Comunicati stampa


UBS annuncia un utile netto di CHF 8089 milioni per l'esercizio 2004 e di CHF 2021 milioni per il quarto trimestre 2004

| Quarterly Results

- Nel 2004 l'utile netto si è attestato a CHF 8089 milioni, di cui CHF 8044 milioni provenienti dalle attività finanziarie: un risultato record, superiore del 29% rispetto ai livelli del 2003 - I ricavi sono aumentati in tutti i settori, riducendo il rapporto costi/ricavi per le attività finanziarie al 72,6%, ovvero al 70,2% ante avviamento - Il ROE per il 2004 è risultato pari al 24,7% (27,7% ante avviamento) - Nel 2004, l'utile per azione (EPS) è stato di CHF 7.68, in crescita del 37% rispetto al 2003 (ovvero del 34% ante avviamento) - Il CdA ha proposto un dividendo di CHF 3.00 per azione, in aumento del 15% rispetto all'esercizio precedente - La raccolta netta complessiva ha raggiunto CHF 88,9 miliardi, di cui CHF 59,4 miliardi provenienti dalle attività di gestione patrimoniale di tutto il mondo - Nel quarto trimestre UBS ha registrato un utile netto di CHF 2021 milioni, a cui le attività finanziarie hanno contribuito per CHF 1993 milioni, mettendo così a segno il miglior quarto trimestre della sua storia.

UBS (partecipazioni industriali comprese)

Per il trimestre conclusosi in data

Variazione % dal

Per l'esercizio conclusosi in data

in milioni di CHF, salvo altrimenti indicato

31.12.04

30.9.04

31.12.03

3Q04

4Q03

31.12.04

31.12.03

Proventi operativi

11'142

10'148

8'538

10

30

41'069

33'790

Costi operativi

8'413

7'887

6'303

7

33

30'395

25'613

Utile netto

2'021

1'671

1'808

21

12

8'089

6'239

Attività finanziarie

Per il trimestre conclusosi in data

Variazione % dal

Per l'esercizio conclusosi in data

in milioni di CHF, salvo altrimenti indicato

31.12.04

30.9.04

31.12.03

3Q04

4Q03

31.12.04

31.12.03

Proventi operativi

9'167

8'456

8'538

8

7

37'402

33'790

Costi operativi

6'575

6'265

6'303

5

4

26'935

25'613

Utile netto

1'993

1'654

1'808

20

10

8'044

6'239

UBS archivia il 2004 con un utile netto di CHF 8089 milioni. Tale dato comprende il risultato interamente consolidato di Motor-Columbus, una holding industriale 1 che ha apportato all'utile netto un contributo di CHF 45 milioni. Escludendo tale partecipazione, le attività finanziarie di UBS hanno evidenziato un utile netto di CHF 8044 milioni, in crescita del 29% rispetto al 2003. Al lordo dell'avviamento e della dismissione delle attività di clearing di Wealth Management USA nel secondo trimestre 2003, l'utile netto esprime un progresso del 24%.

"Questo risultato è il migliore risultato annuo mai conseguito da UBS, che riflette la nostra strategia chiaramente orientata alla crescita," ha dichiarato Peter Wuffli, Chief Executive Officer. su base annua I proventi operativi sono cresciuti in tutti i settori nonostante il deprezzamento del dollaro USA. Sostenute dal recupero delle valutazioni di mercato e dagli ingenti afflussi di nuovi patrimoni, le commissioni di portafoglio hanno evidenziato un risultato particolarmente positivo. Per l'intero esercizio 2004, la raccolta netta di UBS è risultata complessivamente pari a CHF 88,9 miliardi, con un progresso del 29% rispetto ai CHF 69,1 miliardi dell'esercizio precedente. Il volume totale dei patrimoni in gestione è quindi salito a CHF 2250 miliardi.

