Comunicati stampa


Nomine ai vertici per UBS

Zurigo/Basilea | | Price Sensitive Information

  

Sergio P. Ermotti nominato CEO del Gruppo UBS.
Axel Weber dovrebbe subentrare a Kaspar Villiger quale presidente del Consiglio di amministrazione nel 2012.


Zurigo/Basilea, 15 novembre 2011 - Il Consiglio di amministrazione di UBS (CdA) ha nominato Sergio P. Ermotti Chief Executive Officer del Gruppo con effetto immediato. Dopo aver completato un ampio processo di valutazione il CdA ha deciso di nominare Sergio P. Ermotti, già CEO del Gruppo ad interim dal 24 settembre 2011, CEO permanente.

Il presidente del CdA Kaspar Villiger ha deciso di accelerare il cambiamento ai vertici di UBS e non si ricandiderà alle elezioni del CdA in occasione dell’Assemblea generale ordinaria (AG) del 3 maggio 2012. Axel Weber, già previsto per la nomina a vicepresidente del CdA, sarà proposto quale successore di Kaspar Villiger nel ruolo di presidente, in occasione dell'elezione all'AG.

Il CdA e il Direttorio del Gruppo hanno già deciso in merito al futuro posizionamento di UBS e il CdA ha confermato la sua strategia. Dettagli al riguardo saranno forniti in occasione dell’Investor Day di UBS che si terrà a New York il 17 novembre 2011. Il CdA ha incaricato Sergio Ermotti e il suo team dirigente ad attuare la nuova strategia con il massimo rigore e la massima diligenza.

Kaspar Villiger ha dichiarato: «Desidero ringraziare i miei colleghi in seno al CdA, il senior management e tutti i collaboratori di UBS. Sono orgoglioso dei risultati conseguiti in questa fase molto difficile della storia della nostra banca. Sono lieto di annunciare che due professionisti altamente competenti, esperti e dai profili complementari assumeranno la direzione della banca. Adesso che abbiamo stabilizzato UBS, facendone una delle istituzioni finanziarie meglio patrimonializzate al mondo, e delineato la sua futura strategia, ritengo sia giunto il momento di accelerare il previsto cambiamento ai massimi vertici della banca. La nomina di Axel Weber a presidente del Consiglio di amministrazione e di Sergio Ermotti a CEO del Gruppo fornirà a UBS un’essenziale stabilità e chiarezza. Ciò consentirà alla banca di far fronte alle numerose sfide economiche attuali e ai cambiamenti regolamentari in atto, e ne assicurerà il successo nel lungo periodo a vantaggio di clienti, azionisti e collaboratori.»

Sergio Ermotti, CEO del Gruppo UBS, ha dichiarato: «Ringrazio il Consiglio di amministrazione per la fiducia dimostrata nei miei confronti. Insieme al nostro team dirigente e ai nostri collaboratori, attuerò la nostra strategia, che fa leva sui nostri numerosi punti di forza. Questa strategia sarà incentrata sulla nostra leadership nella gestione patrimoniale e sulla nostra posizione di banca universale numero uno in Svizzera. Un'Investment Bank focalizzata, meno complessa e che richiede un minor utilizzo di capitale e la nostra divisione di asset management sono altresì elementi fondamentali per la crescita della nostra attività di wealth management.

Per rispondere in modo credibile alle esigenze dei nostri principali clienti di gestione patrimoniale, tutte queste unità devono essere solide e in grado di soddisfare le aspettative della nostra clientela aziendale, sovrana e istituzionale. La nostra posizione patrimoniale tra le migliori nel settore ci conferisce un chiaro vantaggio competitivo, particolarmente durante questa fase impegnativa.»

UBS SA

Contatti

Svizzera: +41-44-234-85 00
Regno Unito: +44-207-567 47 14
Americhe: +1-212-882 58 57
Asia Pacifico: +852-297-1 82 00

www.ubs.com

Cautionary Statement Regarding Forward-Looking Statements
This release contains statements that constitute “forward-looking statements”, including statements relating to UBS’s financial performance and statements relating to the anticipated effect of strategic initiatives on UBS’s business and future development. Factors that could cause actual developments and results to differ materially from UBS’s expectations include, but are not limited to: whether UBS will be successful in effecting organizational changes and implementing strategic plans, and whether those changes and plans will have the effects intended; developments in the markets in which UBS operates or to which it is exposed; changes in the availability of capital and funding; UBS's ability to retain earnings and manage its risk-weighted assets in order to meet its strategic objectives and comply with Swiss capital requirements without adversely affecting its business; changes in financial regulation in Switzerland, the United States, the United Kingdom and other major financial centers; possible constraints that regulatory authorities may impose directly or indirectly on UBS’s business activities, whether as a consequence of the recently announced unauthorized trading or for other reasons; changes in UBS’s competitive position, including whether differences in regulatory requirements applicable to UBS will adversely affect its ability to compete in certain lines of business; the liability to which UBS may be exposed due to litigation, contractual claims and regulatory investigations; the effects on UBS’s cross-border banking business of tax treaties recently concluded by Switzerland or to be concluded in the future; UBS’s ability to retain and attract the employees necessary to generate revenues and to manage, support and control its businesses; limitations on the effectiveness of UBS’s internal processes for risk management, risk control, measurement and modeling; whether UBS will be successful in keeping pace with competitors in updating its technology, particularly in trading businesses; and the occurrence of operational failures, such as fraud, unauthorized trading and systems failures. Our business and financial performance could be affected by other factors identified in our past and future filings and reports, including those filed with the SEC. More detailed information about those factors is set forth in documents furnished by UBS and filings made by UBS with the SEC, including UBS’s Annual Report on Form 20-F for the year ended 31 December 2010. UBS is not under any obligation to (and expressly disclaims any obligation to) update or alter its forward-looking statements, whether as a result of new information, future events, or otherwise.