Comunicati stampa


UBS announces reintegration of Dillon Read Capital Management Portfolios into the Investment Bank. Outside investor funds to be redeemed

Zurigo / New York | | Price Sensitive Information

- Utile netto di competenza degli azionisti pari a CHF 3275 milioni, in calo di CHF 229 milioni rispetto allo stesso periodo dell'esercizio precedente (i dati del primo trimestre 2006 comprendevano una plusvalenza al netto delle imposte di CHF 290 milioni per la vendita di Motor-Columbus) - Nuovo record per l'utile netto di competenza da attività continuative in ambito finanziario di CHF 3182 milioni, in progresso del 4% rispetto al primo e all'ultimo trimestre 2006 - Raccolta netta complessiva di UBS ai massimi storici pari a CHF 52,8 miliardi, di cui CHF 44,8 miliardi affluiti nelle unità di gestione patrimoniale attraverso il mondo - Utile diluito per azione da attività continuative pari a CHF 1.62, in rialzo del 9% dall'anno precedente e rapporto costi/ricavi del 68,1%, in flessione di 0,3 punti percentuali rispetto al primo trimestre 2006 - ROE pari al 28,7%, in diminuzione rispetto al 29,6% dell'esercizio 2006, ma ampiamente al di sopra del target di UBS stabilito in un minimo del 20% per il periodo - Tutti i gruppi d'affari hanno registrato utili record nel primo trimestre

UBS announced today that the proprietary funds currently managed by Dillon Read Capital Management (DRCM) within Global Asset Management will transition to the Investment Bank. DRCM's principal finance, credit arbitrage and commercial real estate businesses will be merged with relevant business lines within the Investment Bank. DRCM's third party funds will be redeemed. UBS intends to work with DRCM investors to identify alternative investment opportunities for them.

DRCM will continue operations until the transition period is complete which is anticipated to be in Q3 2007.

Peter Wuffli, Group CEO of UBS said, "UBS remains totally committed to alternative investment offerings for our clients. However, based on an assessment of a number of factors, we concluded that the DRCM initiative did not meet our expectations. Consequently we took this decisive action, which is in the best interests of our clients and shareholders."

"Operating a proprietary trading platform outside the Investment Bank and managing client money alongside became too complex and expensive. That, among other reasons, is why we have chosen to reintegrate DRCM into the Investment Bank and to redeem the outside investor funds," said John Fraser, Chairman and CEO of Global Asset Management.

Prospettive

Sebbene sia probabile un rallentamento della crescita economica negli Stati Uniti nei prossimi mesi, i dati macroeconomici globali, soprattutto quelli europei e dei principali mercati emergenti, segnalano chiaramente che nel resto del mondo le economie sono in buona salute. In particolare, UBS ritiene che le difficoltà riscontrate dal mercato immobiliare statunitense non avranno un effetto negativo a lungo termine su scala globale.

La banca è convinta che i clienti continueranno sempre più a richiedere la sua consulenza, in un contesto di mercato che resterà impegnativo come di consueto. Il portafoglio di transazioni già in corso di realizzazione resta ben fornito e UBS, grazie al suo modello operativo e alla sua presenza globale, può sfruttare molteplici opportunità.

«Nel corso del 2007 punteremo a consolidare gli investimenti avviati lo scorso esercizio seguitando a gestire il capitale, i rischi e i costi in modo estremamente oculato e in linea con gli sviluppi di mercato. Nel nostro settore, come in quello finanziario, la performance tende a essere più sostenuta nei primi tre mesi dell'anno rispetto al periodo estivo. In passato abbiamo ampiamente dimostrato la nostra capacità di ottenere solidi risultati in tutte le fasi del ciclo economico; pertanto, siamo certi che il 2007 sarà un altro anno di successo e di crescita per UBS», ha dichiarato Clive Standish.

Risultati raffrontati agli obiettivi

UBS concentra la propria attenzione su quattro principali indicatori di performance, fissati in modo tale da poter fornire ai propri azionisti rendimenti sempre migliori. Tutti gli indicatori sono calcolati sulla base dei risultati da attività continuative. I primi due, ovvero gli obiettivi di ROE e l'utile diluito per azione, poggiano sui risultati dell'intera banca, mentre gli altri due, ossia quelli relativi al rapporto costi/ricavi e alla raccolta netta, sono circoscritti alle attività finanziarie. In base a tali premesse, gli indicatori di performance nel primo trimestre 2007 evidenziano quanto segue:

  • il ROE annualizzato, pari al 28,7%, è in calo rispetto al 29,6% dello stesso trimestre nell'esercizio precedente, ma ampiamente al di sopra del target di UBS stabilito in un minimo del 20% per il periodo. Il progresso dell'utile di competenza è stato neutralizzato dall'aumento del patrimonio netto medio dovuto all'elevato livello degli utili non distribuiti;

