Comunicati stampa


UBS archivia il primo trimestre 2005 con un utile netto di CHF 2625 milioni

| Quarterly Results

-Utile netto di competenza degli azionisti UBS pari a CHF 2625 milioni -Le attività finanziarie hanno contribuito con CHF 2427 milioni, segnando il secondo miglior risultato trimestrale di sempre, inferiore di CHF 1 milione al livello record del primo trimestre 2004 -Utile per azione (CHF 2.60) e ROE (32,4%) ai rispettivi massimi storici -Buona tenuta dei ricavi, sostenuti dall'andamento robusto di compensi e commissioni -Nei primi tre mesi, la raccolta netta è stata positiva per CHF 32,3 miliardi, grazie agli afflussi record per CHF 21,2 miliardi registrati dalle attività di gestione patrimoniale a livello globale.

Comunicato stampa

UBS (partecipazioni industriali comprese)

Attività finanziarie

Per il trimestre conclusosi il

Variazione % dal

in milioni di CHF, salvo altrimenti indicato

31.3.05

31.12.04

31.3.04

4Q04

1Q04

Proventi operativi

13,101

12,053

11,338

9

16

Costi operativi

9,526

9,396

8,230

1

16

Utile netto

2,833

2,210

2,369

28

20

Utile netto di competenza degli interessi di minoranza

208

132

92

58

126

Utile netto di competenza degli azionisti UBS

2,625

2,078

2,277

26

15

Proventi operativi

10,104

9,084

10,135

11

0

Costi operativi

6,877

6,600

7,120

4

(3)

Utile netto di competenza degli azionisti UBS

2,427

1,889

2,248

28

8

UBS chiude il primo trimestre 2005 con un utile netto di competenza degli azionisti («utile di competenza») pari a CHF 2625 milioni, in aumento rispetto ai CHF 2277 milioni registrati nei primi tre mesi dell'esercizio precedente. Al lordo dell'avviamento l'utile di competenza è cresciuto del 7%.

Le partecipazioni industriali di UBS, ivi compreso il portafoglio di private equity, hanno contribuito per CHF 198 milioni, ovvero per il 7,5%, all'utile di competenza, mentre le attività finanziarie per CHF 2427 milioni, segnando il secondo miglior dato trimestrale di sempre, inferiore soltanto di CHF 1 milione rispetto al risultato record ante avviamento del primo trimestre 2004.

«I ricavi hanno evidenziato una tenuta straordinaria grazie alla diversificazione del nostro business mix. Abbiamo beneficiato ancora una volta dell'ampliamento della nostra base di ricavi ricorrenti da attività di wealth management e asset management, grazie al quale siamo riusciti a controbilanciare l'indebolimento della performance nella negoziazione in proprio su titoli, che è sempre espressione delle condizioni di mercato» ha affermato Clive Standish, Chief Financial Officer.

I proventi operativi totali delle attività finanziarie di UBS si sono attestati a CHF 10 104 milioni nel primo trimestre 2005, un livello pressoché invariato rispetto ai primi tre mesi del 2004.

Le attività di wealth management e asset management hanno tratto vantaggio dal rialzo delle valutazioni di mercato, contribuendo all'aumento delle commissioni di portafoglio. I compensi e le commissioni attive netti hanno espresso un andamento particolarmente robusto, incidendo per oltre il 50% sul totale dei proventi operativi. Le commissioni di brokeraggio non sono riuscite ad eguagliare i livelli straordinariamente elevati del primo trimestre 2004, ma tale flessione è stata interamente compensata dal risultato record registrato dalle commissioni sui fondi e da quelle di gestione. L'espansione di UBS Bank USA, la crescita dei prestiti ipotecari in Svizzera e il progresso delle attività su margine d'interesse nel campo del wealth management hanno anch'essi contribuito significativamente al buon andamento dei proventi operativi. UBS ha archiviato il primo trimestre con un altro risultato brillante sul fronte creditizio, totalizzando recuperi netti su crediti in sofferenza per CHF 137 milioni, in forte ripresa rispetto ai CHF 2 milioni del primo trimestre 2004. Tali effetti positivi sono stati neutralizzati dall'andamento dei ricavi da negoziazione, in discesa rispetto ai picchi registrati lo scorso anno, con attività di contrattazione in calo rispettivamente del 19% e del 10% per i titoli a reddito fisso e i cambi e volumi di scambio pressoché invariati sul fronte dei titoli azionari.