Il 2004 ha inoltre visto una crescita significativa delle commissioni di negoziazione a carico della clientela privata come pure delle commissioni di corporate finance e di underwriting. Sull'arco dell'intero esercizio, i ricavi da commissioni hanno inciso per il 52% sul totale dei proventi operativi. Hanno segnato un progresso anche i proventi di negoziazione, grazie alle opportunità offerte dalla ripresa dei mercati, in particolare nel primo e nel quarto trimestre. Sono migliorati anche i rRisultati in crescita anche per relativi allele attività di private equity, i cui ricavi per la prima volta da tre anni hanno evidenziato un andamento positivo grazie alle maggiori plusvalenze da dismissioni e alle minori svalutazioni.

Nell'intero 2004, UBS ha realizzato recuperi netti su crediti per CHF 276 milioni a fronte di rettifiche di valore per perdite su crediti di CHF 72 milioni nel 2003.

UBS ha proseguito la propria politica di stretto controllo dei costi, cresciuti in misura minore rispetto al volume d'affari. I compensi correlati ai risultati sono aumentati di pari passo con i ricavi e la loro incidenza percentuale sulle spese per il personale è passata al 49% dal 44% del 2003. Le spese generali e amministrative hanno subito un incremento, dovuto alla crescita degli accantonamenti destinati alle riserve legali e ai maggiori costi legati ai rischi operativi.

Risultati del quarto trimestre

UBS ha concluso il quarto trimestre 2004 con un utile netto di CHF 2021 milioni, di cui CHF 28 milioni derivanti dalle partecipazioni industriali. Sul fronte delle attività finanziarie, UBS ha invece registrato un utile netto pari a CHF 1993 milioni, archiviando il miglior quarto trimestre di sempre. Nonostante l'indebolimento del dollaro USA contro il franco svizzero per tutto il 2004, tale risultato evidenzia una crescita del 10% rispetto allo stesso periodo di un anno prima. L'aumento del 4% dei costi operativi è stato ampiamente compensato dal progresso registrato sul fronte dei ricavi (+7%). Le unità operanti nel campo del trading hanno evidenziato risultati solidi, corroborati dalla ripresa dei livelli di attività dei mercati dopo l'esito delle elezioni presidenziali negli USA a novembre 2004. Anche i ricavi da negoziazione su azioni (+25%), reddito fisso (+10%) e valute (+13%) si sono attestati su ottimi livelli. Le commissioni di gestione hanno espresso un andamento sostenuto, e quelle su fondi hanno toccato livelli record grazie al miglioramento delle valutazioni di mercato. L'ottimo risultato conseguito nelle operazioni di investment banking ha contribuito alla crescita dei ricavi da attività di consulenza.

Il rapporto costi/ricavi per le attività finanziarie è risultato pari al 72,7%. Al lordoAnte dell'avviamento, tale dato è migliorato dal 70,8% del quarto trimestre 2003 all'attuale 70,4%.

Andamento dell'organico nel 2004

Al 31 dicembre 2004 l'organico di UBS per quanto riguarda le attività finanziarie risultava pari a 67 424 unità, in crescita di 1495 unità rispetto alle 65 929 dell'esercizio precedente. Tale incremento è riconducibile all'espansione a livello mondiale delle attività di UBS nell'ambito della di gestione patrimoniale e su dell'operatività su titoli di UBS.

UBS ha investitoInvestire nella crescita, e avviato un nuovo programma di buyback azionario

Nel 2004 UBS ha annunciato diverse acquisizioni, tra cui quella di Charles Schwab SoundView Capital Markets, la divisione Capital Markets di Charles Schwab Corp., che ha portato UBS al primo posto nella graduatoria dei volumi negoziati in titoli NASDAQ. La banca ha inoltre annunciato il rilevamento di una serie di attività di gestione patrimoniale, le quali hanno incrementato di circa CHF 40 miliardi il volume dei capitali gestiti da UBS sui maggiori primari mercati internazionali. L'esborso complessivo sostenuto per queste transazioni è risultato pari a circa CHF 1 miliardo.