  • l'utile diluito per azione di CHF 1.62 è salito del 9% o di CHF 0.14 dai CHF 1.48 dello stesso periodo del 2006, a comprova dell'aumento dell'utile netto e di una riduzione del 3% nel numero medio di azioni in circolazione dovuta alla costante attività di riacquisto azionario da parte di UBS. Tale dato risulta anche lievemente inferiore all'obiettivo di crescita dell'utile a due cifre;

  • il rapporto costi/ricavi nelle attività finanziarie, pari al 68,1%, è in leggera flessione rispetto al 68,4% del primo trimestre 2006. La forte espansione dei proventi operativi riflette un progresso dei ricavi in tutti i segmenti d'attività. Ciò è stato solo parzialmente neutralizzato dall'aumento delle spese per il personale, dovuto all'ampliamento dell'organico e all'incremento dei compensi correlati alla performance;

  • la raccolta netta, pari a CHF 52,8 miliardi, è progredita rispetto ai CHF 48,0 miliardi del 2006, raggiungendo il livello più elevato in assoluto. Nel periodo in rassegna l'apporto nelle unità di gestione patrimoniale è stato di CHF 44,8 miliardi, in crescita dai CHF 33,6 miliardi del primo trimestre 2006, mentre la raccolta nelle unità di gestione patrimoniale internazionali e svizzere è aumentata di CHF 9,2 miliardi a CHF 33,9 miliardi, principalmente grazie all'incremento degli afflussi provenienti dall'Asia e dalle Americhe. Nei primi tre mesi del 2007 la raccolta netta nelle unità europee di gestione patrimoniale si è attestata a CHF 5,4 miliardi, in flessione dai CHF 6,5 miliardi dello stesso periodo del 2006, dato che il maggior afflusso di capitali in Germania e Italia è stato più che neutralizzato dai minori apporti negli altri Paesi europei. Nel trimestre in esame gli apporti nelle attività di gestione patrimoniale statunitensi si sono collocati a CHF 10,9 miliardi, in rialzo rispetto ai CHF 8,9 miliardi dell'anno precedente. Questo progresso è ascrivibile agli afflussi provenienti sia da clienti esistenti che nuovi. La raccolta nelle attività di asset management è diminuita a CHF 5,3 miliardi dai CHF 12,6 miliardi di un anno prima. La clientela istituzionale ha registrato CHF 2,7 miliardi di capitali netti, principalmente in virtù dei contributi degli investimenti alternativi, nel reddito fisso e multiasset, in parte compensati da deflussi in ambito azionario. L'attività Wholesale intermediary ha raccolto CHF 2,6 miliardi, scendendo dai CHF 5,5 miliardi dello stesso periodo del 2006, soprattutto a seguito del calo degli afflussi nel comparto multiasset e dei deflussi nel reddito fisso. Nel complesso, CHF 5,8 miliardi sono defluiti dai fondi monetari, che tendono ad essere sottoposti a oscillazioni trimestrali più ampie rispetto ad altre categorie di attivi. Nel primo trimestre dell'esercizio, nel settore retail in Svizzera è stata raggiunta una raccolta netta di CHF 2,7 miliardi, riconducibile soprattutto ai maggiori apporti dalla clientela esistente.

Patrimonio investito

In virtù della raccolta netta e del rialzo dei mercati finanziari, il patrimonio investito ha totalizzato CHF 3112 miliardi al 31 marzo 2007, in crescita del 4% dal 31 dicembre 2006.

Risultati relativi alle attività finanziarie

Global Wealth Management & Business Banking

Nel primo trimestre 2007 l'utile ante imposte di Global Wealth Management & Business Banking si è attestato a un livello record di CHF 2244 milioni, in progresso del 3% dagli ultimi tre mesi del 2006.

Le unità internazionali e svizzere di gestione patrimoniale archiviano il periodo in rassegna con un utile ante imposte record di CHF 1501 milioni, in aumento del 6%. I proventi operativi complessivi hanno fatto segnare un incremento del 9%, poiché i ricavi ricorrenti hanno tratto vantaggio dall'espansione della base patrimoniale. I ricavi non ricorrenti (in rialzo del 19%) hanno beneficiato della crescita sostanziale dei livelli di attività.

I costi operativi sono saliti del 12%, riflettendo l'aumento delle spese per il personale, dovuto a sua volta al progresso dei compensi correlati alla performance, all'assunzione di nuovo personale e ai maggiori costi dei piani pensionistici per i collaboratori in Svizzera. Le spese generali e amministrative sono leggermente diminuite in seguito allo scioglimento di precedenti accantonamenti.

