Comunicati stampa


Inchiesta salariale UBS: Le trattative salariali 2003: aumenti modesti

| Media Releases Switzerland

Pagamenti di bonus ridotti per il 40% delle imprese

Nel 2003, l'aumento salariale medio in Svizzera sarà dell'1,3%, di cui 0,9 punti percentuali vanno attribuiti all'aumento individuale mentre il resto a quello generale. In vista del tasso d'inflazione medio dello 0,7% atteso dai partecipanti, nonostante le prospettive economiche incerte, per l'anno prossimo è previsto un incremento dei salari pari allo 0,6%. È quanto emerge dalla 14a inchiesta autunnale UBS tra le imprese e le associazioni padronali in 19 settori.

Anche quest'anno, malgrado il difficile contesto operativo, gli aumenti salariali maggiori si prospettano per il settore dell'informatica, con un incremento pari al 2,4%. Inoltre, le telecomunicazioni (2,4%), l'industria chimica e farmaceutica (2,1%), l'industria alberghiera, il commercio al dettaglio e i cantoni (2% ciascuno) attestano aumenti salariali superiori alla media. I collaboratori del settore edilizio (0,3%), tipografico e grafico (0,6%) nonché bancario (0,7%) dovranno invece accontentarsi di un aumento salariale modesto o addirittura inesistente.

Il prossimo anno, a beneficiare di un aumento superiore alla media saranno soprattutto le fasce salariali più basse. Il 45% delle persone intervistate provenienti dal settore industriale ha dichiarato che i salari bassi registreranno probabilmente una crescita più rapida rispetto alla media generale. Nel settore dei servizi, ne è convinto addirittura il 55%. Soltanto l'1% delle imprese prevede un aumento dei redditi bassi inferiore alla media.

Delle imprese che si avvalgono del sistema dei bonus (all'incirca il 75%), il 56% si attende un ristagno, il 28% un calo e il 9% un consistente taglio dei pagamenti di bonus. Soltanto il 7% parla di bonus modestamente più elevati. L'anno prossimo, anche i lavoratori del settore industriale dovranno fare i conti con una riduzione dei bonus. Il 35% delle imprese industriali parte dal presupposto di bonus ridotti, mentre nello scorso autunno soltanto il 10% delle stesse prevedeva dei tagli. Nel settore dei servizi, i bonus del 44% delle imprese continueranno a subire un calo, dopo che già nell'anno precedente il 56% aveva previsto dei tagli.

La percentuale dei pagamenti di bonus sul salario di base dipende fortemente dalla classe di funzione: per i livelli di conduzione, il bonus medio del 46% delle imprese si attesta al 20% del salario di base, nel caso del 21% tra il 10% e il 20%, mentre per il 33% risulta inferiore al 10%. La maggior parte delle imprese (89%) corrisponde ai propri collaboratori pagamenti di bonus inferiori al 10% del salario di base. Di un bonus tra il 10% e il 20% beneficiano esclusivamente i collaboratori dell'11% delle imprese e nessuno dei collaboratori delle imprese intervistate percepisce un bonus medio superiore al 20%.

Per quanto riguarda le trattative salariali del 2003, la maggior parte degli intervistati (64%) si aspetta ancora una stagnazione della situazione economica. Il 26% prevede una lieve hausse e soltanto il 2% confida in una vigorosa ripresa. L'8% prevede addirittura una leggera recessione.

Il pessimismo che emerge dalla stima congiunturale si rispecchia anche nella pianificazione del personale. Il 21% prevede un incremento dell'organico, mentre il 43% intende effettuare un modesto oppure consistente taglio del numero degli occupati. Per un buon terzo (36%) si prospetta il mantenimento invariato dell'organico.
Questi risultati sono emersi nell'ambito dell'inchiesta salariale annuale UBS, effettuata tra il 14 e il 30 ottobre 2002. L'inchiesta delle imprese e delle associazioni salariali si estende a 19 settori che occupano complessivamente il 57% delle persone attive in Svizzera. La divergenza media tra l'aumento salariale atteso dagli intervistati e la statistica ufficiale dell'UFS negli ultimi 10 anni (1989 - 2001) è dello 0,34%.

I risultati dell'inchiesta salariale UBS 2003 saranno presentati oggi dal dott. Peter Buomberger, Group Head Public Policy & Research, UBS SA, nell'ambito di una manifestazione della Swiss American Chamber of Commerce, che si terrà dalle 12:00 alle 14:00 presso l'Hotel Widder di Zurigo.

Zurigo / Basilea, 04 novembre 2002
UBS SA