Comunicati stampa


UBS e Zurich Financial Services vendono CLS Corporate Language Services AG al management

| Media Releases Switzerland

UBS SA e Zurich Financial Services (Zurigo) hanno venduto al management di CLS Language Services AG (CLS) la propria partecipazione rispettivamente del 56,4% e del 28,2% a CLS con effetto retroattivo al 1° gennaio 2003. Pertanto, le azioni della società svizzera di servizi linguistici sono interamente detenute dal management. Le parti hanno concordato il riserbo sul prezzo di vendita.

Con la cessione di CLS, sia UBS sia la Zurigo vendono una partecipazione in una società che non fa parte del loro core business. CLS è stata fondata nel 1997 in seguito allo spin off dei servizi linguistici dell'ex Società di Banca Svizzera (oggi UBS SA) e della Zurigo" Compagnia di Assicurazioni. Il Management Buyout (MBO) avviene in un momento in cui CLS è in grado di garantire un successo imprenditoriale sostenibile nel lungo periodo. Dalla sua fondazione cinque anni fa, CLS ha registrato una crescita ininterrotta e, sin dagli esordi, ha sempre generato utili.

A prescindere dal perfezionamento della transazione, le relazioni d'affari con UBS e la Zurigo proseguiranno; con entrambe le parti sono stati infatti stipulati contratti per la fornitura di servizi. I rappresentanti di UBS (Dr. Felix Ackermann e Dr. Bernhard Stettler) e della Zurigo (Peter Hegetschweiler e Christian Merk), membri del Consiglio d'amministrazione della CLS, daranno le loro dimissioni. I già membri del Consiglio d'amministrazione Markus Hildbrand, Doris Marty-Albisser e il Prof. Dr. Rudolf Volkart si mettono a disposizione per una rielezione. Nella direzione di CLS, presieduta sin dalla fondazione da Doris Marty-Albisser, non vi saranno cambiamenti personali in seguito al Management Buyout.

CLS manterrà la propria ragione sociale e continuerà a perseguire il proprio orientamento strategico, improntato su una chiara focalizzazione settoriale e sull'offerta nell'ambito linguistico di soluzioni aziendali integrate in un'ottica di Business Process Outsourcing. Negli ultimi anni CLS è cresciuta costantemente, fino a divenire uno dei leader di mercato in Europa nel campo dei servizi linguistici per il settore finanziario e delle telecomunicazioni.

In collaborazione con partner esperti nelle tecnologie all'avanguardia, CLS ha sviluppato una soluzione basata su Web nell'ambito delle traduzioni automatiche. La traduzione a portata di mouse è stata introdotta all'inizio del 2003. CLS offre altresì un servizio terminologico online e, dal gennaio 2003, sta approntando un servizio redazionale di testi specialistici in ambito finanziario.

Nel 2002 il fatturato dell'impresa ha raggiunto quasi 45 milioni di franchi svizzeri. Ogni anno vengono elaborati oltre 40 000 ordini di traduzione per una base di circa 180 clienti. Dal 1997, anno di fondazione di CLS, la crescita annua del fatturato si attesta mediamente attorno al 30%. Durante questo periodo, il numero di collaboratori specializzati è aumentato da 40 a circa 230, di cui 160 traduttori di madre lingua italiana, tedesca, inglese, francese e spagnola. Se necessario, CLS si avvale di una rete di circa 300 traduttori esterni indipendenti. CLS, la cui sede si trova a Basilea, conta filiali a Zurigo, Berna, Losanna e Chiasso. Nell'autunno 2002, sono state aperte due società affiliate al 100%, CLS Communication Ltd. a Londra e CLS Communication, Inc. a New York.


UBS, una tra le principali società internazionali di servizi finanziari, è il maggior gestore patrimoniale al mondo, un istituto di prim'ordine nel campo dell'investment banking e dei titoli, un asset manager ai vertici mondiali del settore e leader di mercato nei segmenti retail e commercial banking in Svizzera.


Zurich Financial Services è un gruppo finanziario a matrice assicurativa, che opera attraverso un network internazionale e concentra le proprie attività in Nord America, Gran Bretagna ed Europa Continentale. Fondato nel 1872, ha sede a Zurigo (Svizzera). È presente in circa 60 paesi ed ha circa 68 000 collaboratori.

Zurigo / Basliea, 11 giugno 2003
UBS AG