Attraverso l'attuale programma di buyback, che si concluderà il 5 marzo 2005, UBS ha riacquistato azioni proprie per un controvalore complessivo pari a circa CHF 3,5 miliardi. Subordinatamente Previa all'approvazione dell'Assemblea generale ordinaria, tutte le azionie così riacquistate verranno saranno annullate e non potranno essere riemesse.

Peter Wuffli, Chief Executive Officer, si è così espresso al riguardo: «Siamo molto soddisfatti delle nostre recenti acquisizioni. Ribadiamo il nostro impegno a restituire agli azionisti il capitale in eccesso attraverso programmi di buyback, ma la ricerca di interessanti opportunità di crescita in cui investire resta comunque in cima alle nostre priorità.».

Il Consiglio di Amministrazione ha deciso di avviare un nuovo programma di riacquisto per un controvalore massimo di CHF 5 miliardi che avrà inizio il 5 marzo 2005 e si concluderà il 7 marzo 2006. Si tratterà del settimo programma annuo di riacquisto di azioni proprie messo in atto da UBS.

Dividendo di CHF 3,.00 per azione

Per l'esercizio 2004, il Consiglio di Amministrazione proporrà all'Assemblea generale ordinaria del 21 aprile 2005 la distribuzione di un dividendo di CHF 3.,00 per azione, con un incremento del 15% rispetto al 2003.

Prospettive

Battere un record rappresenta sempre una sfida. Come ogni anno, le attività di investment banking e su titoli saranno soggette alle oscillazioni in una certa misura imprevedibili dei mercati finanziari mondiali. Ma il 2004 ha dimostrato che le attività di gestione patrimoniale e di attivi di UBS sono in grado di generare una dinamica di crescita e utili di qualità, anche in presenza di mercati instabili.

«Continueremo a reinvestire nelle attività di crescita e vediamo nel 2005 un'ulteriore importante tappa di un percorso che crediamo risulterà molto redditizio per i nostri investitori di lungo periodo» ha affermato Clive Standish, Chief Financial Officer.

Coefficienti finanziari

Il rendimento annualizzato del patrimonio netto (ROE) è cresciuto dal 17,8% del 2003 all'attuale 24,7%. L'utile base per azione si è attestato a CHF 7.,68 nel 2004, in netto progresso rispetto ai CHF 5,.59 del 2003. Il rapporto costi/ricavi per il 2004 è stato pari al 72,6% a fronte del 75,6% dell'esercizio precedente.

Risultati raffrontati agli obiettivi finanziari di UBS per il 2004 (ante avviamento e rettificati per gli eventi finanziari significativi1)

UBS definisce gli obiettivi finanziari e valuta la performance in termini di risultati rettificati, escludendo cioè gli eventi finanziari significativi 2 e l'ammortamento dell'avviamento e di altri attivi immateriali.

I risultati di UBS raffrontati agli obiettivi finanziari sono i seguenti:

  • Il ROE annualizzato per il 2004 si è attestato al 27,7%, in progresso rispetto al 20,5% dello stesso periodo del 2003 e nettamente al di sopra del target range del 15 - 20%. Tale aumento, superiore alla crescita degli utili, è il frutto della combinazione di fattori quali il programma di riacquisto di azioni proprie e il fatto che i dividendi pagati sono superiori alla quota degli utili non distribuiti.

  • Rispetto al 2003, l'utile base per azione ha evidenziato un aumento di CHF 2.17 (+34%) attestandosi a CHF 8.60 grazie al miglioramento dell'utile netto e agli effetti del riacquisto di azioni.

  • Il rapporto costi/ricavi delle attività finanziarie di UBS è migliorato dal 73,2% del 2003 all'attuale 70,2% segnando il livello più basso da quando PaineWebber è entrata a far parte di UBS nel 2000.