I costi operativi complessivi per le attività finanziarie, attestatisi a CHF 6877 milioni nel primo trimestre 2005, hanno evidenziato una flessione del 3% rispetto allo scorso esercizio, principalmente per la cessazione dell'ammortamento dell'avviamento. Le spese per il personale hanno registrato una lieve diminuzione. L'incremento della spesa per gli stipendi, dovuto alla costante espansione dell'attività, e l'aumento dei costi per contratti di servizio riconducibile all'integrazione di personale informatico precedentemente dato in outsourcing sono stati ampiamente compensati dalla riduzione degli accantonamenti per compensi commisurati alla performance. Le spese generali e amministrative sono diminuite, a dimostrazione della costante attenzione rivolta ai costi non correlati al personale.

L'organico impegnato nelle attività finanziarie è cresciuto di 790 unità, passando dai 67 407 dipendenti al 31 dicembre 2004 ai 68 197 del 31 marzo 2005. Il livello di personale è aumentato in tutte le unità e regioni. Nelle Americhe, il numero di collaboratori è salito di 39 unità, in Asia- Pacifico di 309, in Europa di 237 e in Svizzera di 205.

Nel primo trimestre 2005, la raccolta netta è risultata positiva per CHF 32,3 miliardi. Le attività di wealth management hanno contribuito con un volume record pari a CHF 21,2 miliardi, registrando un sensibile aumento rispetto ai CHF 13,3 miliardi del trimestre precedente. Tale risultato è stato favorito da afflussi particolarmente sostenuti sui mercati nazionali europei, in Asia e negli Stati Uniti.

Attivi ponderati in funzione del rischio, quota di fondi propri BRI Tier 1

Il 31 marzo 2005, gli attivi ponderati per il rischio ammontavano a CHF 286 miliardi, il che equivale a un progresso dell'8% rispetto ai CHF 264,8 miliardi registrati il 31 dicembre 2004. L'accresciuta esposizione creditizia, ad esempio le operazioni su margine d'interesse nelle attività di wealth management e prime brokerage, è per la maggior parte coperta da garanzie. Il rafforzamento del dollaro USA nei confronti del franco svizzero ha inciso per circa CHF 5 miliardi sull'aumento degli attivi ponderati per il rischio.

Il capitale BRI Tier 1 è cresciuto da CHF 31,6 miliardi al 31 dicembre 2004 a CHF 32,8 miliardi in data 31 marzo 2005. La quota di fondi propri BRI Tier 1 è scesa dall'11,9% di fine dicembre 2004 all'11,5% di fine marzo 2005.

Cresce la notorietà del marchio UBS

Il continuo impegno e le risorse che UBS dedica al rafforzamento del proprio marchio continuan a dare i loro frutti. Le più recenti indagini sulla campagna pubblicitaria internazionale «You & Us indicano che la conoscenza e la notorietà del marchio UBS sono in aumento in tutte le regioni d mondo.

Prospettive

È sempre difficile prevedere, a inizio anno, quale sarà l'andamento degli affari nei mesi successivi. Come insegna l'esperienza, esiste una naturale stagionalità che imprime slancio all'attività nel primo trimestre.

«Abbiamo elaborato un business mix diversificato in grado di fornire risultati stabilmente positivi anche a fronte di scenari di mercato in continua evoluzione», ha affermato Clive Standish, Chief Financial Officer.

Risultati raffrontati agli obiettivi finanziari di UBS

I risultati di UBS raffrontati agli obiettivi finanziari sono i seguenti:

  • Nei primi tre mesi del 2005, il rendimento annualizzato del patrimonio netto (ROE) è cresciuto al 32,4% dal 31,1%1 del primo trimestre 2004, attestandosi al livello più alto mai registrato e collocandosi ampiamente al di sopra del target range di UBS del 15 - 20%. Tale risultato è stato sostenuto dall'aumento dell'utile di competenza, parzialmente neutralizzato da una crescita del patrimonio netto medio a sua volta determinata dal fatto che l'elevato livello degl utili non distribuiti è stato accompagnato dall'emissione di azioni proprie a favore dei collaboratori.

