggia su ampie basi, secondo UBS la Banca Nazionale Svizzera (BNS) procederà a un aumento dei tassi d'interesse di un quarto di punto percentuale (0,25%) a dicembre, aumento del resto già annunciato da quest'ultima nell'eventualità di un consolidamento della ripresa e nel frattempo già ampiamente scontato dai mercati finanziari.

Indicatore UBS dei consumi e consumi privati in Svizzera
(Consumi privati: variazione rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso in %, indicatore UBS dei consumi: livello dell'indice)


UBS