Da inizio anno (annualizzato)

31.12.04

30.9.04

31.12.03

RoE (%)

Come riportato 1

24.7

24.5

17.8

Prima dell'avviamento e rettificato per gli eventi finanziari significativi 2

27.7

27.4

20.5

Per il trimestre terminato il

31.12.04

30.9.04

31.12.03

Utile base per azione (CHF)

Come riportato 3

1.97

1.60

1.68

Prima dell'avviamento e rettificato per gli eventi finanziari significativi 4

2.21

1.86

1.89

Rapporto costi / ricavi delle attività finanziarie (%) 5

Come riportato 6

72.7

74.2

73.4

Prima dell'avviamento e rettificato per gli eventi finanziari significativi 7

70.4

71.5

70.8

Raccolta netta, unità di gestione patrimoniale (in miliardi di CHF) 8

Wealth Management

6.5

11.4

6.4

Wealth Management USA

6.8

5.3

7.8

Totale

13.3

16.7

14.2

1 Utile netto da inizio anno (annualizzato) / patrimonio netto medio meno dividendi.

2 Utile netto da inizio anno (annualizzato) meno ammortamento di avviamento e altre immobilizzazioni immateriali ed eventi finanziari significativi (al netto delle imposte) / patrimonio netto medio meno dividendi.

3 Per il calcolo dell'utile per azione (EPS), si veda la Nota 8 dei Financial Statements.

4 Utile netto meno ammortamento di avviamento e altre immobilizzazioni immateriali ed eventi finanziari significativi (al netto delle imposte) / media ponderata delle azioni emesse (flottante).

5 Esclusi i risultati da partecipazioni industriali.

6 Costi operativi / proventi operativi al netto delle rettifiche di valore per perdite (recuperi) su crediti.

7 Costi operativi meno ammortamento di avviamento e altre immobilizzazioni immateriali ed eventi finanziari significativi / proventi operativi al netto delle rettifiche di valore per perdite (recuperi) su crediti e degli eventi finanziari significativi.

8 Esclusi proventi da interessi e dividendi.

1 Nel 2004, UBS ha incrementato al 55,6% la propria quota in Motor-Columbus, una holding svizzera il cui asset più significativo è costituito da una partecipazione di maggioranza nell'operatore elettrico elvetico Atel. Nella relazione relativa al quarto trimestre 2004, i risultati di Motor-Columbus sono riportati in una sezione separata (Partecipazioni industriali).

2 Nel secondo trimestre 2003 UBS ha realizzato un utile di CHF 2 milioni (CHF 161 milioni ante imposte) dalla vendita di Correspondent Services Corporation (CSC), unità di clearing di UBS Wealth Management USA.

Risultati relativi alle attività finanziarie

Wealth Management & Business Banking

Nonostante l'indebolimento del dollaro USA contro il franco svizzero, Wealth Management ha registrato per l'intero esercizio 2004 un utile ante imposte pari a CHF 3435 milioni, in progresso del 32% rispetto all'esercizio precedente. Tale risultato è espressione della dinamica di crescita in atto nel settore e della ripresa dei principali mercati finanziari avviata a metà 2003, grazie alla quale è stato conseguito un aumento del 13% dei ricavi dovuto alle maggiori commissioni di portafoglio. I ricavi sono stati sostenuti anche dal progresso dei proventi da interessi, reso possibile dalla crescita delle attività di prestito a margine. Al contempo è stato possibile tenere sotto rigoroso controllo i costi, saliti nel 2004 solamente del 2% rispetto ai livelli del 2003. La raccolta netta per l'esercizio in rassegna è risultata pari a CHF 42,3 miliardi, in progresso del 42% rispetto ai CHF 29,7 miliardi del 2003. È stato possibile ottenere importanti incrementi in tutte le aree geografiche, con particolare riferimento alla clientela asiatica. Grazie a una raccolta netta di CHF 13,7 miliardi, anche le attività di gestione patrimoniale sui mercati nazionali europei hanno archiviato un altro anno di risultati particolarmente solidi.