  • L'utile base per azione, anch'esso ai suoi massimi storici, è risultato pari a CHF 2.60, registrando una crescita dell'11% rispetto ai CHF 2.341 del primo trimestre di un anno fa, favorita sia dall'aumento dell'utile di competenza che dalle iniziative di buyback azionario.

  • Il rapporto costi/ricavi per le attività finanziarie di UBS ha accusato un lieve peggioramento, passando dal 68,5%1 di un anno fa al 69%. La modesta flessione dei ricavi dovuta ai minori proventi da negoziazione è stata compensata solo parzialmente dalla riduzione delle spese generali e amministrative.

Raffronto tra risultati e obiettivi

Da inizio anno

31.3.05

31.12.04

31.3.04

RoE (%) 1

Come riportato

32.4

25.5

28.8

Ante avviamento

32.4

27.8 2

31.1 2

Trimestre conclusosi in data

31.3.05

31.12.04

31.3.04

Utile base per azione (CHF) 3

Come riportato

2.60

2.07

2.16

Ante avviamento

2.60

2.23 4

2.34 4

Rapporto costi / ricavi delle attività finanziarie (%)5,6

Come riportato

69.0

73.0

70.3

Ante avviamento

69.0

71.1 7

68.5 7

Raccolta netta delle attività di wealth management (in miliardi di CHF) 8

Wealth Management

15.4

6.5

16.2

Wealth Management USA

5.8

6.8

2.8

Totale

21.2

13.3

19.0

1 Utile netto di competenza degli azionisti UBS (annualizzato ove pertinente) / patrimonio netto medio di competenza degli azionisti
UBS meno dividendi.

2 Utile netto di competenza degli azionisti UBS (annualizzato ove pertinente) al netto dell'ammortamento
dell'avviamento / patrimonio netto medio di competenza degli azionisti UBS meno dividendi.

3 Per il calcolo dell'utile per azione
(EPS), si veda la Nota 8 dei Financial Statements.

4 Utile netto di competenza degli azionisti UBS meno ammortamento

dell'avviamento / media ponderata delle azioni in circolazione.
5 Partecipazioni industriali escluse.

6 Costi operativi / proventi

operativi al netto delle rettifiche di valore per perdite (recuperi) su crediti.
7 Costi operativi al netto dell'ammortamento

dell'avviamento / proventi operativi al netto delle rettifiche di valore per perdite (recuperi) su crediti.

8 Esclusi interessi attivi e
proventi da dividendi.

1 Al lordo dell'ammortamento dell'avviamento: fino alla fine del 2004, gli obiettivi erano valutati al lordo
dell'avviamento. L'introduzione di standard contabili internazionali (International Financial Reporting Standards, IFRS)
nuovi e aggiornati ha comportato la cessazione dell'ammortamento dell'avviamento a partire dal primo trimestre 2005.

Downloads

Risultati relativi alle attività finanziarie

Zurich/Basel, 3 May 2005
UBS

Cautionary statement regarding forward-looking statements
This communication contains statements that constitute "forward-looking statements", including, but not limited to, statements relating to the implementation of strategic initiatives, such as the European wealth management business, and other statements relating to our future business development and economic performance. While these forward-looking statements represent our judgments and future expectations concerning the development of our business, a number of risks, uncertainties and other important factors could cause actual developments and results to differ materially from our expectations. These factors include, but are not limited to, (1) general market, macro-economic, governmental and regulatory trends, (2) movements in local and international securities markets, currency exchange rates and interest rates, (3) competitive pressures, (4) technological developments, (5) changes in the financial position or creditworthiness of our customers, obligors and counterparties and developments in the markets in which they operate, (6) legislative developments, (7) management changes and changes to our Business Group structure and (8) other key factors that we have indicated could adversely affect our business and financial performance which are contained in other parts of this document and in our past and future filings and reports, including those filed with the SEC. More detailed information about those factors is set forth elsewhere in this document and in documents furnished by UBS and filings made by UBS with the SEC, including UBS's Annual Report on Form 20-F for the year ended 31 December 2003. UBS is not under any obligation to (and expressly disclaims any such obligations to) update or alter its forward-looking statements whether as a result of new information, future events, or otherwise.