L'utile ante imposte delle unità statunitensi di gestione patrimoniale per i tre mesi in rassegna si è collocato a CHF 171 milioni, in calo del 2% dai CHF 174 milioni del quarto trimestre 2006. In dollari statunitensi, l'utile ante imposte è sceso del 3%. I proventi operativi complessivi hanno registrato un lieve incremento, a comprova dei livelli record dei ricavi ricorrenti riconducibili alla crescita delle commissioni dei conti gestiti e di quelle dei fondi non proprietari. Tale risultato è stato in parte neutralizzato dalla diminuzione dei ricavi non ricorrenti, dovuta principalmente alle minori commissioni di performance nel trimestre in esame. In dollari statunitensi, i proventi operativi sono aumentati dell'1% rispetto ai tre mesi precedenti.

Nel primo trimestre 2007 le spese operative complessive sono salite marginalmente. Le spese per il personale sono cresciute del 9%, a seguito dell'incremento dei compensi correlati alla performance e dei maggiori costi salariali dovuti all'integrazione dell'organico di McDonald Investments e all'assunzione di ulteriori consulenti non finanziari per le iniziative di crescita. Nel periodo in rassegna le spese non relative al personale, incluse quelle generali e amministrative e quelle per le svalutazioni e gli ammortamenti, si sono ridotte, soprattutto a causa del calo degli accantonamenti per rischi legali.

Business Banking Switzerland ha realizzato un utile ante imposte di CHF 572 milioni, in flessione del 4%. Gli interessi attivi netti sono diminuiti, riflettendo in parte il minor numero di giorni nel primo trimestre rispetto agli ultimi tre mesi dell'esercizio precedente. I proventi di natura diversa sono cresciuti, soprattutto in virtù dei maggiori livelli di attività dei clienti.

Le spese generali e amministrative sono leggermente progredite, principalmente in seguito allo scioglimento di precedenti accantonamenti che ha ridotto le spese del trimestre.

Global Asset Management

L'utile ante imposte per il periodo in esame è stato pari a CHF 404 milioni, in crescita dell'1% dai CHF 400 milioni del quarto trimestre 2006, riflettendo ampiamente il livello medio più elevato della base patrimoniale che ha spinto al rialzo le commissioni di gestione registrate da tutte le attività.

I proventi operativi complessivi hanno fatto segnare un incremento del 6%, con un'espansione del segmento Institutional determinata a sua volta dalle maggiori commissioni di gestione registrate da tutte le attività, dall'aumento delle commissioni di performance dei fondi d'investitori esterni di Dillon Read Capital Management (DRCM) e dall'impatto delle commissioni per l'intero trimestre derivanti dall'attività di asset management di Pactual. I ricavi del segmento Wholesale intermediary hanno messo a segno un progresso grazie alle maggiori commissioni di gestione, a comprova del livello medio più elevato dei patrimoni in gestione, dell'inclusione dei ricavi per l'intero trimestre dell'attività di asset management di Pactual e della crescita delle commissioni di performance dei fondi azionari.

Le spese operative complessive sono progredite del 9%, riflettendo principalmente il calo degli emolumenti per servizi di gestione degli investimenti per Investment Bank. Le spese per il personale sono diminuite, soprattutto a fronte della flessione dei compensi di incentivo. Anche le spese generali e amministrative hanno registrato una contrazione, dato che il trimestre precedente comprendeva significativi investimenti nell'IT e nelle aree di supporto alle attività nonché i costi relativi al lancio del primo fondo per investitori esterni di DRCM.

Investment Bank

Nel trimestre in rassegna, l'utile ante imposte ha raggiunto i massimi storici, attestandosi a CHF 1801 milioni, in crescita del 3% nei confronti dello stesso periodo dell'esercizio precedente.

I proventi operativi complessivi per il primo trimestre hanno altresì toccato il livello record di CHF 6260 milioni, in progresso del 5% rispetto agli stessi tre mesi del 2006.

Nel periodo in esame le attività su azioni hanno conseguito ricavi record pari a CHF 3128 milioni, in aumento del 10% dal primo trimestre 2006, quando avevano beneficiato delle plusvalenze dei posti di membro al NYSE. Tutte le aree hanno evidenziato un'espansione dei ricavi, con incrementi significativi nei comparti derivati, trading in conto proprio e mercati dei capitali di rischio. I ricavi del prime brokerage hanno seguitato ad aumentare grazie alla crescita del numero di clienti e dei saldi, anche se tale risultato è stato in parte neutralizzato dalla contrazione degli spread applicati ai clienti.