Nel quarto trimestre 2004, l'utile ante imposte si è attestato a CHF 831 milioni, con una flessione del 3% rispetto al periodo precedente. Tale andamento è il risultato delle maggiori spese generali e amministrative sostenute per la continua crescita delle nostre attività a fronte di un andamento sostanzialmente stabile dei ricavi. Il margine lordo sui patrimoni investiti è risultato pari a 99 punti base, in calo di 2 pb rispetto al trimestre precedente; tale flessione è in parte riconducibile all'inclusione per la prima volta dei patrimoni in gestione (CHF 9 miliardi) rilevati con l'acquisizione di Sauerborn Trust alla fine del quarto trimestre 2004 a fronte della mancata contabilizzazione dei relativi proventi. Escludendo tale effetto, il margine evidenzia un calo di 1 punto base.

Business Banking Switzerland archivia l'esercizio 2004 con un utile ante imposte di CHF 2045 milioni, in calo del 5% rispetto ai livelli record toccati nel 2003. Questo risultato è stato ottenuto nonostante una flessione dei ricavi per CHF 184 milioni, imputabile prevalentemente ai minori proventi da interessi, ed evidenza la costante attività di rigoroso controllo dei costi. Le rettifiche di valore per perdite su crediti hanno evidenziato un'ulteriore flessione, dovuta al miglioramento strutturale del portafoglio crediti a livello nazionale negli ultimi anni.

Nel corso del 2004 un volume pari a CHF 7 miliardi di attività in gestione è stato trasferito da Business Banking Svizzera a Wealth Management, a dimostrazione dell'evolversi delle esigenze dei clienti lungo le diverse fasi della vita.

L'utile ante imposte per il quarto trimestre 2004 si è attestato a CHF 510 milioni, in flessione dell'1% rispetto al terzo trimestre 2004 prevalentemente a seguito del calo dei proventi non legati agli interessi. Il terzo trimestre aveva inoltre beneficiato di una plusvalenza straordinaria derivante dalla dismissione dell'investimento nell'hotel Noga Hilton.

Risultati relativi alle attività finanziarie

Cautionary statement regarding forward-looking statements

This communication contains statements that constitute "forward-looking statements", including, but not limited to, statements relating to the implementation of strategic initiatives, such as the European wealth management business, and other statements relating to our future business development and economic performance.
While these forward-looking statements represent our judgments and future expectations concerning the development of our business, a number of risks, uncertainties and other important factors could cause actual developments and results to differ materially from our expectations.
These factors include, but are not limited to, (1) general market, macro-economic, governmental and regulatory trends, (2) movements in local and international securities markets, currency exchange rates and interest rates, (3) competitive pressures, (4) technological developments, (5) changes in the financial position or creditworthiness of our customers, obligors and counterparties and developments in the markets in which they operate, (6) legislative developments, (7) management changes and changes to our Business Group structure and (8) other key factors that we have indicated could adversely affect our business and financial performance which are contained in other parts of this document and in our past and future filings and reports, including those filed with the SEC.
More detailed information about those factors is set forth elsewhere in this document and in documents furnished by UBS and filings made by UBS with the SEC, including UBS's Annual Report on Form 20-F for the year ended 31 December 2003. UBS is not under any obligation to (and expressly disclaims any such obligations to) update or alter its forward-looking statements whether as a result of new information, future events, or otherwise.

Global Asset Management

Global Asset Management archivia l'esercizio 2004 con un utile ante imposte di CHF 544 milioni, in progresso del 64% rispetto ai CHF 332 milioni del 2003. Tale incremento è stato reso possibile da fattori quali la crescita dei proventi operativi (+16%) conseguente al sostenuto afflusso di nuovi capitali, il costante spostamento dell'asset mix verso prodotti a margine più elevato e l'aumento delle valutazioni di mercato, che a sua volta ha prodotto livelli patrimoniali e ricavi più elevati. Il quadro è stato inoltre completato dalla costante riduzione dei costi.

