Comunicati stampa


Indicatore UBS dei consumi: il clima su questo fronte si mantiene positivo

Zurigo/Basilea | | Media Releases Switzerland | UBS News


Grazie alla maggiore fiducia nel commercio al dettaglio, l’indicatore UBS dei consumi è aumentato leggermente a maggio.


Zurigo/Basilea, 26 giugno 2013 – A maggio l’indicatore UBS dei consumi ha registrato un lieve incremento rispetto al mese precedente, salendo da 1,43 (rivisto da 1,46) a quota 1,46. L’andamento positivo nel commercio al dettaglio è stato però parzialmente controbilanciato dai dati negativi nelle immatricolazioni di nuove vetture.

A maggio la fiducia nel commercio al dettaglio è nettamente migliorata. L’indicatore KOF relativo all’andamento degli affari nel commercio al dettaglio, che è uno dei cinque sottoindicatori rientranti nell’indicatore UBS dei consumi, ha segnato un forte incremento, da quota -10,5 a 1,0, annullando così le perdite degli ultimi due mesi. Con questi risultati, tuttavia, l’indicatore della fiducia entra solo a malapena in area positiva; ciò significa che tra i commercianti al dettaglio si trova quasi lo stesso numero di ottimisti e pessimisti. Nel corso degli ultimi tre anni, la forza del franco e il turismo degli acquisti hanno causato un’ulteriore pressione sui prezzi del commercio al dettaglio, determinandone un crollo del 7,2 percento. Nei primi mesi dell’anno in corso, comunque, i prezzi del commercio al dettaglio non hanno segnato altri cali. In più, i fatturati di aprile in termini nominali sono chiaramente aumentati dell’1,6 percento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Potrebbe essere il segnale di un lento allentamento dell’effetto della rivalutazione del franco. Un dato del genere, inoltre, incoraggia a sperare almeno in una stabilizzazione dei fatturati nel commercio al dettaglio e in una lieve diminuzione della pressione sui margini.

A maggio le immatricolazioni di nuove vetture hanno registrato invece un andamento negativo. Mentre ad aprile il numero di immatricolazioni di nuove vetture era inferiore allo stesso mese dell’anno precedente di solo l’1,5 percento, a maggio la diminuzione è stata nettamente superiore (7, 4 percento).

Calcolo dell’indicatore UBS dei consumi

Con un anticipo di circa tre mesi rispetto alle cifre ufficiali, l’indicatore UBS dei consumi dà un’idea dell’andamento dei consumi privati elvetici, che con circa il 60% rappresenta la componente più significativa del PIL svizzero. L’indicatore precursore UBS è calcolato in base a cinque variabili legate ai consumi: vendite di nuove autovetture, andamento delle vendite nel commercio al dettaglio, numero di pernottamenti in albergo da parte di residenti in Svizzera, indice della fiducia dei consumatori e fatturato delle carte di credito generato tramite UBS presso i punti vendita nazionali. Ad eccezione dell’indice della fiducia dei consumatori, tali dati sono aggiornati con cadenza mensile.

UBS SA


Contatti

Caesar Lack, UBS CIO Wealth Management Research
Tel. +41-44-234 44 13, caesar.lack@ubs.com

Bernd Aumann, UBS CIO Wealth Management Research
Tel. +41-44-234 88 71, bernd.aumann@ubs.com

Pubblicazioni UBS e previsioni relative alla Svizzera disponibili al sito:
www.ubs.com/wmr-swiss-research

www.ubs.com