I ricavi di Fixed income, rates and currencies (FIRC) si sono collocati a CHF 2265 milioni, in flessione del 7% rispetto allo stesso periodo dell'esercizio precedente. Le difficili condizioni del mercato dei titoli ipotecari statunitensi si sono tradotte in perdite per le attività gestite da DRCM. I ricavi di altri segmenti di FIRC sono saliti del 19% rispetto a un anno prima. Il comparto del reddito fisso su crediti ha fatto segnare una notevole espansione in tutte le attività. Forte incremento anche dei ricavi dei mercati emergenti. Per contro, la performance dell'attività su tassi ha accusato una flessione in generale. Il solido risultato dei titoli garantiti da ipoteche, che hanno beneficiato degli elevati volumi di mercato in Europa e Giappone, non ha comunque compensato la diminuzione dei rendimenti dei derivati e delle obbligazioni governative causata dall'appiattimento della curva dei rendimenti e dalla minore volatilità. Nel primo trimestre 2007 i ricavi da negoziazione nell'ambito dell'energia elettrica e del gas sono diminuiti rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, mentre le vendite e le negoziazioni dei prodotti strutturati su materie prime e del greggio sono progredite notevolmente. La performance delle attività su cambi e di cash and collateral trading è stata molto sostenuta su tutta la linea, dato che gli elevati volumi hanno più che compensato la continua pressione sugli spread. I mercati emergenti, i metalli di base, i prime services e i prodotti strutturati hanno tutti messo a segno un'espansione significativa con ottimi risultati trimestrali.

I ricavi di Investment banking hanno conseguito risultati record per un primo trimestre, collocandosi a CHF 865 milioni con un aumento del 30% dallo stesso periodo del 2006 e a comprova della crescita dei ricavi in tutte le regioni, in particolare nelle Americhe e in Asia. I ricavi delle attività di consulenza hanno fatto segnare un forte progresso in un contesto di intensa attività con un aumento della quota di mercato in tutte le aree geografiche. Notevole espansione anche delle attività sui mercati dei capitali, sostenute dai mercati dei capitali di rischio e dalla leveraged finance.

Nel periodo in rassegna, i costi operativi complessivi sono cresciuti del 6% se raffrontati allo stesso trimestre del 2006. Le spese per il personale sono salite a fronte dell'incremento delle spese salariali e dei contribuiti ai piani previdenziali causati a loro volta dai maggiori livelli di organico e dall'aumento degli stipendi annui.

I compensi azionari sono diminuiti del 6% nei confronti dello stesso trimestre dell'anno precedente, primariamente a seguito del trasferimento del personale di DRCM a Global Asset Management.

Le spese generali e amministrative si sono ridotte del 4% rispetto al primo trimestre 2006, che comprendeva un accantonamento per contenziosi legali per l'accordo con Sumitomo Corporation pari a CHF 112 milioni. Ciò è stato in parte neutralizzato dall'aumento dei costi IT, per i locali, altri servizi in outsourcing, telecomunicazione e viaggi, causato in gran parte dalla crescita dell'organico.

Nel trimestre in rassegna il rischio di mercato sostenuto da Investment Bank, misurato dalla media a 10 giorni del VaR (intervallo di confidenza del 99%, serie di dati storici a 5 anni) è salito a CHF 517 milioni dai CHF 391 milioni degli ultimi tre mesi del 2006, mentre il range (differenza tra VaR massimo e minimo) è aumentato a CHF 258 milioni da CHF 162 milioni. Come preannunciato nel trimestre precedente, l'integrazione di Pactual al 1° dicembre 2006 ha determinato un incremento del VaR medio per Investment Bank.

Cautionary statement regarding forward-looking statements

This communication contains statements that constitute "forward-looking statements", including, but not limited to, statements relating to the implementation of strategic initiatives and other statements relating to our future business development and economic performance. While these forward-looking statements represent our judgments and future expectations concerning the development of our business, a number of risks, uncertainties and other important factors could cause actual developments and results to differ materially from our expectations. These factors include, but are not limited to, (1) general market and macro-economic trends, (2) legislative developments, governmental and regulatory trends, (3) movements in local and international securities markets, currency exchange rates and interest rates, (4) competitive pressures, (5) technological developments, (6) changes in the financial position or creditworthiness of our customers, obligors and counterparties and developments in the markets in which they operate, (7) management changes and changes to our Business Group structure and (8) other key factors that we have indicated could adversely affect our business and financial performance which are contained in other parts of this document and in our past and future filings and reports, including those filed with the SEC. More detailed information about those factors is set forth elsewhere in this document and in documents furnished by UBS and filings made by UBS with the SEC, including UBS's Annual Report on Form 20-F for the year ended 31 December 2006. UBS is not under any obligation to (and expressly disclaims any such obligations to) update or alter its forward-looking statements whether as a result of new information, future events, or otherwise.

Webcast

Key messages video

Downloads