Per l'intero esercizio 2004, la raccolta netta per le attività istituzionali si è attestata a CHF 23,7 miliardi, quasi raddoppiando il risultato di CHF 12,7 miliardi dell'esercizio precedente. Forti afflussi sono stati registrati negli investimenti alternativi e quantitativi, nonché nei mandati azionari e a reddito fisso. Il comparto di wholesale intermediary su fondi ha registrato un deflusso netto pari a CHF 4,5 miliardi, a fronte di un deflusso di CHF 5,0 miliardi nel 2003: la raccolta di CHF 16,1 miliardi in fondi a reddito fisso, strategici e azionari è stata ampiamente neutralizzata dai deflussi per CHF 20,6 miliardi registrati dai fondi monetari, per lo più trasferiti alla filiale bancaria statunitense di UBS.

Al 31 dicembre 2004 i patrimoni investiti del Gruppo d'affari risultavano pari a CHF 601 miliardi, su un livello invariato rispetto al 30 settembre, ma in progresso rispetto ai CHF 574 miliardi di fine 2003.

Nel quarto trimestre 2004, l'utile ante imposte di Global Asset Management si è attestato a CHF 164 milioni, in progresso di CHF 59 milioni rispetto al terzo trimestre. Tale risultato è stato possibile in larga misura grazie all'aumento delle commissioni di performance e all'ulteriore calo dei costi operativi; i dati del trimestre precedente comprendevano inoltre gli accantonamenti relativi a un piano di ristrutturazione nelle Americhe.

Investment Bank

Investment Bank ha registrato per l'intero esercizio 2004 un utile ante imposte record pari a CHF 4540 milioni, in progresso del 18% rispetto all'esercizio precedente e ai massimi livelli dal 2000 grazie alla forte crescita dei ricavi in tutti i settori. In particolare, le attività su reddito fisso, tassi e valute hanno conseguito ricavi record, in crescita del 6% rispetto al 2003, mentre sul fronte azionario il progresso dei ricavi è stato pari al 21%. Al contempo, la continua espansione delle attività ha comportato un incremento dei costi, a cui ha contribuito anche la costituzione di specifici accantonamenti operativi. Per l'intero esercizio 2004, il tasso di remunerazione è sceso al 51% dal 52% del 2003 a seguito del completamento del programma strategico di assunzioni nell'ambito dell'investment banking.

L'utile ante imposte per il quarto trimestre 2004 si è attestato a CHF 1229 milioni, in progresso del 3% nei confronti dello stesso periodo dell'esercizio precedente e del 72% rispetto al terzo trimestre 2004, a dimostrazione della capacità di Investment Bank di beneficiare della ripresa dei livelli e dei volumi di mercato dopo le elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

Nel settore azionario, sia le commissioni dei clienti che i proventi da trading in conto proprio sono cresciuti di pari passo con l'attività di mercato, e anche i ricavi dei servizi di prime brokerage hanno evidenziato un progresso significativo.

I proventi delle attività di reddito fisso, tassi e valute hanno messo a segno un progresso rispetto al quarto trimestre del 2003 beneficiando della solida performance conseguita dalle operazioni su cambi e, in particolare, da quelle su derivati. Nel trimestre in rassegna, le operazioni sui tassi effettuate dalle banche centrali hanno stimolato la volatilità e l'attività di mercato, con un conseguente aumento delle attività di negoziazione dei clienti e delle opportunità di trading proprietario.

I ricavi delle attività di investment banking hanno evidenziato una lieve flessione rispetto al quarto trimestre 2003 a seguito dell'indebolimento del dollaro USA nei confronti di tutte le principali valute e dei maggiori costi di copertura del portafoglio creditizio nell'ambito dell'investment banking. Al lordo di questi effetti negativi, i ricavi delle attività di investment banking evidenziano un progresso del 22% rispetto alla performance già solida del 2003 grazie a una crescita significativa dei proventi di consulenza, soprattutto nelle Americhe e in Europa.

Le attività di private equity archiviano il quarto trimestre 2004 con un passivo di CHF 4 milioni, conseguente alla modesta attività di dismissioni rispetto allo stesso periodo dell'esercizio precedente.

Il rischio di mercato per Investment Bank, espresso dal VaR medio a 10 giorni al 99%, è stato pari a CHF 358 milioni nel quarto trimestre 2004, in calo rispetto alla media di CHF 376 milioni del terzo trimestre. L'esposizione ai tassi d'interesse ha continuato a rappresentare il principale fattore di contribuzione al VaR.

Wealth Management USA

Wealth Management USA ha registrato per l'intero esercizio 2004 un utile ante imposte di CHF 179 milioni, a fronte di una perdita di CHF 5 milioni nel 2003. I risultati dell'anno precedente comprendevano un guadagno ante imposte di CHF 161 milioni dalla vendita di Correspondent Services Corporation (CSC) nel secondo trimestre 2003.

Escludendo la plusvalenza di CSC e al lordo dei costi di acquisizione (ammortamento dell'avviamento, costi netti di rifinanziamento dell'avviamento e remunerazioni di fidelizzazione), il risultato operativo evidenzia utili per CHF 762 milioni nel 2004 e CHF 664 milioni nel 2003. In base agli stessi parametri, ma espresso in USD, il risultato operativo del 2004 risulta superiore del 24% rispetto a quello dell'esercizio precedente. Il conseguimento di questo risultato, il migliore da quando PaineWebber è entrata a far parte di UBS, è stato possibile grazie al livello record delle commissioni ricorrenti e dei proventi da interessi, i quali hanno beneficiato per la prima volta del consolidamento per l'intero esercizio di UBS Bank USA, il cui portafoglio creditizio è cresciuto da USD 4,5 miliardi di fine 2003 a USD 7,2 miliardi al 31 dicembre 2004.

Nel quarto trimestre 2004 Wealth Management USA ha conseguito un utile ante imposte di CHF 77 milioni, in progresso rispetto ai CHF 43 milioni del terzo trimestre (+11% al lordo dei costi di acquisizione, ovvero +20% in USD).

La raccolta netta ha evidenziato un rinnovato vigore grazie a una raccolta di CHF 6,8 miliardi nel quarto trimestre, in crescita rispetto ai CHF 5,3 miliardi del trimestre precedente. Questo risultato è espressione dell'impatto positivo di fattori quali il programma di assunzioni di nuovi consulenti, nonché il miglioramento delle condizioni di mercato.

L'afflusso netto di nuovi capitali per l'intero esercizio 2004 si è attestato a CHF 17,1 miliardi, in flessione rispetto ai CHF 21,1 miliardi dell'esercizio precedente; questo andamento riflette il rallentamento delle attività di raccolta a inizio anno e l'indebolimento del dollaro rispetto al franco svizzero.

Cautionary statement regarding forward-looking statements

This communication contains statements that constitute "forward-looking statements", including, but not limited to, statements relating to the implementation of strategic initiatives, such as the European wealth management business, and other statements relating to our future business development and economic performance.
While these forward-looking statements represent our judgments and future expectations concerning the development of our business, a number of risks, uncertainties and other important factors could cause actual developments and results to differ materially from our expectations.
These factors include, but are not limited to, (1) general market, macro-economic, governmental and regulatory trends, (2) movements in local and international securities markets, currency exchange rates and interest rates, (3) competitive pressures, (4) technological developments, (5) changes in the financial position or creditworthiness of our customers, obligors and counterparties and developments in the markets in which they operate, (6) legislative developments, (7) management changes and changes to our Business Group structure and (8) other key factors that we have indicated could adversely affect our business and financial performance which are contained in other parts of this document and in our past and future filings and reports, including those filed with the SEC.
More detailed information about those factors is set forth elsewhere in this document and in documents furnished by UBS and filings made by UBS with the SEC, including UBS's Annual Report on Form 20-F for the year ended 31 December 2003. UBS is not under any obligation to (and expressly disclaims any such obligations to) update or alter its forward-looking statements whether as a result of new information, future events, or otherwise.

Zurigo/Basilea, 8 febbraio 2000
UBS

Key Messages video (inglese)

Webcast video (inglese)